10 Gennaio 2018

Antonio Spera

Presidente e Amministratore Delegato di Ge Healthcare Italia

A partire dal 2 gennaio 2018, Antonio Spera è il nuovo Presidente e Amministratore Delegato di Ge Healthcare Italia, divisione medicale di General Electric, leader nel settore delle tecnologie medicali, dei farmaci diagnostici e dei sistemi digitali per la Sanità. Nel nuovo ruolo, Spera avrà il compito di consolidare la leadership della divisione medicale di General Electric in […]

A partire dal 2 gennaio 2018, Antonio Spera è il nuovo Presidente e Amministratore Delegato di Ge Healthcare Italia, divisione medicale di General Electric, leader nel settore delle tecnologie medicali, dei farmaci diagnostici e dei sistemi digitali per la Sanità. Nel nuovo ruolo, Spera avrà il compito di consolidare la leadership della divisione medicale di General Electric in Italia, valorizzando un ampio portafoglio di soluzioni che va dai dispositivi di diagnostica per immagini a radiofarmaci e mezzi di contrasto, passando per le tecnologie per la sanità 4.0, fondamentali nel processo di digitalizzazione che secondo GE può consentire al sistema sanitario nazionale di migliorare la propria efficienza, riducendo i costi e incrementando la qualità delle cure.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

«La prima ondata? Non è mai finita. Ora però risparmiamoci un altro lockdown»

Intervista all'infettivologo Stefano Vella: «Doveva finire la fase del terrore, non della paura. La paura in questi casi ci salva la vita»