Sanità integrativa, Chersevani (FNOMCeO): «Sì a formule complementari per supportare un servizio pubblico in affanno»

Al convegno sul tema organizzato in Campidoglio dall’OMCeO di Roma interviene la Presidente della Federazione Nazionale: «Il paziente al primo posto, percorsi differenziati non si traducano in differenze qualitative»

Immagine articolo

Quello italiano è un Servizio sanitario con grandi potenzialità, che ha dalla sua caratteristiche di eguaglianza e universalità, ma costantemente in sofferenza a causa della crisi e dei tagli. Prevedere dei canali alternativi che garantiscano al cittadino un servizio adeguato – nonostante le lacune del sistema – sembra essere una soluzione valida purché «a sostenerne le spese sia chi ne ha effettivamente le possibilità economiche». Così – all’incontro sulla previdenza sanitaria integrativa tenutosi nei giorni scorsi a Roma – la Presidente della Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, Roberta Chersevani.

La massima carica della FNOMCeO ha rimarcato l’attenzione su un punto fondamentale: la centralità del paziente – e delle sue necessità – nell’ambito di qualsiasi percorso sanitario scelto. «Il paziente si rivolge a noi per prevenzione, diagnosi, terapia. È importante che la qualità dell’assistenza sia uniforme e sempre ai massimi livelli per chiunque richieda una prestazione, che sia essa integrata o del nostro Servizio sanitario».

E l’opportunità di un welfare integrativo è la cartina al tornasole di una serie di annose problematiche che affliggono il sistema sanitario italiano. «Penso al blocco delle assunzioni – continua Chersevani – che in alcuni casi perdura da anni. L’età media dei medici negli ospedali è di circa 55 anni, è evidente che mancano i giovani, e credo che questo riguardi anche le altre professioni sanitarie. Da parte nostra – aggiunge – c’è un impegno costante sull’appropriatezza, che significa non sprecare, spendere meno ma spendere meglio, e capire come questo incide sull’outcome, sul risultato per il paziente».

Resta da sciogliere, in tal senso, il nodo della comunicazione e del rapporto di fiducia medico-paziente: «Quando il paziente richiede una determinata prestazione – afferma la Presidente FNOMCeO – sta a noi comunicare con lui circa l’effettiva utilità della stessa. Questo richiede tempo e allora, nell’organizzazione delle nostre attività – conclude – è importante recuperare quel tempo che si traduce in dialogo, informazione, comprensione».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...