Salute 7 giugno 2018

Crociera, le regole per una vacanza in salute. Ecco chi può imbarcarsi e chi no

«È consigliato ad ogni passeggero di mettere in valigia un kit personale di farmaci. In crociera a rischio donne nelle ultime settimane di gravidanza e  persone con patologie soggette a peggioramenti improvvisi». L’intervista al medico di Bordo Abilitato Mauro Salducci

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Vacanza sulla terra ferma o a bordo di una nave da crociera? Prima di programmare il prossimo viaggio sarà meglio ascoltare i consigli dell’esperto e controllare il proprio stato di salute.  Il professore Mauro Salducci, aggregato di Malattie dell’Apparato Visivo, medico di Bordo Abilitato e direttore del master in Oftalmologia Medico Legale della Sapienza di Roma, ci spiega chi può imbarcarsi e chi no.

Professore, ci sono delle patologie per le quali non è consigliabile scegliere una vacanza a bordo di una nave da crociera?

«È sconsigliato a tutti coloro che soffrono di patologie che possono peggiorare improvvisamente. Un paziente che normalmente presenta una sintomatologia instabile, dovrebbe evitare di imbarcarsi. Anche una donna incinta è meglio che non si imbarchi nelle ultime settimane di gravidanza: rischierebbe di partorire a bordo e delle eventuali complicanze potrebbero essere difficili da gestire».

Quale preparazione ha un medico di bordo?

«È normalmente un tuttologo, come se fosse un medico di famiglia con delle esperienze in pratiche di urgenza. Ma questo non significa essere preparati ad affrontare qualsiasi emergenza. Faccio un esempio: io ho una specializzazione in oftalmologia, per cui sono in grado di gestire la chirurgia oculare. Ma per un medico non oculista potrebbe essere problematico trattare una ferita corneale, per di più con i mezzi ridotti che si hanno a disposizione a bordo di una nave».

Quali farmaci bisogna mettere in valigia prima di imbarcarsi?

«Esiste una farmacia di  bordo, anche abbastanza fornita, ma certamente non contiene tutti quelli che possono essere eventualmente necessari ad ogni singolo paziente. Per questo, nelle regole di bordo destinate ai passeggeri è esplicitamente consigliato che ogni persona porti con sé i farmaci di cui potrebbe avere bisogno. Ecco cosa non dovrebbe mai mancare nel proprio kit personale: chi soffre di patologie croniche dovrà innanzitutto portare con sé tutti i farmaci che normalmente utilizza per il trattamento della sua malattia. Poi, più in generale, è consigliabile a chiunque di mettere in valigia antibiotici, antipiretici, antidolorifici, una pomata antibiotico-cortisonica per eventuali lesioni cutanee.  Pur avendo una personale scorta di medicinali è bene che i passeggeri, in caso di necessità, consultino comunque il medico di bordo: con l’automedicazione ci sono più danni che vantaggi».

La crociera è una vacanza adatta anche ai più piccoli?

«Se sono in buona salute non ci sono restrizioni. Ai genitori ricordo che a bordo è molto sentita la componente igienica: ci sono delle figure professionali, deputate proprio al controllo dell’igiene, per evitare che insorgano infezioni tra equipaggio e passeggeri. I bambini devono essere ben sorvegliati per evitare che si facciano male, sono soggetti più degli adulti a dei traumi. E sarebbe bene che questi vengano evitati, soprattutto a bordo di una nave da crociera».

Articoli correlati
Onda, disturbi del sonno per 9 donne su 10 over 45: a rischio la salute e la felicità di coppia
“Difficoltà ad addormentarsi, sonno agitato, risvegli notturni e sveglia anticipata sono chiari segnali di disturbi del sonno, indicatori importanti che impattano sulla salute fisica e psichica e sulla stabilità della coppia”, spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. “Per oltre il 90% degli italiani tra i 45 e i […]
Lazio, Zingaretti: «Non sarà più necessario certificato medico per assenze scolastiche»
A partire da questo anno scolastico, come già avviene in alcune regioni italiane del centro nord, anche nella regione Lazio non sarà più necessario per le famiglie portare il certificato medico per le assenze per malattia superiori ai cinque giorni. Il provvedimento è stato approvato durante la discussione del Collegato del Bilancio in Consiglio Regionale […]
OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili
Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»
«Con flat tax e reddito di cittadinanza servizi sanitari a rischio». Parla la responsabile Salute PD Marina Sereni
«Dai vicepremier mai una parola per più risorse nella sanità». Così l’ex vicepresidente della Camera che poi torna sul tema dei vaccini: «Con autocertificazione strizzano occhio a movimento no vax»
Prevenzione, al via la nona edizione di “Nonno Ascoltami” con Lino Banfi testimonial d’eccezione
Al via in tutta Italia la nona edizione di “Nonno Ascoltami! – L’Ospedale in piazza”, la campagna di controlli gratuiti dell’udito, che promuove su tutto il territorio nazionale una nuova cultura della prevenzione e della salute dei cittadini. Ad aprire l’edizione 2018 un testimonial d’eccezione: l’attore Lino Banfi, già promotore al fianco della Onlus “Nonno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...