Lavoro 9 dicembre 2014

I medici Inail reclamano un ruolo diverso nel Ssn

Rivendicano una tipologia contrattuale che permetta di integrarsi meglio nel sistema sanitario

Immagine articolo

Sette milioni e mezzo di prestazioni sanitarie erogate in un anno, di cui 683 mila per prime cure presso i 131 ambulatori diffusi sul territorio nazionale. Sono i numeri dell’ “esercito invisibile” dei medici Inail.

Sono duemila in Italia, poco meno di mille hanno il contratto di specialisti ambulatoriali e circa 500 sono Dirigenti medici con contratto di dipendenza (specialisti in medicina legale, del lavoro o fisiatria) e per la stragrande maggioranza sono iscritti all’Anmi. Il sindacato, affilato alla COSMeD, ha voluto accendere i riflettori su questa categoria nel Congresso Nazionale della scorsa settimana. Un’occasione per confrontarsi ma anche per porre con forza la necessità di potersi integrare meglio nel Sistema sanitario nazionale e regionale. “Facendo comprendere – ha sottolineato nel corso dei lavori il Segretario Nazionale, Giuseppina Salatin – di essere una concreta potenzialità per il Sistema Paese, a patto di superare le difficoltà normativo-contrattuali che hanno, sin qui, reso critico ogni effettivo sviluppo”.

Approfittando della presenza di vertici FNOMCeO e dei rappresentanti delle Commissioni Sanità e Affari sociali delle Camere, i Medici Inail hanno chiesto sostanzialmente un adeguamento del loro ruolo giuridico. “I compiti dei nostri dirigenti – ha fatto notare ancora Giuseppina Salatin – negli ultimi anni sono mutati radicalmente, ma il contratto è rimasto quello dell’area VI degli enti previdenziali. Secondo questo contratto ci sono punti di contatto con la dirigenza del Ssn, fissati con legge 222/84 e Dpr del 1997, ma, pur qualificandoci “Dirigenti” ed assumendo responsabilità importanti, non siamo la stessa cosa dei dirigenti Ssn”. In sostanza le responsabilità cozzano con il ruolo “senza titoli” del Dirigente medico Inail.

Una situazione da sanare sia per rispondere ad esigenze di funzionalità sia per l’ottimizzazione dei costi nel contesto di adeguatezza nella gestione delle risorse economiche, logistiche e umane che il Ssn si è posto come obiettivo da raggiungere. In un momento di delicata trasformazione ed evoluzione dei bisogni di salute, la sanità non può sottrarsi a questo processo di cambiamento. E per farlo sarà importante anche trovare l’adeguata dimensione per questa fetta di professionisti decisivi per gli equilibri di sostenibilità del sistema sanitario e per garantire alle future generazioni un’assistenza nazionale pubblica e universale.

Articoli correlati
‘Dottore ma è vero che?’ il portale FNOMCeO per combattere le fake news
«Un'arma di difesa per il cittadino confuso dalla cattiva informazione e un supporto per il professionista sanitario» così Alessandro Conte del gruppo di lavoro comunicazione della FNOMCeO
Convenzione Mmg, Lorenzin sollecita accordo. Scotti (Fimmg): «Attendiamo arretrati, ci sono condizioni per Acn entro il 2018»
Il segretario dei medici di base chiarisce: «Auspichiamo un percorso negoziale rapido e concreto con la Sisac. Non siamo disponibili ad essere assimilati al pubblico impiego solo per i doveri e non per gli stessi diritti». Il ministero ha riattivato il tavolo in materia di medicina generale
Odontoiatria, la “Cenerentola” del Ssn. Iandolo (FNOMCeO): «Oltre 90% delle prestazioni è privato. Contrastare low cost e abusivismo»
Il neo Presidente della Commissione Albo Odontoiatri della Federazione degli Ordini spiega ai nostri microfoni il programma del suo mandato: «Necessario unificare i 21 sistemi sanitari regionali e puntare su odontoiatria sociale e formazione ECM»
Medicina Generale, firmato il Decreto che consente lo scorrimento della graduatoria per sei mesi
Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha consegnato il Decreto ai nuovi vertici della Federazione Nazionale Ordini dei Medici
Infezioni sessualmente trasmissibili in aumento: a rischio la fascia tra 15 e 24 anni
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, a livello globale, l’incidenza delle infezioni sessualmente trasmissibili è calcolata in un milione di nuove infezioni al giorno. In Italia, la fascia d’età più a rischio è quella dei giovani tra i 15 e i 24 anni, poco informati su come prevenirle, come si contraggono e come si curano. Per questo, nasce la […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...