Giovani 8 settembre 2015

Test Medicina tra proteste e ricorsi

La voce degli studenti contro il muro del numero chiuso: “Non è giusto. Devono formare medici, non macchine”

Immagine articolo

Un muro. È questa l’immagine, non solo simbolica, che si sono trovati di fronte gli aspiranti studenti di Medicina ed Odontoiatria, oltre 60mila, che hanno preso parte ai test per entrare nel numero chiuso fissato quest’anno a quota 9513.


Contro questo muro e contro tutte le storture di un test che anno dopo anno produce frustrazione e valanghe di ricorsi, si sono scagliati, anche qui non solo simbolicamente, associazioni studentesche e sindacati. Intanto, Consulcesi, la più grande realtà della tutela legale di medici e aspiranti camici bianchi, lancia lo sportello virtuale www.numerochiuso.info per raccogliere proteste e testimonianze e mettere a disposizione i suoi legali per i ragazzi esclusi che sceglieranno la strada dei ricorsi per essere riammessi a Medicina.

«C’è una cosa che noi oggi dobbiamo denunciare, il problema del numero chiuso, non è solo il problema degli studenti che non riescono ad accedere alla Facoltà di Medicina, che non riescono ad ambire a quello che vogliono fare, cioè diventare medici e aiutare questa società. Ma oggi il problema si riversa anche sul Servizio sanitario nazionale, e in questi giorni abbiamo pubblicato un dossier da cui emerge che il problema dell’accesso è anche un problema della qualità della nostra salute e della sanità pubblica. E allora basta, bisogna abbattere il numero chiuso. Non solo per il futuro dei giovani, ma ne vale la pena per il futuro del nostro paese» scandisce a gran voce Alberto Campailla, portavoce nazionale di LINK, mentre continuano a sfilare i ragazzi che hanno appena ultimato i test.

Ma quali domande hanno messo più in difficoltà gli aspiranti medici? «Senza ombra di dubbio quelle di chimica sono state molto difficili» racconta Roberto. Anche la cosiddetta “cultura generale” con Spadolini e l’Expo a Parigi ha fatto trasecolare gli studenti: «Sì, sicuramente, diciamo che erano un po’ a trabocchetto» commenta Emilia. Altri ragazzi, pochi favorevoli e molti contrari, tornano a ragionare sul “muro” del numero chiuso: «Non è affatto giusto. Un medico deve essere innanzitutto una persona, non una macchina, per portare alla guarigione un malato» spiega Wena.

Affidarsi ai ricorsi? «Sì, può essere una strada da percorrere. Un test non sempre ti consente di esprimere in pieno ciò che hai studiato» commenta Giacomo, uno dei ragazzi a caldo, appena uscito dall’aula degli esami.

«Il ricorso diciamo che è uno strumento politico per dimostrare quanto sia fallace questo sistema. L’alternativa passa per i finanziamenti perché ammettere solamente 10mila persone in un corso di laurea come medicina è dovuto solamente alla carenza di finanziamenti e alle storture interne del sistema. Aumentando i finanziamenti probabilmente potremmo assumerne molti di più e, dunque, farne inserire molti di più» conclude Gianluca Scuccimarra, Coordinatore Nazionale UDU.

Se avete segnalazioni e storie da raccontare in merito ad anomalie o irregolarità dei test di ingresso a Medicina, scriveteci all’indirizzo mail redazione@sanitainformazione.it

Articoli correlati
Nuova sentenza Corte d’Appello di Roma: altri 7 milioni per i medici specialisti ’78-2006
Continua l’onda lunga delle sentenze in favore degli ex specializzandi: 3 pronunce positive nel giro di poche settimane. Lo Stato rischia un esborso complessivo di 5 miliardi di euro: in arrivo emendamento alla Legge di Stabilità per una soluzione transattiva. Consulcesi: «Prescrizione alle porte, tempo solo fino al 10 ottobre per non perdere il rimborso»
Test di medicina, boom di irregolarità: +75%. Presentata interrogazione parlamentare. Dal 3 ottobre pubblica graduatoria nazionale
Il portale www.numerochiuso.info ha registrato un incremento del 75% di denunce di irregolarità rispetto al 2016 provenienti da tutta Italia. Richiesta a gran voce una soluzione normativa
«La normativa sul numero chiuso va rivista». L’intervista al Senatore Antonio De Poli
Presentata un’interrogazione parlamentare sull’accesso programmato ad alcune facoltà universitarie. «Dobbiamo garantire una formazione a tutti i ragazzi che intendono studiare medicina, anche a distanza, grazie ai sistemi telematici»
Test d’ingresso a Medicina, boom di irregolarità denunciate: 5 atenei finiscono nel mirino
Problemi relativi a scheda anagrafica, non rispetto delle tempistiche, mancati controlli: centinaia di denunce raccolte. E chi è stato escluso già prepara il ricorso
Test Medicina, pubblicati i punteggi anonimi. I più bravi a Padova, Milano e Bologna
L’87,26% dei candidati è risultato idoneo, ottenendo il punteggio minimo di 20. È di 44,68 il risultato medio degli aspiranti medici, ma secondo le proiezioni si deve aver ottenuto almeno 60 punti per sperare in un posto in facoltà
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...