10 gennaio 2018

Antonio Spera

Presidente e Amministratore Delegato di Ge Healthcare Italia

A partire dal 2 gennaio 2018, Antonio Spera è il nuovo Presidente e Amministratore Delegato di Ge Healthcare Italia, divisione medicale di General Electric, leader nel settore delle tecnologie medicali, dei farmaci diagnostici e dei sistemi digitali per la Sanità. Nel nuovo ruolo, Spera avrà il compito di consolidare la leadership della divisione medicale di General Electric in […]

A partire dal 2 gennaio 2018, Antonio Spera è il nuovo Presidente e Amministratore Delegato di Ge Healthcare Italia, divisione medicale di General Electric, leader nel settore delle tecnologie medicali, dei farmaci diagnostici e dei sistemi digitali per la Sanità. Nel nuovo ruolo, Spera avrà il compito di consolidare la leadership della divisione medicale di General Electric in Italia, valorizzando un ampio portafoglio di soluzioni che va dai dispositivi di diagnostica per immagini a radiofarmaci e mezzi di contrasto, passando per le tecnologie per la sanità 4.0, fondamentali nel processo di digitalizzazione che secondo GE può consentire al sistema sanitario nazionale di migliorare la propria efficienza, riducendo i costi e incrementando la qualità delle cure.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...