Salute 18 gennaio 2018

SMI: ancora violenze sui medici in Sicilia, occorre intervento fermo e tempestivo da parte dello Stato

Il Sindacato dei medici italiani chiede un intervento immediato e deciso del presidente della Regione, Nello Musumeci, e del ministro dell’Interno, Marco Minniti, affinché «lo Stato si schieri in maniera netta dalla parte di chi garantisce il diritto alla salute dei cittadini»

Ѐ allarme sicurezza per la categoria medica. «Non accenna a placarsi in Sicilia la spirale di violenza che coinvolge medici e personale sanitario ormai quotidianamente». Queste le affermazioni di Emanuele Cosentino, vice segretario regionale del Sindacato dei Medici Italiani (Smi) Sicilia, contenute in una nota stampa.

Nell’ultima settimana, infatti, 3 infermieri sono stati  aggrediti presso alcuni presidi ospedalieri di Palermo e un medico e un ausiliario del Pronto soccorso all’ospedale di Caltanissetta. «Per spezzare definitivamente questa tragica spirale» il Sindacato Medici Italiani chiede un intervento immediato e deciso del Presidente della Regione, Nello Musumeci, e del Ministro dell’Interno, Marco Minniti, affinché «lo Stato si schieri in maniera definitiva e netta dalla parte di chi garantisce il diritto costituzionale alla salute dei cittadini. Non è accettabile – prosegue lo Smi – che il personale sanitario, che per formazione rifiuta ogni forma di violenza, sia a rischio in ogni intervento, in ogni minuto della sua giornata lavorativa. Ѐ ormai necessario che vengano presi dei provvedimenti seri a difesa dei medici, e non solo, con una maggiore attenzione e presenza delle forze dell’ordine, attribuendo ai professionisti sanitari definitivamente lo stato di pubblici ufficiali nell’esercizio professionale, con le conseguenti misure previste dalla legge in questi casi, quali il fermo di polizia e la denuncia d’ufficio all’autorità giudiziaria per gli aggressori – sottolinea Cosentino – ».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI MEDICI, FOTO CHOC SUI SOCIAL PER DENUNCIARE VIOLENZE 

«L’episodio più grave – ricorda il vice segretario  – si è verificato nei confronti di un medico del 118 della postazione Msa di Falcone. Inviato per un soccorso in codice verde a Patti, nella notte del 5 gennaio è stato aggredito dallo stesso paziente che stava soccorrendo e dai familiari dello stesso. Il medico ha ricevuto un pugno che gli ha provocato la frattura del setto nasale e la lacerazione del labbro superiore. Il conseguente intervento dei carabinieri, a loro volta aggrediti, che hanno avuto difficoltà a riportare l’ordine, ha permesso di completare il soccorso e il trasporto in ospedale del cosiddetto ‘paziente’ e dello stesso medico che ha avuto una prognosi di 30 giorni. A causa dell”incidente – conclude Cosentino – l’ambulanza del 118 è rimasta priva del medico per la restante parte del turno, determinando una carenza assistenziale nei confronti di altri cittadini e difficoltà gestionali alla stessa centrale operativa 118 di Messina».

 

Articoli correlati
Regione Lazio, istituito Osservatorio sulle aggressioni al personale medico
Approvata la Delibera per istituire l’Osservatorio sulla sicurezza degli operatori sanitari, una struttura fortemente richiesta per comprendere meglio il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario che negli ultimi mesi ha visto aumentare a livello nazionale il numero dei casi denunciati. Come specificato sul sito della Regione Lazio, l’Osservatorio avrà il compito di quantificare il fenomeno delle […]
Violenza sulle donne, Amsi e Co-mai uniti contro le aggressioni a casa e sul lavoro
Ha avuto un grande successo la serata di beneficenza organizzata dall’ associazione “Casa del rifugio per le donne vittime di violenza” di Roma, che si è tenuta recentemente presso il “La Riccia Ranch“di Anguillara Sabazia. Grande la partecipazione della cittadinanza, che ha cosi risposto positivamente all’appello lanciato dall’ associazione con il patrocinio del Movimento Uniti […]
Femminicidio, la psicoterapeuta: stop alla paura. Donne ripartano dalla libertà
«Basta con atteggiamenti di timore nei confronti dei propri uomini. Le donne succubi e impaurite vanno aiutate ripartendo dal concetto di libertà individuale. Per questo bisogna insistere con campagne di prevenzione attraverso momenti di ascolto ed emancipazione». Così Paola Vinciguerra psicoterapeuta, presidente Eurodap-Associazione europea disturbi attacchi di panico e direttore scientifico del centro Bioequilibrium, commenta l’aumento di […]
Consiglio FNOMCeO, Anelli: «Agli Stati Generali la Magna Charta della professione medica. Presto proposta di legge contro aggressioni»
«Solo con recupero dell’autonomia e della dignità possiamo contrastare fake news in sanità e la violenza contro gli operatori», spiega il Presidente della Federazione degli Ordini che ha annunciato una pubblicità progresso sul tema
I problemi della sanità secondo i medici: dal precariato alla medicina difensiva, le testimonianze di chi vive tutti i giorni in corsia
Abbiamo chiesto ai medici che hanno preso parte al Congresso di Anaao-Assomed quali sono i problemi principali della categoria che dovrebbero essere affrontati più urgentemente. Ecco cosa ci hanno risposto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Salute

Stop alla Cannabis Light? Ma l’Italia punta su quella terapeutica

Efficace nel trattamento di un grande numero di patologie, la cannabis terapeutica si sta ritagliando un ruolo fondamentale nel mondo sanitario. Negli ultimi anni la domanda è impennata ma l’obiett...