Politica 3 Ottobre 2019

Riforma superticket, Speranza: «L’impegno del Governo c’è». Sull’evasione: «Bisognerà studiare nuova metodologia»

Le rassicurazione del Ministro della Salute, Roberto Speranza arrivano a margine del convegno ‘Diritti alla sanità’ organizzato oggi a Roma da Cisl Fp, Fnp e Cisl pensionati. Ieri il premier Conte aveva frenato sulla tempistica della riforma

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi

«C’è l’impegno unitario di tutto il Governo a superare il superticket progressivamente», lo ribadisce il Ministro della Salute, Roberto Speranza, all’indomani della brusca frenata del premier Giuseppe Conte sulla revisione dei ticket sanitari. «Gli interventi sul super ticket e sul ticket sanitario – ha spiegato infatti Conte a Cagliari – sono programmati non domani mattina ma in un arco di tempo più ampio. Ricordo che il nostro progetto non scade a dicembre, ma è da attuare nel corso della legislatura, e anche i tempi degli interventi sono da dosare nel corso dei prossimi mesi e anche degli anni».

«Come ministro farò tutto il possibile perché si faccia velocemente», ha dichiarato il Ministro a margine del convegno ‘Diritti alla sanità’ organizzato oggi a Roma da Cisl Fp, Fnp e Cisl pensionati. Il mondo della sanità si è ritrovato all’Auditorium Donat Cattin, alla presenza del presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, il presidente ISS Silvio Brusaferro e il segretario Cisl Fp Maurizio Petriccioli. «Ci sono ancora troppe persone che non si curano per motivi economici e questo per me è una priorità assoluta», ha continuato Speranza. Per quanto riguarda la possibilità che si verifichino episodi di evasione, il ministro ha chiarito che «bisognerà studiare una metodologia efficace che consenta di evitare atteggiamenti sbagliati».

Favorevole all’abolizione del superticket anche il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini. «Avendola presa come misura nella mia regione, mi troverebbe assolutamente d’accordo in prospettiva ad andare verso l’eliminazione del superticket – ha commentato Bonaccini  a margine del convegno -. Sono quindi d’accordo con il ministro Speranza, ma è evidente che serve una compatibilità di bilancio».  Per quanto riguarda il superticket, ha ricordato, l’Emilia Romagna è «l’unica regione che dal primo gennaio scorso l’ha eliminato per tutti i nuclei familiari che non superano i 100.000 euro di reddito annuo, cioè tre quarti delle famiglie che risiedono nella regione». Il superticket, ha proseguito, «andrebbe in prospettiva eliminato, non so se per tutte le fasce di reddito, noi abbiamo deciso di tenerlo solo per la quarta faccia fascia. Aspetterò di capire le valutazioni che fa il Governo».

LEGGI: «REVISIONE DEL SUPERTICKET E 2 MILIARDI IN PIÙ NEL FONDO SANITARIO NAZIONALE», L’ANNUNCIO DEL MINISTRO SPERANZA

Nel suo intervento, il ministro della Salute, Roberto Speranza fornisce alcuni dati: abbattere il superticket costa 550 milioni all’anno, di cui 60 già stanziati, quindi ne restano 490.  «Noi siamo tutti d’accordo – sottolinea il Ministro -. Ho proposto un ddl collegato alla finanziaria che prova a costruire un bilanciamento di tutto il ticket che tenga in considerazioni le condizioni economiche di partenza. Il criterio di progressività è il criterio giusto».

Il titolare di Lungotevere Ripa ha ribadito quello che per lui è la stella polare del suo agire: l’articolo 32 della Costituzione. Fondamentale, infatti, il sistema sanitario universalistico: «Ho la stessa età del SSN, sono nato 10 giorni dopo. Universalismo è una pietra preziosa da difendere e tutelare». Speranza ha poi sottolineato l’aumento del Fondo sanitario nazionale: «Noi abbiamo fatto una scelta: nel 2020 ci saranno 2 mld in più nel fondo sanitario nazionale. È una direzione giusta. Significa iniziare a fare una battaglia di natura culturale, dire con nettezza che i soldi che si mettono per la cura delle persone sono un investimento e non una spesa».

Infine il Patto per la Salute, che il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini ha invocato auspicando una rapida approvazione: «Le scelte strategiche le faremo nel Patto per la Salute che doveva essere approvato entro il 31 marzo 2019 ma sono convinto che ci sono le condizioni per costruire una accelerazione per affrontare subito la materia».

Speranza ha poi sottolineato che si adopererà affinché il ddl contro le aggressioni al personale sanitario venga approvato al più presto in via definitiva dalla Camera: «C’è una questione enorme che riguarda il personale. Dobbiamo avere più cura di chi ci cura. Negli ultimi mesi c’è un fenomeno brutto: aumentano le violenze contro gli operatori sanitari. Io spingeró affinché la Camera approvi in via definitiva il ddl anti aggressioni».

Articoli correlati
Abruzzo, la ricetta del governatore Marsilio: «Stop debiti e nuove assunzioni. Tagli? Fake news»
Il Presidente della Regione Abruzzo fa il punto a un anno dalla sua elezione: «Non spenderemo più soldi di quelli destinati all’Abruzzo. Sui farmaci, con la centrale unica di committenza abbiamo già risparmiato molti soldi». Sulle aggressioni: «È un imbarbarimento della nostra civiltà, giusto che ci sia allarme sociale»
Rapporto SDO, la preoccupazione del Sindacato Medici Italiani: «Meno posti letto. Situazione favorisce aggressioni»
«Abbiamo minore disponibilità di posti letto e quindi abbiamo a volte delle dimissioni precoci in assenza di strutture intermedie in grado di farsi carico del paziente». È l'allarme lanciato da Pina Onotri, segretario generale dello SMI. A preoccupare è anche la mobilità interregionale
«Le Aziende si costituiscano parte civile contro chi aggredisce il personale sanitario»
di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario Generale Cisl Medici Lazio  
di Luciano Cifaldi, Segretario Generale Cisl Medici Lazio
Salute maschile, gli endocrinologi: «Attenzione alle patologie “femminili” che colpiscono anche gli uomini»
Tra le malattie nascoste l’anoressia, l’osteoporosi e la pubertà precoce. 1 uomo su 4 soffre di anoressia, 1 su 10 di osteoporosi
Operatori sanitari ancora vittime di aggressioni. Violenze negli ospedali di Roma, Siracusa e Napoli
Le vittime sono due infermieri, una guardia medica e un chirurgo in servizio al Pronto Soccorso. «C'è rabbia e timore per non poter svolgere il lavoro in tranquillità. Non abbiamo nessuna tutela sotto il profilo della sicurezza» ha dichiarato la dottoressa aggredita a Siracusa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...