Formazione 29 marzo 2018

Comunicare meglio con il team e i pazienti: ecco la “ricetta” per i medici

Il manuale, scritto da Maria Elena Capitanio e Andrea Di Cicco e presentato di recente all’Ara Pacis, a Roma, affronta a 360 gradi il tema della comunicazione. Gli autori: «Fondamentale anche per gli operatori sanitari comunicare bene: si arriva prima a diagnosi corrette e aumenta il proprio appeal professionale nei confronti dei pazienti»

Nell’era dei social network è fondamentale anche per i medici riuscire a comunicare al paziente in maniera corretta. Per farlo è necessario aggiornarsi e formarsi costantemente anche su questo aspetto. La giornalista Maria Elena Capitanio e il formatore Andrea di Cicco sono autori del volume “Comunicare da leader – L’arte di convincere nell’era della post-verità”, presentato di recente all’Ara Pacis a Roma. Abbiamo chiesto loro quanto sia importante padroneggiare al meglio le tecniche comunicative fondamentali anche nel settore sanitario.

«Comunicare bene è una competenza cruciale per il medico – spiega ai nostri microfoni Maria Elena Capitanio – perché il rapporto con il paziente ha anche una valenza psicologica che va presa nella giusta considerazione non soltanto nel momento in cui si fa una visita, ma anche in tutto il percorso successivo e nel rapporto stretto e continuativo che si crea con il paziente». «Riuscire ad empatizzare con il paziente – continua Andrea di Cicco – significa sviluppare su di sé quel che si può poi riscontrare nel paziente. Allenarsi tecnicamente a comunicare a tutti i livelli dà la possibilità a chiunque operi nel settore sanitario di capire più velocemente chi ha di fronte e soprattutto il suo livello emotivo. In questo modo la diagnosi non può che diventare più semplice. Questa è l’applicazione pratica di chi lavora nel settore».

Ma come hanno cambiato i social network nel concreto la vita dei professionisti sanitari? «Non so se avete notato – spiega Capitanio – che su Instagram esistono tantissimi profili di operatori sanitari come, ad esempio, i chirurghi plastici o i dentisti. Per professionisti del genere è importante avere un appeal particolare nei confronti del loro pubblico. Il medico “silenzioso” può andar bene in alcune branche della medicina, ma non in tutte: se sei un medico generico è importante comunicare bene, ma se sei un grande specialista in determinati casi puoi cedere su alcuni aspetti della comunicazione. Lo scriviamo nel libro: saper comunicare, imparare a farlo, è un percorso in cui ci sono anche tantissimi consigli psicologici, filosofici, antropologici e sociologici». «Certo – le fa eco Di Cicco –, il discorso è che la comunicazione classica sta diventando un po’ obsoleta, quindi anche nell’esempio del medico di famiglia, se questo comunica bene riesce a capire subito il caso e quindi risparmia tempo e può dare indicazioni più efficaci. Anche una semplice chiacchierata può risolvere i problemi. Basta comunicare meglio».

 

 

Articoli correlati
ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»
«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Sanità, le priorità di Giuditta Pini (PD): «Precariato ricade su medici e assistiti, servono più fondi a SSN per stabilizzazioni»
La deputata democratica, membro della Commissione Affari Sociali, annuncia opposizione costruttiva: «Incalzeremo il ministro Grillo ma daremo anche una mano». Continuerà il suo impegno sul riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale
OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili
Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»
«Con flat tax e reddito di cittadinanza servizi sanitari a rischio». Parla la responsabile Salute PD Marina Sereni
«Dai vicepremier mai una parola per più risorse nella sanità». Così l’ex vicepresidente della Camera che poi torna sul tema dei vaccini: «Con autocertificazione strizzano occhio a movimento no vax»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...