20 Gennaio 2020

Mauro Mazzoni

Coordinatore Nazionale FASSID

Nella Segreteria di sabato 18 gennaio è stato nominato Coordinatore Nazionale FASSID Mauro Mazzoni. Al suo quinto coordinamento, succede a Corrado Bibbolino, come previsto nello statuto della FASSID, che vede governare a rotazione i Segretari Nazionali delle sigle afferenti AIPaC, AUPI, SIMeT, SiNaFO, SNR. FASSID rappresenta oggi la più grande organizzazione sindacale della medicina dei servizi, […]

Nella Segreteria di sabato 18 gennaio è stato nominato Coordinatore Nazionale FASSID Mauro Mazzoni. Al suo quinto coordinamento, succede a Corrado Bibbolino, come previsto nello statuto della FASSID, che vede governare a rotazione i Segretari Nazionali delle sigle afferenti AIPaC, AUPI, SIMeT, SiNaFO, SNR.

FASSID rappresenta oggi la più grande organizzazione sindacale della medicina dei servizi, nei quali sono presenti tutti dirigenti medici e sanitari pubblici. Mazzoni, Segretario Nazionale dei medici del territorio SIMET, già direttore UOC SIAN, esperto di sicurezza alimentare, svolge docenze in temi di igiene e prevenzione ed è sindacalista di lungo corso. Al centro del suo impegno in FASSID il monitoraggio e la corretta applicazione del  contratto appena siglato in tutto il territorio nazionale, nei tempi e nei modi previsti: «Questo contratto, il primo contratto unico della dirigenza sanitaria e medica, rappresenta un caposaldo. Non accetteremo diverse applicazioni, monitorando un approccio uniforme su tutto il territorio nazionale e pari dignità di trattamento  per tutti i dirigenti. E ci aspettiamo chiarezza nella gestione dei concorsi, senza piccole, improbabili sortite né scappatoie fuori dalla storia, come quelle di richiamare al lavoro i pensionati. Mancano i medici. E’ tempo di aprire ai giovani» ha affermato il nuovo coordinatore.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 14 luglio, sono 13.106.569 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 573.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 13 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»