Lavoro 9 dicembre 2014

I medici Inail reclamano un ruolo diverso nel Ssn

Rivendicano una tipologia contrattuale che permetta di integrarsi meglio nel sistema sanitario

Immagine articolo

Sette milioni e mezzo di prestazioni sanitarie erogate in un anno, di cui 683 mila per prime cure presso i 131 ambulatori diffusi sul territorio nazionale. Sono i numeri dell’ “esercito invisibile” dei medici Inail.

Sono duemila in Italia, poco meno di mille hanno il contratto di specialisti ambulatoriali e circa 500 sono Dirigenti medici con contratto di dipendenza (specialisti in medicina legale, del lavoro o fisiatria) e per la stragrande maggioranza sono iscritti all’Anmi. Il sindacato, affilato alla COSMeD, ha voluto accendere i riflettori su questa categoria nel Congresso Nazionale della scorsa settimana. Un’occasione per confrontarsi ma anche per porre con forza la necessità di potersi integrare meglio nel Sistema sanitario nazionale e regionale. “Facendo comprendere – ha sottolineato nel corso dei lavori il Segretario Nazionale, Giuseppina Salatin – di essere una concreta potenzialità per il Sistema Paese, a patto di superare le difficoltà normativo-contrattuali che hanno, sin qui, reso critico ogni effettivo sviluppo”.

Approfittando della presenza di vertici FNOMCeO e dei rappresentanti delle Commissioni Sanità e Affari sociali delle Camere, i Medici Inail hanno chiesto sostanzialmente un adeguamento del loro ruolo giuridico. “I compiti dei nostri dirigenti – ha fatto notare ancora Giuseppina Salatin – negli ultimi anni sono mutati radicalmente, ma il contratto è rimasto quello dell’area VI degli enti previdenziali. Secondo questo contratto ci sono punti di contatto con la dirigenza del Ssn, fissati con legge 222/84 e Dpr del 1997, ma, pur qualificandoci “Dirigenti” ed assumendo responsabilità importanti, non siamo la stessa cosa dei dirigenti Ssn”. In sostanza le responsabilità cozzano con il ruolo “senza titoli” del Dirigente medico Inail.

Una situazione da sanare sia per rispondere ad esigenze di funzionalità sia per l’ottimizzazione dei costi nel contesto di adeguatezza nella gestione delle risorse economiche, logistiche e umane che il Ssn si è posto come obiettivo da raggiungere. In un momento di delicata trasformazione ed evoluzione dei bisogni di salute, la sanità non può sottrarsi a questo processo di cambiamento. E per farlo sarà importante anche trovare l’adeguata dimensione per questa fetta di professionisti decisivi per gli equilibri di sostenibilità del sistema sanitario e per garantire alle future generazioni un’assistenza nazionale pubblica e universale.

Articoli correlati
Al presidente FNOMCeO Anelli il Caduceo d’oro. L’annuncio di Lettieri (FOFI) alle Giornate della formazione del medico
Il prestigioso riconoscimento da parte dall'Ordine dei Farmacisti di Bari e BAT sarà consegnato il 10 novembre. Tra le motivazioni, la proficua collaborazione portata avanti da Filippo Anelli tra la professione del medico e quella del farmacista
A Bari Giornata contro violenza operatori sanitari. Questionario FNOMCeO: 50% medici aggredito in ultimo anno
Tra i camici bianchi prevale rassegnazione e sfiducia. I dati del sondaggio preoccupano il Presidente Filippo Anelli: «Questo porta con sé gravi effetti collaterali come la mancata denuncia alle autorità, l’immobilismo dei decisori, ma anche il burnout dei professionisti, con esaurimento emotivo»
Infortuni sul lavoro e malattie professionali, Lucibello (INAIL): «Aggressioni ai medici al centro del Piano di Ricerca 2019-21»
«Patologie osteoarticolari, danni vista e udito, intossicazioni e stress da lavoro». È Giuseppe Lucibello, direttore generale INAIL, a descrivere le principali malattie professionali. Tra il 2017 e il 2018 cresciute del 3,5%: «Per un effetto dell’allungamento della vita lavorativa – ha aggiunto Lucibello – queste patologie cominciano ad abbracciare anche la forbice tra i 50 e i 65 anni. Necessario attivare misure di Active Aging»
di Isabella Faggiano
Medicina generale, slitta il concorso e riaprono i bandi. Scotti (Fimmg): «Scelta strada più ragionevole e seria»
Il presidente FNOMCeO Filippo Anelli: «Raddoppio delle borse risultato storico. Adesso nuova data per il concorso e riapertura dei termini in tempi celeri»
Concorso per formazione MMG, FNOMCeO e FIMMG contestano la data scelta: «Regioni riaprano il bando o rischio contenziosi»
Ad agosto stabilite 860 borse aggiuntive, ma Conferenza regioni ha lasciato invariata la data del 25 settembre. Anelli: «Ingiustizia nei confronti dei neo abilitati ai quali viene impedito di poter concorrere scegliendo la Regione con un maggior numero di borse disponibili»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...