Lavoro 9 dicembre 2015

«I turni massacranti continuano. A rimetterci sono medici e pazienti»

Parla Mirella Triozzi, responsabile nazionale Smi Dirigenza Medica: «La politica se ne frega, il medico penalizzato non ha altra strada che i ricorsi per tutelare il presente e ottenere giustizia sul pregresso»

Immagine articolo

La nuova legge c’è… ma le vecchie abitudini, si sa, sono dure a morire. Nonostante l’entrata in vigore, lo scorso 25 novembre, della normativa di adeguamento sugli orari di lavoro, si preannuncia un estenuante tiro alla fune che alla fine si ripercuoterà, inevitabilmente, sulla salute. Di tutti. Medici e pazienti.


E la cui unica soluzione si troverà, ancora una volta nelle aule dei tribunali. E la classe medica? proprio non ci sta. Ne abbiamo parlato con la dottoressa Mirella Triozzi, Responsabile nazionale SMI, il sindacato della dirigenza medica, che, al momento dell’intervista, era reduce da un turno di un’intera notte su un’ambulanza. («Secondo lei, io ora sarei forse nelle condizioni di fare qualche ora extra?»)

La dottoressa porta la sua testimonianza in veste di medico, oltre che di rappresentante di categoria: «Voglio ricordare che i riposi, così come le ferie, sono un dovere del medico a cui non bisogna sottrarsi, perché è nel riposo e nella giusta concentrazione che risiede la vera qualità dell’assistenza. La Lorenzin ha detto che non volerebbe mai con un pilota che ha guidato 78 ore, così come credo non si farebbe mai curare da un medico che ha lavorato 24 ore ininterrottamente».

Con l’entrata in vigore della legge, in teoria, questo non dovrebbe succedere più. In concreto, secondo lei, cosa accadrà? «I casi sono due: o tolgono qualcosa al medico, continuando a fargli fare gli stessi turni, o tolgono qualcosa al paziente, riducendo l’assistenza, e questo è più probabile visto che i direttori generali andrebbero incontro nel primo caso a fior di multe. Realisticamente temo che alcuni servizi spariranno o avranno liste d’attesa lunghissime».

In alcune Regioni si inizia a parlare di deroghe. Come può eventualmente difendersi il medico? Abbiamo notizia di tanti medici che stanno facendo ricorso…
«La deroga è una competenza del contratto nazionale, e si è avuto un anno di tempo per farlo. Alla fine, il metodo che si è trovato è stato questo: dire ai direttori di unità operativa: “Arrangiatevi, queste sono le regole”. Molti direttori di unità operativa o fanno un torto al medico e si beccano una denuncia, o riducono e in qualche modo modificano i servizi. Non vedo alternative, e la politica se ne f…».

Come valuta il fatto che i medici hanno già iniziato a fare ricorsi in Tribunale?
«I ricorsi sono sul pregresso, e il pregresso è pieno di anomalie: medici con rapporto libero professionale costretti a timbrare un cartellino, medici a progetto costretti a fare altro, ecc. La tipologia di ricorsi riguarda il modo in cui il medico è stato penalizzato. I colleghi hanno bisogno di lavorare, ma quando capiscono che ciò che gli viene chiesto non è ciò che hanno firmato, hanno tutto il diritto di portare avanti una battaglia legale».

Articoli correlati
Elezioni, Lombardi (M5S): «Presto solo abbienti potranno curarsi. Abbatteremo liste d’attesa e rilanceremo sanità pubblica»
La candidata alla presidenza della regione Lazio parla delle sue priorità: riparametrare l’intra moenia e aprire tutte le agende di tutti gli accreditamenti pubblici. Poi aggiunge: «Creeremo sinergie con le università per la formazione dei nuovi professionisti»
“Per il Tuo cuore” 2018, parte la campagna nazionale
La 9ª Campagna Nazionale della Fondazione “per il Tuo cuore” – HCF Onlus si svolgerà nella settimana dall’11 al 18 febbraio 2018, promossa da ANMCO – Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri. Come si legge sul sito di riferimento della fondazione, l’obiettivo è diffondere la cultura della prevenzione per conoscere i rischi per la salute cardiovascolare. Come ogni anno, si […]
Bronco pneumopatia cronica ostruttiva: nasce il manifesto per gestire la malattia
La Bpco (Bronco pneumopatia cronica ostruttiva) è una patologia respiratoria cronica ed è la quarta causa di morte in Italia. Chi è affetto da questa malattia presenta un’ostruzione delle vie aeree che rende mano a mano sempre più difficile la respirazione, ma può essere trattata e curata, sopratutto se la diagnosi viene fatta in modo tempestivo. Per questo […]
Lecco, infermiera sviene per troppo lavoro. A Merate un’altra aggressione
Stress da lavoro e ancora aggressioni per i camici bianchi. Le notizie degli ultimi giorni parlano di un’infermiera dell’ospedale di Merate aggredita dai parenti dei pazienti in fila al pronto soccorso e di un’operatrice socio sanitaria del’ospedale di Lecco svenuta nei giorni scorsi al culmine di un turno estenuante di lavoro. I motivi? Non pochi. […]
AIPO, a Verona l’ottava edizione di “Orizzonti in Pneumologia”
Si terrà a Verona il 15 e 16 Febbraio, presso il Palazzo della Gran Guardia, l’ottava edizione di “Orizzonti in Pneumologia”, l’evento organizzato dall’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri (AIPO). L’AIPO si propone di fare il punto sulle più recenti scoperte e sulle prospettive future (orizzonti, appunto) nell’ambito delle malattie respiratorie. A dare il via ai lavori, dopo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...