Decreto Banche, confermati rimborsi: ecco come averli e chi ne ha diritto

Rimborsi sì, ma non per tutti, e comunque non totali. Così i risparmiatori restano sul piede di guerra. La Camera ha approvato il Decreto Banche con 287 voti favorevoli e 173 contrari e, tra le novità più importanti che caratterizzano il testo, all’articolo 9 sono elencati criteri e modalità attraverso cui i risparmiatori coinvolti nei […]

Rimborsi sì, ma non per tutti, e comunque non totali. Così i risparmiatori restano sul piede di guerra. La Camera ha approvato il Decreto Banche con 287 voti favorevoli e 173 contrari e, tra le novità più importanti che caratterizzano il testo, all’articolo 9 sono elencati criteri e modalità attraverso cui i risparmiatori coinvolti nei crac di Banca Etruria, Banca Marche, Cari Ferrara e Cari Chieti (istituti successivamente salvati dal Governo attraverso il decreto “Salvabanche”) potranno fare domanda per ricevere il rimborso.

 

Il diritto a recuperare fino ad un massimo dell’80% del corrispettivo pagato per sottoscrivere le obbligazioni delle quattro banche è riservato ai risparmiatori con un reddito complessivo (o lordo), ai fini Irpef, inferiore ai 35mila euro, o ai titolari di un patrimonio immobiliare che non risulti superiore ai 100mila euro. La dichiarazione dei redditi che andrà presa in considerazione non sarà quella relativa all’anno 2015, ma al 2014. I risparmiatori che vogliono ottenere il rimborso, devono allegare alla domanda anche il contratto di acquisto, i moduli di sottoscrizione degli ordini di acquisto delle obbligazioni, l’attestazione degli ordini eseguiti e la dichiarazione di consistenza del patrimonio mobiliare. Il Governo tiene comunque a specificare che non si tratta di una misura strutturale, ma di un provvedimento una tantum, emanato dall’Unione Europea in via eccezionale.

 

Hanno avuto dunque una risposta i cittadini che avevano investito nelle obbligazioni delle quattro banche, senza aver ben chiaro il reale rischio a cui andavano incontro con questo tipo di investimento. Nei mesi successivi allo scandalo, i risparmiatori danneggiati sono scesi diverse volte in piazza per protestare contro il Governo che, attraverso il decreto Salvabanche, ha garantito agli istituti falliti la liquidità necessaria per continuare a vivere, lasciando però i poveri risparmiatori senza il becco di un quattrino. L’ultima protesta è andata in scena pochi giorni fa, a ridosso dell’approvazione del Decreto Banche: diversi obbligazionisti coinvolti nello scandalo sono tornati a Roma, davanti alla sede del Ministero dell’Economia, per chiedere ancora una volta rimborsi per tutti del 100% della cifra persa. Appello che, visto il testo finale del documento, non è stato raccolto.

 

Tra le altre novità, il testo (composto da 13 articoli) disciplina il patto marciano e i fondi di solidarietà, introduce novità in materia di legge fallimentare e stabilisce che il Mef acquisterà da Intesa Sanpaolo l’Sga (la Società per la Gestione delle Attività) a cui verrà dato il compito di gestire i crediti in sofferenza.

Articoli correlati
Ex specializzandi, lo Stato paga altri 18 milioni. Il racconto della vicenda dagli inizi ad oggi
Continuano le sentenze in favore dei camici bianchi che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante la scuola post-laurea. Online un reportage esclusivo che racconta ciò che è successo in questi anni, dal ritardo con cui lo Stato italiano si è adeguato alle direttive europee agli ultimi Ddl presentati in Senato
Ddl ex specializzandi, indennizzi solo a chi ha fatto ricorso. Consulcesi: «Tutelare il diritto con le azioni legali»
Il sì bipartisan accelera l’iter per l’accordo transattivo. Anche la FNOMCeO appoggia l’iniziativa parlamentare per i medici specialisti 78-2006. La dottrina conferma il diritto con la pubblicazione del professor Sergio Di Amato sulla rivista della “School of law” della Luiss
Ex specializzandi, anche la FNOMCeO appoggia i Ddl per la transazione
Il presidente Anelli: «Invitiamo ad approvare i provvedimenti e a individuare le risorse necessarie per chiudere l’annosa questione»
Ex specializzandi, nuova ordinanza della Cassazione sugli immatricolati prima dell’83
La richiesta di una pronuncia delle Sezioni Unite sulla questione nasce da un ricorso Consulcesi. L’avvocato Tortorella (esperto in responsabilità per violazione obblighi comunitari): «Accolto il nostro punto di vista. Buona notizia per chi ha una causa in corso o per chi si appresta a ricorrere»
Staminali cordonali, le novità della ricerca. Kurtzberg: «Risultati incoraggianti su bambini con paralisi celebrale»
Tra i temi che accendono il dibattito sulle staminali cordonali c’è anche la loro conservazione. La proposta di Pierangela Totta (Futura Stem Cells): «Avviare collaborazione banche pubbliche e private»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...