7 Gennaio 2019

Marco Luigi Votta

PRESIDENTE ISTITUTO NAZIONALE TUMORI MILANO

Cambio ai vertici dell‘Istituto Nazionale dei Tumori di Milano (INT). Il dottor Enzo Lucchini, Presidente dell’Istituto dall’1 gennaio 2016, ha concluso il suo mandato triennale il 31 dicembre 2018 e ha passato il testimone al dottor Marco Luigi Votta. Il nuovo Presidente ha 65 anni e ha ricoperto diversi incarichi: Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera della […]

Cambio ai vertici dell‘Istituto Nazionale dei Tumori di Milano (INT). Il dottor Enzo Lucchini, Presidente dell’Istituto dall’1 gennaio 2016, ha concluso il suo mandato triennale il 31 dicembre 2018 e ha passato il testimone al dottor Marco Luigi Votta.

Il nuovo Presidente ha 65 anni e ha ricoperto diversi incarichi: Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera della Valtellina e Valchiavenna (Sondrio), Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria Locale di Lecco e Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Desenzano del Garda (Brescia) e, ultimo in ordine di tempo, Responsabile di Struttura Complessa – U.O.C. Distretto di Lodi, Ats Agenzia di Tutela della Salute Citta’ Metropolitana di Milano.

Il mandato del dottor Marco Luigi Votta come Presidente dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano avrà una durata di cinque anni. «Sono onorato di essere stato nominato Presidente dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano che so essere nel cuore di moltissimi milanesi – ha dichiarato Votta – . Nei prossimi cinque anni dovremo sostenere diverse sfide che affronteremo uniti, insieme alla Direzione Generale e alla Direzione Scientifica, con sinergie di intenti e grande collaborazione. L’obiettivo di tutti noi rimane la centralità del Paziente» ha concluso il Presidente.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Politica

Professioni sanitarie, Beatrice Lorenzin: «Ordine importante per combattere abusivismo. Ma dal Governo passi indietro con deregulation»

«Abbiamo bisogno sempre di una maggiore specializzazione e anche di una capacità di intercettare i cambiamenti tecnologici», sottolinea a Sanità Informazione l’ex ministro della Salute, oggi dep...