Salute 31 ottobre 2016

OSAS e apnee notturne, parla W.K. Thornton (Baylor College Tex): «Una vera e propria epidemia negli Usa e in Italia»

Sindrome delle apnee ostruttive del sonno, una malattia molto diffusa che mette a rischio quasi due milioni di italiani. Ce ne parla il professore texano W.K. Thornton, massima autorità in campo di medicina del sonno: «Osas causa di obesità, problemi di apprendimento e colpi di sonno alla guida»

In Italia sono 1.600.000 i pazienti affetti da OSAS, la Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno. La patologia oltre a comportare al Sistema Sanitario Nazionale una spesa di circa 3 miliardi di euro, può aggravare situazioni di malessere preesistenti quali ipertensione e cardiopatie. Di questa malattia negli ultimi tempi si comincia a parlarne più diffusamente anche nell’ambito odontoiatrico, in quanto il dentista si trova in una situazione di vantaggio clinico e assistenziale, rispetto ad altri operatori sanitari, perché in grado di evidenziare segni e sintomi di Osas più tempestivamente. A questo proposito ai nostri microfoni una delle massime autorità in campo medicina del sonno, il Dr. W. Keith Thornton Clinical Assistant Professor presso A&M Baylor College of Dentisty in Texas.

Osas ha un impatto sociale sempre più importante, si stima appunto che nella popolazione italiana siano quasi due milioni i soggetti potenzialmente a rischio.

«Questo problema del sonno è veramente un’epidemia e la vedo non solo negli Stati Uniti ma anche in Italia. C’è un problema effettivamente medico, la mancanza di sonno causa nei bambini problemi di apprendimento, negli adulti può essere motivo di problemi di sonno alla guida e anche di obesità, il problema è reale ed effettivo».

La consapevolezza della classe medica si unisce anche all’evoluzione della tecnologia sia nella diagnosi, si pensi agli esami come la polisonnografia, che un tempo erano molto complicate e che adesso stanno diventando più semplici nel trattamento.

«Tenendo sotto controllo l’evoluzione del mercato si evince che tra un anno o due tutti avranno delle app sul cellulare in grado di monitorare il problema e fare delle diagnosi semplici. In ogni caso la miglior diagnosi rimane il compagno di letto che può fare valutazioni sulle abitudini di respirazione notturna».

Come affrontano il problema i sistemi sanitari nazionali, sappiamo che il sistema negli Stati Uniti è leggermente diverso rispetto a quello italiano che è a forte base pubblica. Come i diversi sistemi sanitari affrontano questo tipo di patologia problematica?

«Io ritengo che il dentista sia il medico più adatto a fare diagnosi rispetto alla patologia Osas. Noi dentisti, grazie anche alla nostra formazione, siamo competenti nella valutazione di questo problema e dovremmo curare dall’ 80 al 90% di queste persone».

 

Per saperne di più leggi anche Un allarme sociale chiamato OSAS. Apnee del sonno, medici tenuti a segnalazione per rinnovo patente

Nei prossimi numeri di Sanità Informazione saranno presenti ulteriori approfondimenti sulla patologia OSAS.
Per partecipare al dibattito, fare domande o dare risposte, scrivere una email all’indirizzo redazione@sanitainformazione.it

Articoli correlati
L’OSAS causa 12mila incidenti l’anno. Parte la campagna ACI-FISAR “Dormi meglio, Guida sveglio”
ACI e FISAR (Federazione Italiana Salute Ambiente Respiro) sfruttano il passaggio obbligato del rilascio e rinnovo della patente, per 5 milioni di italiani ogni anno, proponendo un “check-up del sonno” prima di procedere alla visita medica obbligatoria per la patente
Odontoiatria, al via il 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari discipline Odontostomatologiche
Microbiota orale, malattie sistemiche, rischio e correlazione. Sono quattro parole chiave che danno il titolo al 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari di discipline Odontostomatologiche (CDUO), l’appuntamento annuale che rappresenta un’occasione unica di scambio fra i vari protagonisti del mondo dell’odontoiatria: mondo accademico, libera professione, SSN con un’attenzione particolare all’attività scientifico-formativa rivolta ai più […]
Crisi di coppia? È colpa dei disturbi del sonno. Enrico Brunello (AIPAS): «Russamenti e apnee mettono a dura prova la convivenza»
«Chi dorme accanto ad un paziente affetto da Osas finirà per soffrire di un disturbo del sonno indotto». Il punto di vista del Presidente dell’Associazione Italiana Pazienti con Apnee del Sonno
di Isabella Faggiano
Roma, i dentisti dell’AIO nelle scuole e nelle piazze italiane
Oggi, 20 marzo, si celebra la Sesta edizione della Giornata Mondiale per la promozione della Salute Orale (World Oral Health Day) in 150 paesi di tutto il mondo. Per l’occasione, i dentisti dell’Associazione AIO (Associazione Italiana Odontoiatri) incontreranno i cittadini nelle scuole, nelle ASL e nelle piazze delle principali città italiane per sensibilizzarli sulla prevenzione e sulle […]
Apnee ostruttive del sonno, come diagnosticare e prevenire i problemi di OSAS
«La sindrome delle apnee notturne ha costi sociali e sanitari molto elevati». Così il Professor Francesco Peverini, Presidente della Fondazione per la Ricerca e la Cura dei Disturbi del Sonno Onlus, che spiega: «Necessaria una diagnosi corretta e precoce»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...