Stop Ingiustizie Bancarie 25 ottobre 2016

Il “Salvabanche” gli toglie 50mila euro, imprenditore ternano fa ricorso

Ritrovarsi con 50mila euro in meno da un giorno all’altro. Precisamente il 22 novembre 2015, quando quasi un miliardo e mezzo di euro è andato in fumo in seguito all’approvazione, da parte del Governo, del Decreto “Salvabanche”. Un’ingiustizia (anzi, una «fregatura», come la chiama Giuseppe Alunni, imprenditore ternano da anni nel settore delle forniture tecniche […]

Ritrovarsi con 50mila euro in meno da un giorno all’altro. Precisamente il 22 novembre 2015, quando quasi un miliardo e mezzo di euro è andato in fumo in seguito all’approvazione, da parte del Governo, del Decreto “Salvabanche”. Un’ingiustizia (anzi, una «fregatura», come la chiama Giuseppe Alunni, imprenditore ternano da anni nel settore delle forniture tecniche e industriali) che non può restare impunita. Perché lui e la sua azienda, così come centinaia di altri risparmiatori, hanno deciso di investire un po’ di denaro in obbligazioni subordinate di Banca Marche (uno dei quattro istituti che il “Salvabanche” ha, per l’appunto, salvato dal fallimento), considerate sicurissime e, dunque, a basso rendimento. Il problema, però, è che in seguito a quanto accaduto agli istituti (gli altri tre sono Banca Marche, Carichieti e Cariferrara), si è deciso di prendere il necessario dagli investitori per non farli fallire.

«In realtà – ha spiegato l’imprenditore al giornale “Umbriaon” – la banca con maggiori problemi era la Popolare dell’Etruria, mentre le altre avrebbero potuto avviare una ristrutturazione interna senza assorbire il capitale degli investitori. Così non è stato e i due decreti legge 80 e 81 successivamente emanati dal governo, impediscono di fatto l’azione legale da parte de risparmiatori verso i ‘vecchi’ amministratori delle banche in questione e, al tempo stesso, chi ha partecipato direttamente alle ‘ristrutturazioni’ è tenuto a rispettare il segreto di Stato, in palese violazione della Costituzione».

Ad un anno da quei fatti, ancora «non c’è stato alcun tipo di rimborso» e la fiducia di molti risparmiatori di ricevere un qualche tipo di risarcimento è crollata: «Il punto – continua Alunni – è che non esistono decreti attuativi su questo punto e il governo ha anche ‘bollato’ come speculatori gli obbligazionisti. Cosa che, a giudicare dai rendimenti di quei titoli, è assolutamente falsa».

Ma Alunni non è nuovo a questo tipo di problemi: già in passato ha avuto modo di agire contro banche e istituti per usura bancaria e anatocismo, due piaghe che continuano a costare molto caro agli ignari correntisti, che sempre più spesso fanno ricorso per ottenere giustizia. «Intendo fare tutto ciò che serve – spiega ancora Alunni –, qualsiasi forma di protesta ed azione, legale ovviamente, per ottenere giustizia. Mi muoverò autonomamente anche se questo è un tema che interessa tanti e spero che ognuno avverta l’esigenza di far sentire la propria voce. Parliamo di temi centrali per la vita dei cittadini e delle imprese: essere trattati come carne da macello non ci sta più bene ed è ora di spazzare l’aria di omertà che si respira su questioni apparentemente ‘intoccabili’ al pari delle persone che hanno causato questi disastri».

Articoli correlati
Decreto “Salvabanche”, un anno dopo: “Le nostre richieste non sono state ascoltate”
È passato un anno ma la situazione non è ancora stata risolta. Lo ricorda il Comitato Vittime del “Salvabanche”, l’associazione che si è fatta portavoce delle richieste di tutti quegli obbligazionisti che, in seguito all’approvazione del Decreto (firmato nel novembre dello scorso anno) che ha salvato dal fallimento Banca Etruria, Banca Marche, CariFe e CariChieti, […]
Fallimento Banca Etruria, presentato nuovo esposto. Il Procuratore: “Darà ulteriore forza all’indagine”
Nuovo esposto contro gli ex vertici di Banca Etruria. Le associazioni “Amici di Banca Etruria” e “Vittime del Salva-Banche” hanno evidenziato un «ipotetico dolo nella modalità di emissione di obbligazioni subordinate Banca Etruria del 2013, finalizzato a vendere in maniera capillare tali rischiosi prodotti finanziari ai piccoli risparmiatori». Per il procuratore Rossi questo esposto darà «ulteriore […]
Veneto Banca, offrivano ai clienti prestiti “baciati”: sedici indagati tra funzionari e manager
Sono accusati di aver contribuito a svuotare le casse di Veneto Banca con operazioni senza garanzia. Sono sedici le persone indagate, tra alti funzionari e manager dell’istituto e di diverse società collegate, per ipotesi di reato che vanno dall’ostacolo alla vigilanza alle false comunicazioni sociali. Per loro la Procura di Roma ha disposto nuovi accertamenti. […]
Guida della Banca d’Italia: ecco come difendersi da pubblicità ingannevole e irregolarità bancarie
I prodotti bancari, in particolar modo quelli più complessi, possono nascondere numerosi rischi e insidie, non sempre dettagliati dalle relative descrizioni. Per colmare il gap informativo, la Banca d’Italia pubblica con cadenza periodica le “Guide pratiche al credito”, opuscoli divulgativi destinati a favorire la comprensione dei prodotti più diffusi e a promuovere scelte consapevoli e […]
“Salva Banche”: al via i rimborsi forfettari, ma dei decreti per l’arbitrato neanche l’ombra
Lunedì 19 settembre, con un ritardo di quasi tre mesi rispetto al termine del 30 giugno fissato dal premier,  è il giorno previsto per i rimborsi forfettari per gli oltre 10mila obbligazionisti coinvolti nel fallimento di Banca Etruria, Banca Marche, Carife e CariChieti. Ancora nessuna novità, invece, riguardo ai decreti attuativi dell’arbitrato bancario, il cui […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...