Lavoro 15 dicembre 2015

Medici in piazza e sanità “chiusa” per sciopero. «Turni massacranti e contratto: governo intervenga»

Sit-in e mobilitazioni per oltre 200mila camici bianchi. A rischio 2 milioni di prestazioni. Al centro della protesta il caso degli orari: continua la violazione della direttiva Ue 2003/88, lo Stato rischia grosso per i ricorsi

Immagine articolo

«Il governo intervenga se non vuole la fine del Servizio sanitario nazionale». Ultima chiamata per l’esecutivo, da parte dei medici che continuano la mobilitazione avviata ormai da diversi mesi, con 24 ore di sciopero alle quali potrebbero aggiungersene altre 48 già a gennaio. La protesta, che prevede anche un sit-in all’ospedale San Camillo di Roma, interessa circa 200mila camici bianchi tra pubblici e convenzionati, con qualcosa come 2 milioni di prestazioni (comprese visite ed esami) a rischio.


«Sappiamo che i primi ad essere penalizzati saranno i cittadini – ha aperto la conferenza stampa unitaria dei sindacati alla sede Enpam, il presidente della Fimmg Giacomo Milillo – ma questa è una battaglia che stiamo portando avanti proprio per garantire loro ancora il diritto alla salute. E non molleremo – avverte il numero uno dei medici di famiglia – fino a quando il governo non accetterà di incontrarci per lavorare ad un piano che sia condiviso».

Rinnovo del contratto e turni massacranti al centro dello sciopero, a cui anche la FNOMCeO (Federazione degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontroiatri) ha dato la sua «vicinanza» attraverso il presidente Roberta Chersevani. Il responsabile sanità del Pd, Federico Gelli, ha fatto sapere che è stato riformulato l’emendamento (bloccato a sorpresa domenica sera) alla legge di Stabilità: previste sia assunzioni temporanee che concorsi veri e propri, da chiudere entro dicembre 2016 per riuscire a rispettare la Legge 161, attraverso cui l’Italia si è adeguata in ritardo alla direttiva Ue 2003/88 sugli orari di lavoro.

Secondo il Segretario nazionale di Anaao-Assomed (il sindacato dei dirigenti medici), Costantino Troise, il «governo fin qui ha fatto orecchie da mercante portando il Servizio sanitario in agonia. Anche il blocco del contratto è stato scientemente studiato per impoverire una categoria centrale in ogni sistema pubblico. Sugli orari di lavoro – aggiunge – si è consentito anche alla Basilicata di non rispettare la Legge 161, con una deroga della quale si chiederà conto, ora, alla Corte di Giustizia Europea». Su sanzioni e ricorsi per Troise: «Risarcimenti e indennizzi possono essere richiesti, anche se resta un problema che impone una scelta politica».

«Ma il governo rischia grosso con i numerosi ricorsi già avviati», afferma Riccardo Cassi, presidente di Cimo, maggiore sindacato di riferimento dei medici ospedalieri, convinto anche che la via legale «possa essere uno sprone alle istituzioni non ancora intervenute per il rispetto delle norme. Non vorrei si fosse tornati ai veti incrociati – conclude – ma ad ogni modo il messaggio al governo è chiaro: se non ci ascolta e non troviamo insieme una soluzione condivisa, andremo avanti ad oltranza con la protesta».

Ad aggiungere benzina sul fuoco, Massimo Cozza, segretario della Fp Cgil, preoccupato per il piano di rientro triennale introdotto per Asl e Ospedali: «Se i conti non sono in regola, i Direttori Generali decadono – dice –  e quindi, o tagliano o vanno via e un’azienda su 4 è a rischio”.

Entrando nei particolari dello sciopero, principali disagi nelle sale operatorie, dove fa notare il vice-presidente di Aaroi-Emac, il sindacato di anestesisti e rianimatori, Fabio Cricelli: «Si sentirà un silenzio surreale con il rinvio tra il 50 e l’80% dei 50mila interventi che si effettuano giornalmente. Ovviamente fatte salve le emergenze, che saranno garantite».

Stop anche alle attività ambulatoriali «con l’astensione dal lavoro di 16mila medici specialisti ambulatoriali interni – anticipa Antonio Magi, tesoriere nazionale Sumai-Assoprof – e dunque 500mila prestazioni e 190mila visite che non saranno eseguite».

Chiusi anche studi medici e servizi di continuità assistenziale, ma saranno garantite emergenze e servizi minimi oltre all’assistenza domiciliare e ai malati oncologici. «I medici di base – annuncia il Segretario nazionale dello Smi (Sindacato medici italiani), Pina Onotri – attueranno, in futuro, anche una protesta informatica, bloccando la trasmissione dei certificati di malattia, per creare un disagio amministrativo».

Braccia incrociate anche per 7mila pediatri. Il segretario generale della Fimp, Giovanni Cerimoniale ha quantificato in circa 400mila le prestazioni giornaliere tra accessi diretti e contatti telefonici non garantite per lo sciopero.

Fermi anche i veterinari con il vice-presidente nazionale  della Sivemp, Pierluigi Ugolini che ha ricordato che questo produrrà intoppi alla catena agro-alimentare, per il venir meno di verifiche e controlli.

Stando, infine, alle cifre fornite sempre in conferenza stampa dal vicesegretario nazionale dei medici radiologi (SNR) Stefano Canitano, «saranno rinviate almeno 40-50mila prestazioni radiologiche», ricordando che l’Italia, con 100 milioni all’anno, è il Paese che produce la maggiore quantità di prestazioni al mondo in questo campo.

Articoli correlati
Fake news in sanità: il corso FNOMCeO in occasione del Festival della Tv e dei nuovi media
Come nasce una notizia falsa? Come combattere bufale e fake news sulla salute e la sanità? Quale ruolo sono chiamati a svolgere i media ? Sono questi i temi di cui si discuterà sabato 6 maggio 2017 dalle ore 15.00 alle ore 18.00 durante il corso “Mitologia della salute e false argomentazioni: l’era delle bufale” […]
Malattie croniche: medici di famiglia prescrivano farmaci innovativi. L’appello di AIFA e FIMMG
Dialogo diretto fra medici di famiglia e Agenzia Italiana del farmaco. Silvestro Scotti (FIMMG): «Coinvolgendo i medici di base si risolvono liste d’attesa e costi». Simona Montilla (AIFA): «Accordo in corso, aggiornamento a breve»
Giornata Internazionale dell’Omeopatia: rimedi naturali per ogni specializzazione medica
Omeopatia e naturopatia, le medicine non convenzionali che registrano un numero sempre maggiore di adesioni. In quest’ottica occorre una continua formazione da parte del personale sanitario
Dry needling e agopuntura, interrogazione parlamentare: ci vuole una formazione specifica
Regolamentare le medicina non convenzionali. Questo il tema all'attenzione del Senato nell'ottica di garantire la piena sicurezza e la certezza normativa per gli operatori sanitari
Severità e trasparenza: ecco le nuove regole dell’ECM. Task force per controllare crediti e corsi
Formazione continua in medicina: allo Stato Regioni l’accordo che disciplina accreditamento, verifiche e violazioni ECM. Il segretario nazionale della FNOMCeO, Luigi Conte: «Più spazio ad eventi di tipo informatico, puntando sulla formazione a distanza, per facilitare l’accesso ai corsi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...