Giovani 3 ottobre 2016

Test Medicina: allarme regolarità graduatoria, in arrivo valanghe di ricorsi

Nel giorno dell’uscita della graduatoria per l’accesso alle facoltà di Medicina non si placano le polemiche per le molte irregolarità riscontrate e denunciate dagli studenti nell’ambito delle prove. Tra domande annullate e violazioni dell’obbligo di segretezza, già annunciati migliaia di ricorsi. Spunta l’ipotesi risarcitoria per gli esclusi

Test di medicina: è già allarme ricorsi. A poche ore dalla pubblicazione della graduatoria nazionale, che ha sancito in prima battuta chi può ambire a indossare il camice bianco e chi, purtroppo, no, gli studenti sono sul piede di guerra, pronti a intraprendere migliaia di ricorsi. Associazioni universitarie e studi legali sono al loro fianco: primi fra tutti, gli avvocati di Consulcesi, che fin dallo svolgimento del test dello scorso 6 settembre non hanno esitato a denunciare che qualcosa non quadrava.

«Sin dal giorno stesso delle prove siamo stati contattati da centinaia di studenti  – spiegano da Consulcesi – e con loro abbiamo raccolto segnalazioni di numerose irregolarità sul nostro sportello virtuale www.numerochiuso.info e abbiamo ripetutamente annunciato l’inevitabile valanga di ricorsi in arrivo».

I motivi del contendere, in effetti, sono diversi: al momento della pubblicazione dei risultati, ha fatto scalpore la contestuale decisione del Miur di annullare la domanda numero 16, attribuendo il medesimo punteggio a tutte le risposte date. Un episodio che ha scatenato le proteste delle associazioni universitarie, le quali hanno parlato chiaramente di «graduatoria falsata».

Ad essere messa in discussione dagli esperti, anche l’effettiva correttezza del quesito n. 33, e l’elenco delle contestazioni si fa sempre più lungo: utilizzo di smartphone, tempi di consegna non rispettati e violazione dell’obbligo di segretezza circa il contenuto delle domande, in aperto contrasto con quanto sancito dal decreto 312/2016. Una serie di irregolarità che infiammano una situazione già di per sé incandescente, soprattutto a causa della spietatezza dei numeri: 63mila aspiranti medici si stanno contendendo gli appena 9mila posti a disposizione.

Anche in considerazione di quanto accaduto due anni fa per le Scuole di specializzazione in Medicina, quando furono proprio gli errori contenuti nel test a provocare la riammissione in sovrannumero dei candidati esclusi, è prevedibile che chi oggi ha visto i propri sogni infrangersi contro la dura realtà della graduatoria non esiterà ad adire le vie legali. Un’opportunità resa particolarmente ghiotta dalla concreta possibilità di ottenere in tribunale anche un risarcimento in denaro: «La giurisprudenza è chiara: per ogni anno di ritardo nell’ammissione, allo studente spettano fino a 10mila euro», sottolineano gli esperti di Consulcesi.

Articoli correlati
Carenza medici, Consulcesi: «Bene SIGM, elezioni occasione per riprogrammare la sanità»
Anche la principale realtà di tutela della classe medica appoggia la posizione di Andrea Silenzi, Presidente SIGM: «Felici che il tema della programmazione dei medici sia entrato nel dibattito della campagna elettorale. Prioritaria nuova programmazione quali-quantitativa metodologicamente fondata»
Ex specializzandi, parla l’esperto della vertenza: «Rimborsi anche a chi si è iscritto prima del 1983 e importi da rivedere al rialzo»
L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, con oltre 530 milioni di euro fatti riconoscere dai tribunali in favore dei medici tutelati dal network legale Consulcesi, spiega cosa cambia con la recente pronuncia della Corte di Giustizia Europea. Nel frattempo una sentenza del Tribunale di Roma conferma i rimborsi a chi ha interrotto la prescrizione prima del 20 ottobre 2017
Carenza di medici, la cura di Anaao: contributi delle Regioni, teaching hospital e libera professione per gli specializzandi
Pierino Di Silverio di Anaao Giovani a Sanità Informazione: «Abbiamo sviluppato un algoritmo che consente di calcolare il fabbisogno reale di medici nei prossimi anni. Dobbiamo ridurre gli accessi a medicina ed aumentare le borse per la formazione post lauream»
Giovani medici, Tarsitano (OMCeO Roma): «Lavoro, equo compenso e borse di specializzazione tra le priorità»
È la Consigliera più giovane dell’Ordine dei Medici di Roma. Ecco cosa vuole fare per migliorare la situazione dei suoi coetanei
Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»
Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gradi di giudizio, inoltre le somme riconosciute potrebbero triplicarsi e vengono meno i termini di prescrizione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...