7 Gennaio 2019 15:52

Marco Luigi Votta

PRESIDENTE ISTITUTO NAZIONALE TUMORI MILANO

Cambio ai vertici dell‘Istituto Nazionale dei Tumori di Milano (INT). Il dottor Enzo Lucchini, Presidente dell’Istituto dall’1 gennaio 2016, ha concluso il suo mandato triennale il 31 dicembre 2018 e ha passato il testimone al dottor Marco Luigi Votta. Il nuovo Presidente ha 65 anni e ha ricoperto diversi incarichi: Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera della […]

Cambio ai vertici dell‘Istituto Nazionale dei Tumori di Milano (INT). Il dottor Enzo Lucchini, Presidente dell’Istituto dall’1 gennaio 2016, ha concluso il suo mandato triennale il 31 dicembre 2018 e ha passato il testimone al dottor Marco Luigi Votta.

Il nuovo Presidente ha 65 anni e ha ricoperto diversi incarichi: Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera della Valtellina e Valchiavenna (Sondrio), Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria Locale di Lecco e Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Desenzano del Garda (Brescia) e, ultimo in ordine di tempo, Responsabile di Struttura Complessa – U.O.C. Distretto di Lodi, Ats Agenzia di Tutela della Salute Citta’ Metropolitana di Milano.

Il mandato del dottor Marco Luigi Votta come Presidente dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano avrà una durata di cinque anni. «Sono onorato di essere stato nominato Presidente dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano che so essere nel cuore di moltissimi milanesi – ha dichiarato Votta – . Nei prossimi cinque anni dovremo sostenere diverse sfide che affronteremo uniti, insieme alla Direzione Generale e alla Direzione Scientifica, con sinergie di intenti e grande collaborazione. L’obiettivo di tutti noi rimane la centralità del Paziente» ha concluso il Presidente.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.