Salute 8 luglio 2014

FSE e App: meno burocrazia e tutto in rete per un nuovo modello di sanità

E intanto si pensa a un Fascicolo Sanitario europeo

Immagine articolo

Parola d’ordine: condivisione. Secondo il dottor Mauro Moruzzi il Fascicolo Sanitario Elettronico segnerà una tappa fondamentale per ripensare il rapporto tra Stato e cittadino.

Lo ha messo in evidenza, nei giorni scorsi, durante un meeting ad hoc alla “Luiss”, dove ha partecipato in veste di relatore per la sua lunga esperienza nel campo delle nuove tecnologie applicate in ambito medico. Nella sua regione, l’Emilia Romagna , in questo ambito è da tempo in prima linea con il Cup 2000 e con la  e-Health Academy AssinterItalia.

Oltre ad elencare i servizi offerti ai pazienti, Moruzzi evidenzia come “l’impatto del FSE nell’organizzazione della sanità snellirà i procedimenti burocratici” ma anche che “la condivisione del dato tra medico e paziente abbatterà le barriere spazio temporali, creando così una sinergia fortissima tra professionisti e cittadini coinvolti. Questo – rimarca –  è il modello della nuova sanità”. Su come le nuove tecnologie stiano incidendo sul Ssn Moruzzi non ha dubbi, ma sottolinea anche la potenza delle App, diventate l’ancora di salvataggio per risolvere i problemi tecnici per assolvere al recente obbligo di POS: “Il FSE – fa notare – sarà il nucleo di tutte le App mediche, ma bisognerà trovare una soluzione efficace per rintracciare quelle di cui si ha bisogno. Stiamo inserendo nel fascicolo degli strumenti informatici per consentire al cittadino di avere servizi certificati: tutto tende a semplificarsi”.

Sulla stessa linea d’onda è la presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, Emilia Grazia De Biasi, che va addirittura oltre pensando ad un Fascicolo Sanitario europeo, “in modo tale – afferma –  che la vita clinica di una persona possa essere ricostruita in qualunque parte dell’Europa, altrimenti si ritorna alla burocrazia cartacea, un problema che ci tiene fuori dal mondo”.

Articoli correlati
Sapienza, la formazione universitaria cambia passo ed entra nel futuro. Rettore Gaudio: «Cambiamento epocale per i nostri medici»
Tre laboratori ad alta tecnologia per simulare pratiche mediche in situazioni di crisi o emergenza e la Biblioteca automatizzata di Architettura. Questi gli interventi di potenziamento della didattica realizzati alla Sapienza grazie al sostegno della Fondazione Roma
Long-Term Care, Nicoletta Luppi (MSD): «Puntare sull’impatto dell’innovazione nella gestione della cronicità»
«Servono nuove risposte per affrontare il problema della sostenibilità della cronicità e garantire l’accesso all’innovazione per tutti lungo il percorso di prevenzione e cura». Così Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato di MSD Italia
Studio Onda-Aon: il 71% delle donne si informa sul web ma solo il 15% prenota le visite mediche online o tramite app
Il sondaggio, realizzato in collaborazione con Aon, ha evidenziato un’ambivalenza nell’utilizzo dei canali digitali: il 71% del campione utilizza il web per informarsi su questioni relative alla salute, ma solo il 15% prenota le visite mediche online o tramite app e l’utilizzo delle app dedicate alla salute è molto frammentato
Blockchain in Italia,  Mauro Cervini (economic strategist): «Per il campo sanitario un grande abbattimento dei costi»
«Impossibile un ritorno al passato: in futuro gli asset cambieranno ma da questa rivoluzione non si torna più indietro», così l’esperto nel settore Business Banking e Global Asset Management
Ge Healthcare Italia: riparte il Learning Center per formare i professionisti sanitari
GE Healthcare riapre le porte del suo Learning Center, un’accademia specializzata nell’utilizzo di tecnologie medicali d’avanguardia, con lezioni in aula e da remoto, per formare i professionisti sanitari di tutto il Paese. Dopo il grande successo del 2017 – durante il quale oltre 1.000 medici hanno preso parte alle attività formative – ripartono i corsi gratuiti di formazione […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Salute

Autismo e nuovi Lea, Marino (Fia): «Ancora due anni per attuazione, ma autistici diventeranno una categoria protetta»

«Grazie ai nuovi Lea i pazienti autistici potranno finalmente ricevere l’assistenza adeguata alla propria patologia, così come prescritto dalle Linee Guida per l’Autismo. Necessario mezzo miliar...
di Isabella Faggiano