Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Benessere 20 agosto 2018

Sindrome da rientro: ecco come affrontarla

Agosto è quasi giunto al termine. Si cominciano ad accorciare le giornate e per molti le vacanze sono già un ricordo da chiudere nel cassetto insieme al telo da mare. Il rientro in città spesso comporta uno stato d’animo irrequieto che talvolta può sfociare in una vera  e propria ‘depressione post vacanza‘ che rende difficile […]

Agosto è quasi giunto al termine. Si cominciano ad accorciare le giornate e per molti le vacanze sono già un ricordo da chiudere nel cassetto insieme al telo da mare. Il rientro in città spesso comporta uno stato d’animo irrequieto che talvolta può sfociare in una vera  e propria ‘depressione post vacanza‘ che rende difficile la ripresa della routine quotidiana. Per affrontare al meglio la spossatezza di un rientro difficile, gli esperti suggeriscono alcune accortezze che possono rendere il reinserimento nel contesto lavorativo/scolastico più facile e graduale. Ecco come fare:

  1. PAROLA D’ORDINE: GRADUALITA’. È ampiamente risaputo: mai tornare di colpo alla quotidianità dopo un periodo di relax. Riprendete con calma e concedetevi almeno un giorno ‘cuscinetto’ tra il rientro dalle vacanze e l’ufficio. Meglio ancora, riprendere il lavoro a metà settimana, così da fermarvi subito per il weekend.
  2. ORGANIZZATE IL LAVORO. Una volta in ufficio, evitate di buttarvi a capofitto in nuovi progetti. Meglio organizzarsi il carico di lavoro definendo una ‘to do list’ delle attività da fare nei primi giorni e quelle da posticipare alle settimane a venire. In questo modo, riprenderete con più calma e serenità la routine quotidiana senza accumulare stress fin da subito.
  3. RIPULITE L’EMAIL. Pur avendo inserito la risposta automatica prima di partire, al rientro la vostra email sarà sommersa da richieste, proposte e solleciti. Provare a rispondere a tutte le email nella prima mattinata di lavoro può essere controproducente, oltre che stressante. Meglio ritagliarsi ogni giorno un’ora per leggere le vecchie email e mettersi in pari.
  4. SPORT E DIVERTIMENTO ANCHE IN UFFICIO. Se le ferie vi hanno aiutato a riprendere la forma fisica e a staccare la spina dalla quotidianità, non perdete le buone abitudini: un pranzo all’aria aperta, un po’ di attività fisica e del sano divertimento diminuiscono lo stress e per qualche ora vi sembrerà di essere ancora in ferie.
  5. PIANIFICATE LE PROSSIME VACANZE. Pianificate le prossime vacanze. Troppo presto per tornare alla realtà? Continuate a dedicare i weekend a relax, famiglia e amici, come se le vacanze non fossero ancora finite. Nel frattempo, iniziate a pensare dove trascorrere le prossime vacanze. Progettare un nuovo viaggio con largo anticipo, infatti, vi permetterà non solo di risparmiare denaro, ma anche di vivere le settimane lavorative che via aspettano con più entusiasmo e motivazione, nell’attesa del prossimo break.

Una mela al giorno

Entra nella più grande comunità sulla salute
Dialoga direttamente con i lettori
Invia i tuoi consigli
per il benessere e la prevenzione
scrivi il tuo articolo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...
Formazione

Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»

Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle ...