10 gennaio 2019

José Baselga

Direttore oncologia Astrazeneca

AstraZeneca ha scelto José Baselga per dirigere la R&D in Oncologia. Baselga, 59 anni, arriva dal Memorial Sloan-Kettering Center di New York – era a capo dell’unità oncologica – da cui si era dimesso, dopo che il New York Times e Pro Publica avevano rivelato che non aveva dichiarato milioni di dollari di pagamenti ricevuti da aziende farmaceutiche. Secondo […]

AstraZeneca ha scelto José Baselga per dirigere la R&D in Oncologia.

Baselga, 59 anni, arriva dal Memorial Sloan-Kettering Center di New York – era a capo dell’unità oncologica – da cui si era dimesso, dopo che il New York Times e Pro Publica avevano rivelato che non aveva dichiarato milioni di dollari di pagamenti ricevuti da aziende farmaceutiche.

Secondo AstraZeneca «il valore scientifico dell’esperto non è in discussione». Lo scienziato spagnolo è stato anche responsabile dell’oncologia/ematologia al Massachusetts General Hospital Cancer Center ed è stato professore alla Harvard Medical School.

In AstraZeneca seguirà tutte le fasi dello sviluppo dei farmaci, dalla scoperta fino alla fase finale.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano