Salute 12 luglio 2016

Formazione medica, per l’Aeronautica è essenziale: «Le sfide cambiano costantemente»

Intervista al Generale Manfroni, comandante del Servizio Sanitario dell’Aeronautica Militare: «Preparazione generale e aggiornamento continuo sono fondamentali nella sanità militare: è necessario avere competenza multidisciplinare. Ben vengano progetti come “Sanità di Frontiera”».

«Un medico militare non sa mai di fronte a cosa si troverà, e spesso si deve confrontare con patologie diverse e a volte nuove. Deve dunque essere costantemente aggiornato»Parola del Generale Ispettore Piervalerio Manfroni, Capo del Servizio Sanitario dell’Aeronautica Militare, che ai microfoni di Sanità Informazione chiarisce perché la formazione continua del personale sanitario sia fondamentale, specialmente nelle zone di frontiera. Con il flusso costante di clandestini in arrivo sulle nostre coste, in condizioni di salute spesso disperate o comunque molto difficili, è fondamentale che il personale sanitario che lavora a diretto contatto con i migranti sia formato alla perfezione e pronto a tutto. È questa l’idea che sta alla base di un progetto come “Sanità di Frontiera”, che verrà realizzato con il coordinamento del dottor Pietro Bartolo, immagine simbolo dei medici di Lampedusa, e che ha avuto il plauso proprio del Generale Manfroni.

«Sicuramente la formazione è la base di tutte le professioni e di quella medica in particolare. La formazione acquisita si scarica sul paziente e per ottenere delle prestazioni di alto livello bisogna continuare a formarsi e informarsi per tutta la vita. Crediamo particolarmente nella difesa di questo modello di formazione e sicuramente attingiamo a tutte le risorse disponibili. Abbiamo settori su cui formarsi che curiamo particolarmente e che potremmo mettere a disposizione di tutti, come il trasporto dei malati in volo e il controllo del personale aeronavigante. È necessaria dunque una preparazione su più campi, generale, essenziale per un medico militare. Noi non sappiamo mai di fronte a cosa ci troveremo. Le specialità richieste si allargano a quelle di un solo singolo specialista e quindi è necessario avere una competenza pluridisciplinare che caratterizza particolarmente la funzione medica del medico militare».

In questo periodo il tema scottante, un problema che dura da anni e che si riaccende di settimana in settimana, è quello dei migranti. Anche in questo caso siete in prima linea ed è importante avere la corretta formazione e informazione, sia per i medici che per gli stessi cittadini.

«La difesa è in prima linea, la sanità militare anche. Ci troviamo di fronte a patologie diversificate e anche nuove e quindi avere aggiornamenti adeguati a quelle che saranno le problematiche che andremo ad affrontare sicuramente ci è utile. Le competenze richieste vanno dalla pediatria alla ostetricia, alla ginecologia e alla traumatologia. Queste iniziative sono sicuramente funzionali all’obiettivo».

L’abbiamo vista dialogare fitto con il dottor Bartolo, medico simbolo di Lampedusa. Possiamo immaginare una collaborazione, che presumo già ci sia, ma che possa rafforzarsi magari proprio in questo progetto che riguarda la FAD e “Sanità di Frontiera”?

«Io direi sicuramente di sì e anche qui esprimo la mia idea: non sappiamo mai dove arriveranno i problemi e la sanità militare in questo senso potrebbe essere un’ottima integrazione al Servizio sanitario nazionale, per mettere a disposizione dei cittadini un servizio sempre più efficiente. Noi siamo anche nel settore pubblico e sicuramente siamo disponibili a collaborare con chiunque. Il dottor Bartolo lo ha accennato, ciò che ci caratterizza è l’operare in prima linea e avere esperienza diretta delle novità che arrivano».

 

Articoli correlati
Macron e la sanità: ecco quello che cambierà in Francia
Macron è il nuovo presidente francese: ecco quello che cambierà per medici, ospedali e sanità. “Le Quotidien” riassume i principali cambiamenti promessi che riguardano la professione e il settore sanitario. Le scelte principali di politica sanitaria seguiranno per lo più la scia del quinquennio precedente, ma scaveranno anche diversi nuovi solchi. Innanzitutto Macron promette una […]
Lavoratori autonomi, c’è la legge: deducibili anche tutte le spese per l’ECM
Spese di iscrizione, master, corsi di formazione, aggiornamento professionale, convegni, congressi e viaggi deducibili totalmente entro i 10mila euro. Marina Calderone, Presidente del Comitato Unitario delle Professioni (Cup) sulle misure: «Colmato un ritardo non più tollerabile»
Formazione, Bellomo (Univ. D’Annunzio Rieti): «Necessaria per medici e riabilitatori, ancora pochi in regola»
Ai microfoni di Sanità Informazione Rosa Bellomo, professoressa di Medicina Riabilitativa e membro del Comitato Scientifico del Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione: «Nuove conoscenze, invenzioni e scoperte cambiano costantemente la medicina. Impensabile fermarsi alla formazione universitaria»
Medicina tradizionale cinese in Italia: un ponte dall’Oriente all’Occidente in 2mila anni di storia
L’intervista a Wang Xiaopin, Direttrice del Dipartimento di Cooperazione Internazionale di Hong Kong dello State Administration of Traditional Chinese Medicine
Fake news in sanità: il corso FNOMCeO in occasione del Festival della Tv e dei nuovi media
Come nasce una notizia falsa? Come combattere bufale e fake news sulla salute e la sanità? Quale ruolo sono chiamati a svolgere i media ? Sono questi i temi di cui si discuterà sabato 6 maggio 2017 dalle ore 15.00 alle ore 18.00 durante il corso “Mitologia della salute e false argomentazioni: l’era delle bufale” […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...