Salute 31 ottobre 2016

OSAS e apnee notturne, parla W.K. Thornton (Baylor College Tex): «Una vera e propria epidemia negli Usa e in Italia»

Sindrome delle apnee ostruttive del sonno, una malattia molto diffusa che mette a rischio quasi due milioni di italiani. Ce ne parla il professore texano W.K. Thornton, massima autorità in campo di medicina del sonno: «Osas causa di obesità, problemi di apprendimento e colpi di sonno alla guida»

In Italia sono 1.600.000 i pazienti affetti da OSAS, la Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno. La patologia oltre a comportare al Sistema Sanitario Nazionale una spesa di circa 3 miliardi di euro, può aggravare situazioni di malessere preesistenti quali ipertensione e cardiopatie. Di questa malattia negli ultimi tempi si comincia a parlarne più diffusamente anche nell’ambito odontoiatrico, in quanto il dentista si trova in una situazione di vantaggio clinico e assistenziale, rispetto ad altri operatori sanitari, perché in grado di evidenziare segni e sintomi di Osas più tempestivamente. A questo proposito ai nostri microfoni una delle massime autorità in campo medicina del sonno, il Dr. W. Keith Thornton Clinical Assistant Professor presso A&M Baylor College of Dentisty in Texas.

Osas ha un impatto sociale sempre più importante, si stima appunto che nella popolazione italiana siano quasi due milioni i soggetti potenzialmente a rischio.

«Questo problema del sonno è veramente un’epidemia e la vedo non solo negli Stati Uniti ma anche in Italia. C’è un problema effettivamente medico, la mancanza di sonno causa nei bambini problemi di apprendimento, negli adulti può essere motivo di problemi di sonno alla guida e anche di obesità, il problema è reale ed effettivo».

La consapevolezza della classe medica si unisce anche all’evoluzione della tecnologia sia nella diagnosi, si pensi agli esami come la polisonnografia, che un tempo erano molto complicate e che adesso stanno diventando più semplici nel trattamento.

«Tenendo sotto controllo l’evoluzione del mercato si evince che tra un anno o due tutti avranno delle app sul cellulare in grado di monitorare il problema e fare delle diagnosi semplici. In ogni caso la miglior diagnosi rimane il compagno di letto che può fare valutazioni sulle abitudini di respirazione notturna».

Come affrontano il problema i sistemi sanitari nazionali, sappiamo che il sistema negli Stati Uniti è leggermente diverso rispetto a quello italiano che è a forte base pubblica. Come i diversi sistemi sanitari affrontano questo tipo di patologia problematica?

«Io ritengo che il dentista sia il medico più adatto a fare diagnosi rispetto alla patologia Osas. Noi dentisti, grazie anche alla nostra formazione, siamo competenti nella valutazione di questo problema e dovremmo curare dall’ 80 al 90% di queste persone».

 

Per saperne di più leggi anche Un allarme sociale chiamato OSAS. Apnee del sonno, medici tenuti a segnalazione per rinnovo patente

Nei prossimi numeri di Sanità Informazione saranno presenti ulteriori approfondimenti sulla patologia OSAS.
Per partecipare al dibattito, fare domande o dare risposte, scrivere una email all’indirizzo redazione@sanitainformazione.it

Articoli correlati
Osas, sindrome apnee notturne in crescita. Professore Leone: «Patologia che mette a rischio la vita del paziente»
Antonio Leone, Direttore dell’Unita Operativa Otorinolaringoiatria dell’Ospedale Monaldi di Napoli: «Medici più formati per fronteggiare l’emergenza. Nel team che lavora per l’interesse del paziente una funzione cardine la svolge il medico di base che deve indirizzare il malato correttamente per diagnosi e terapie»
Osas, Tavalazzi: «Grazie alla tecnologia, oggi diagnosi e trattamento apnee del sonno in casa e senza ricovero»
Per i medici la sindrome delle apnee notturne è una patologia troppo sottovalutata. Lo specialista in malattie dell’apparato respiratorio: «Fondamentale la formazione dei medici di famiglia che sono l’anello di congiunzione con gli specialisti. Grazie alle nuove tecnologie oggi le diagnosi e i trattamenti sono più semplici da gestire»
Apnee notturne, il monito dello specialista: «Emergenza Osas? Prima di tutto aggiornamento per dentisti e medici di base»
Apnee notturne, Enrico Betti (chirurgo maxillo-facciale): «Fondamentale l’aggiornamento non solo per i dentisti ma anche per i medici di base che hanno un rapporto più confidenziale con i pazienti per diagnosi più veloci»
Osas, salgono costi e tempi d’attesa più lunghi. «Emergenza sovraffollamento ospedali si supera con la tecnologia»
L’opinione di Marco Brunori, odontostomatologo dell’ “Umberto I” di Roma, tra i maggiori esperti della sindrome: «Esistono apparecchiature innovative che possono essere utilizzate da casa e forniscono dati precisi e utili al medico per assegnare terapie efficaci»
OSAS, l’epidemia sommersa. Terranova: «Solo il 10% di medici conosce bene la malattia»
La patologia delle apnee notturne rappresenta un grande problema socio-sanitario. In Italia sono più di due milioni gli italiani affetti dal disturbo del sonno che ha un peso non indifferente sul Sistema Sanitario Nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...