Meteo 26 settembre 2017

Visite ed esami gratuiti per i bambini di Chernobyl e Saharawi

Per i bambini di Chernobyl e Saharawi, in Emilia-Romagna visite mediche specialistiche ed esami saranno gratuiti. Come si legge sul portale della Regione, le prestazioni sanitarie in questione, infatti, se ritenute necessarie, saranno esenti da ticket perché ritenute indispensabili per la salvaguardia della loro salute. Lo ha stabilito la Giunta regionale con una specifica delibera, […]

Per i bambini di Chernobyl e Saharawi, in Emilia-Romagna visite mediche specialistiche ed esami saranno gratuiti. Come si legge sul portale della Regione, le prestazioni sanitarie in questione, infatti, se ritenute necessarie, saranno esenti da ticket perché ritenute indispensabili per la salvaguardia della loro salute. Lo ha stabilito la Giunta regionale con una specifica delibera, per rafforzare ulteriormente l’impegno che da anni vede l’Emilia-Romagna in prima linea nell’accoglienza dei bambini provenienti da aree “difficili” del mondo come la Bielorussia e l’Ucraina, contaminate in seguito allo scoppio della centrale nucleare di Chernobyl nel 1996, e l’Algeria, dove a Tindouf sorgono i campi profughi che ospitano la popolazione Saharawi.

Oltre 13.000 bimbi hanno già trovato ospitalità nelle famiglie o in strutture gestite da associazioni e Comuni dal 1996 ad oggi, grazie a una rete di volontari molto attiva e ai programmi regionali di cooperazione allo sviluppo e di cooperazione internazionale sanitaria. L’esenzione del ticket riguarda una serie di esami e visite mediche specialistiche specificati in delibera e si aggiunge ad un’altra novità introdotta da poco: da quest’anno, i bambini accolti per brevi periodi in questa Regione, potranno ricorrere, in caso di bisogno e nel periodo di permanenza in Italia, alle cure primarie dei pediatri di libera scelta o dei medici di base che operano nelle strutture emiliano-romagnole.

«Si tratta di due impegni che abbiamo assunto con grande convinzione- sottolinea l’Assessore regionale alle Politiche per la salute Sergio Venturi -. Siamo orgogliosi di mettere a disposizione di chi ha più bisogno i professionisti e i servizi d’eccellenza del nostro sistema sanitario. La solidarietà per noi è un dovere, soprattutto quando si tratta di bambini».

 

Articoli correlati
Roma, il Lazio aderisce alla settimana di prevenzione gratuita per le donne
La Regione Lazio aderisce alla settimana di prevenzione promossa da Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna, offrendo servizi clinici, diagnostici e informativi gratuiti a tutte le donne dal 16 al 22 aprile. L’iniziativa, riguarderà queste 15 aree specialistiche: diabetologia dietologia e nutrizione endocrinologia geriatria ginecologia e ostetricia malattie e disturbi dell’apparato cardio-vascolare malattie metaboliche dell’osso (osteoporosi) medicina della […]
Elezioni 2018, cosa cambierà per sanità e salute: ecco la “mappa” dei programmi elettorali
Dall’abolizione dei ticket ai vaccini, dalla formazione alla riforma titolo V e all'ammodernamento degli ospedali. I partiti politici arrivano all’appuntamento del 4 marzo in ordine sparso. Quasi tutti concordano nell’aumento delle risorse per il Sistema sanitario nazionale
Via il superticket e assunzione di 40mila operatori sanitari, per Pietro Grasso «la salute non si paga»
Il leader di Liberi e Uguali ha annunciato a Vibo Valentia il programma sanità. Nel documento anche la formazione per i medici di famiglia e i pediatri e il sostegno alla diffusione dei farmaci generici
Legge Bilancio 2018: cosa cambia per il comparto sanità? Ecco tutte le novità…
Quali saranno le aree di applicazione della manovra? A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno già si iniziano a tracciare i primi bilanci ma i sindacati restano insoddisfatti…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...