13 Gennaio 2020 13:25

Dario Manfellotto

PRESIDENTE FADOI

Il nuovo presidente nazionale della Federazione delle Associazioni Dirigenti Ospedalieri Internisti (Fadoi) è Dario Manfellotto. È una Società scientifica della Medicina Interna che conta oltre 3.000 medici internisti in tutta Italia. Manfellotto, Primario della UOC di Medicina Interna e direttore del Dipartimento della Discipline Mediche dell’Ospedale Fatebenefratelli Isola Tiberina di Roma, guiderà la Fadoi per […]

Il nuovo presidente nazionale della Federazione delle Associazioni Dirigenti Ospedalieri Internisti (Fadoi) è Dario Manfellotto. È una Società scientifica della Medicina Interna che conta oltre 3.000 medici internisti in tutta Italia.

Manfellotto, Primario della UOC di Medicina Interna e direttore del Dipartimento della Discipline Mediche dell’Ospedale Fatebenefratelli Isola Tiberina di Roma, guiderà la Fadoi per il triennio 2020-2022. «Il mio obiettivo – ha dichiarato – sarà in primis quello di tenere sempre più  la Medicina interna al centro del sistema sanitario, come vero baricentro dell’Ospedale. L’internista, infatti, è come un direttore d’orchestra, uno specialista della complessità che favorisce l’integrazione e il coordinamento tra le varie specialità. Basti pensare – ha evidenziato il presidente – che su circa 8 mln di ricoveri ordinari l’anno quasi 2 milioni sono in Medicina interna».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale