Lavoro 9 dicembre 2014

I medici Inail reclamano un ruolo diverso nel Ssn

Rivendicano una tipologia contrattuale che permetta di integrarsi meglio nel sistema sanitario

Immagine articolo

Sette milioni e mezzo di prestazioni sanitarie erogate in un anno, di cui 683 mila per prime cure presso i 131 ambulatori diffusi sul territorio nazionale. Sono i numeri dell’ “esercito invisibile” dei medici Inail.

Sono duemila in Italia, poco meno di mille hanno il contratto di specialisti ambulatoriali e circa 500 sono Dirigenti medici con contratto di dipendenza (specialisti in medicina legale, del lavoro o fisiatria) e per la stragrande maggioranza sono iscritti all’Anmi. Il sindacato, affilato alla COSMeD, ha voluto accendere i riflettori su questa categoria nel Congresso Nazionale della scorsa settimana. Un’occasione per confrontarsi ma anche per porre con forza la necessità di potersi integrare meglio nel Sistema sanitario nazionale e regionale. “Facendo comprendere – ha sottolineato nel corso dei lavori il Segretario Nazionale, Giuseppina Salatin – di essere una concreta potenzialità per il Sistema Paese, a patto di superare le difficoltà normativo-contrattuali che hanno, sin qui, reso critico ogni effettivo sviluppo”.

Approfittando della presenza di vertici FNOMCeO e dei rappresentanti delle Commissioni Sanità e Affari sociali delle Camere, i Medici Inail hanno chiesto sostanzialmente un adeguamento del loro ruolo giuridico. “I compiti dei nostri dirigenti – ha fatto notare ancora Giuseppina Salatin – negli ultimi anni sono mutati radicalmente, ma il contratto è rimasto quello dell’area VI degli enti previdenziali. Secondo questo contratto ci sono punti di contatto con la dirigenza del Ssn, fissati con legge 222/84 e Dpr del 1997, ma, pur qualificandoci “Dirigenti” ed assumendo responsabilità importanti, non siamo la stessa cosa dei dirigenti Ssn”. In sostanza le responsabilità cozzano con il ruolo “senza titoli” del Dirigente medico Inail.

Una situazione da sanare sia per rispondere ad esigenze di funzionalità sia per l’ottimizzazione dei costi nel contesto di adeguatezza nella gestione delle risorse economiche, logistiche e umane che il Ssn si è posto come obiettivo da raggiungere. In un momento di delicata trasformazione ed evoluzione dei bisogni di salute, la sanità non può sottrarsi a questo processo di cambiamento. E per farlo sarà importante anche trovare l’adeguata dimensione per questa fetta di professionisti decisivi per gli equilibri di sostenibilità del sistema sanitario e per garantire alle future generazioni un’assistenza nazionale pubblica e universale.

Articoli correlati
“Equità della Salute”: la Fnomceo presenta il nuovo Manifesto 
«L'equità nell'accesso alle cure è principio fondante del nostro Servizio Sanitario Nazionale e informa tutto il nostro Codice di Deontologia Medica» così Roberta Chersevani, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri
Ddl Lorenzin: la sanità si divide. Fnomceo: «Occasione mancata». Il sì dell’AIFA: «Ora Italia allineata ad altri Paesi»
Pareri contrastanti sull’approvazione a Montecitorio della riforma delle professioni sanitarie voluta dal Ministro della Salute. Si attende la voce di Palazzo Madama che si pronuncerà entro dicembre
Medicina e tecnologia, un binomio indivisibile ma «attenzione alla privacy e al dialogo col paziente»
Il punto della situazione al convegno “Etica, deontologia e tecnologie nella formazione dei professionisti sanitari” tenutosi il 19 e 20 Ottobre a Napoli. Roberta Chersevani, presidente FNOMCeO: «Viaggiamo con risorse limitate ma il progresso tecnologico fa passi da gigante»
Roberta Chersevani e Ranieri Guerra: il faccia a faccia…
Dall'Africa alla ricerca, dai vaccini all'emergenza Ebola: una conversazione tra passato, presente e futuro tra la Presidente FNOMCeO e il neoeletto Vicepresidente OMS
Specializzazioni, FNOMCeO invoca incontro a Miur e Salute: dare garanzie a giovani colleghi
Accesso alla formazione e formazione di qualità: è quanto chiede la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri per i giovani professionisti, laureati e abilitati, che aspettano di iscriversi alle Scuole di Specializzazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Sanità internazionale

Elogio della medicina generale, che può veramente salvarci la vita

«Mi sono iscritto a medicina perché ero attirato dalla sua aura di eroismo, dalla possibilità di intervenire per risolvere un problema pericoloso. È stata la sala operatoria, ovviamente, a cattura...
Salute

Al via la prova d’esame delle specializzazioni mediche: «Basta con il concorso ‘lotteria’ dove vince il più fortunato…»

Parte il concorso tanto atteso dai medici neolaureati. Ecco le nuove regole stabilite dal Miur: prova unica nazionale così come la graduatoria finale. Fedeli: «Introdotte novità qualificanti». Ma ...