8 Maggio 2020 16:40

Gianni Rezza

DIRETTORE GENERALE PREVENZIONE MINISTERO SALUTE

«È uno scienziato di qualità che mette la sua esperienza al servizio del Paese». Questo l’annuncio del ministro della Salute Roberto Speranza sull’atto di nomina di Gianni Rezza a nuovo direttore generale della prevenzione del ministero della Salute. Giovanni Rezza è un epidemiologo considerato tra i migliori in Italia. Dirigente di ricerca dell’Istituto Superiore di […]

«È uno scienziato di qualità che mette la sua esperienza al servizio del Paese». Questo l’annuncio del ministro della Salute Roberto Speranza sull’atto di nomina di Gianni Rezza a nuovo direttore generale della prevenzione del ministero della Salute.

Giovanni Rezza è un epidemiologo considerato tra i migliori in Italia. Dirigente di ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità dal 1991 e direttore del dipartimento di Malattie infettive, parassitarie e immunomediate, si è laureato all’università La Sapienza di Roma nel 1978 e ha poi conseguito la specializzazione in Igiene e Medicina preventiva nel 1982, e in Malattie infettive nel 1986.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano