17 Novembre 2022 13:55

Francesco Nardacchione

PRESIDENTE FEDERAZIONE CIMO-FESMED LAZIO

Si è insediato ieri, a Roma, il Consiglio regionale della Federazione CIMO-FESMED Lazio, un sindacato di medici dipendenti del Servizio sanitario nazionale che riunisce le sigle ANPO-ASCOTI, CIMO, CIMOP e FESMED. Francesco Nardacchione è stato eletto Presidente, che viene affiancato dal Vicepresidente vicario Domenico Carnì e dal Vicepresidente Alessandro Caminiti. La segreteria regionale è inoltre […]

Si è insediato ieri, a Roma, il Consiglio regionale della Federazione CIMO-FESMED Lazio, un sindacato di medici dipendenti del Servizio sanitario nazionale che riunisce le sigle ANPO-ASCOTI, CIMO, CIMOP e FESMED. Francesco Nardacchione è stato eletto Presidente, che viene affiancato dal Vicepresidente vicario Domenico Carnì e dal Vicepresidente Alessandro Caminiti. La segreteria regionale è inoltre composta da Vincenzo Bianco (Segretario), Alfonso Grottesi (Vicesegretario) e Paolo Palombo (Segretario amministrativo). Luciana Di Troia, Filippo Di Pasquale e Massimo Ducci sono stati eletti Revisori dei conti.

«Riunendo in un’unica Federazione il prezioso patrimonio di sigle storiche nel panorama sindacale della categoria, continueremo a tutelare la dirigenza medica – dichiara il Presidente regionale Francesco Nardacchione -. Il Servizio sanitario del Lazio soffre, come del resto tutto il Paese, di una grave carenza di personale che rende inaccettabili le condizioni di lavoro e contrae la quantità e la qualità dei servizi offerti ai cittadini. È necessario ricorrere ad interventi straordinari per rendere nuovamente attrattivo il Servizio sanitario regionale, frenando la fuga dei colleghi verso il privato o l’estero e incoraggiando i giovani medici a specializzarsi nelle branche considerate più a rischio (Medicina d’Urgenza, Chirurgia e Anestesia). In questo scenario – continua Nardacchione – è essenziale rinnovare i contratti di lavoro, poiché è intollerabile che in molte aziende del Lazio venga ancora applicato il CCNL 2006-2009, e utilizzare in modo corretto i fondi aziendali. Due temi su cui la Federazione CIMO-FESMED Lazio non intende arretrare di un millimetro: a rischio è la tenuta stessa degli ospedali della Regione», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...