Stop Ingiustizie Bancarie 1 Giugno 2016 15:41

«La banca non ha informato Divania sui derivati». Unicredit ora deve rimborsare 12 milioni di euro

Non solo anatocismo, mutui usurari e pubblicità ingannevole. Dai Tribunali continuano ad arrivare sentenze di condanna nei confronti delle banche anche per la questione derivati. L’ultima in ordine di tempo è del Tribunale civile di Bari, che ha condannato Unicredit a corrispondere alla curatela del fallimento di Divania 12 milioni di euro per le presunte […]

Non solo anatocismo, mutui usurari e pubblicità ingannevole. Dai Tribunali continuano ad arrivare sentenze di condanna nei confronti delle banche anche per la questione derivati. L’ultima in ordine di tempo è del Tribunale civile di Bari, che ha condannato Unicredit a corrispondere alla curatela del fallimento di Divania 12 milioni di euro per le presunte perdite causate proprio da questo strumento ad alto rischio.

Divania è una importante società di Bari che nel 2011 è stata dichiarata fallita dopo che nel 2006 è stata costretta a mandare a casa tutti i dipendenti perché sei anni prima aveva firmato contratti derivati a rischio altissimo che, secondo il giudice monocratico Valentino Lenoci, «non erano assolutamente coerenti con il profilo di rischio della società», dato che sono stati effettuati «investimenti in maniera inconsapevole, senza conoscere adeguatamente natura e tipologia degli strumenti finanziari sottoscritti». Questo perché circa quattro di quei contratti derivati su cinque erano una ristrutturazione di operazioni precedenti che avevano la finalità di «compensare le perdite e trasferirle nei nuovi contratti», e «non avevano una funzione protettiva dal rischio ma presentavano una forte componente speculativa, della quale Unicredit non aveva fornito alcuna informazione a Divania».

Il problema, dunque, non è l’utilizzo di derivati in sé, ma il fatto che, trattandosi di strumenti molto rischiosi, la scelta di firmare contratti di questo tipo deve essere oculata, informata e presa da soggetti che hanno i titoli e le capacità per farlo. Purtroppo non si tratta di una pratica rara. È per questo motivo che, ad esempio, i risparmiatori che dopo il decreto “Salvabanche” si sono ritrovati senza un soldo si sono sentiti truffati. Perché questo tipo di prodotto non può e non deve essere venduto con leggerezza e perché il diavolo, spesso, si nasconde nei cavilli. Lo sanno tutti quei correntisti che hanno acceso un mutuo o chiesto un prestito e si sono ritrovati a dover pagare tassi usurari o interessi anatocistici senza che ne riuscissero a capire il perché. Per loro fortuna, però, i giudici hanno cominciato da qualche anno a questa parte (e negli ultimi mesi in particolare) a ristabilire la giustizia violata da pratiche illegali come anatocismo, pubblicità ingannevole e mutui usurari attraverso cospicui rimborsi a chi fa ricorso.

Ma tornando alla sentenza del Tribunale civile di Bari, secondo il giudice «lo statuto di Divania non contemplava la possibilità di effettuare simili operazioni, anzi, inibiva ogni attività non necessaria per la fabbricazione e commercializzazione di poltrone e divani».

Insomma, stando a quanto scritto dal Tribunale civile di Bari ci sarebbero state, da parte della banca, «gravissime violazioni» relative agli «obblighi informativi», nonché una «notevole superficialità nella gestione documentale dell’operatività in essere» che ha causato «una serie rilevantissima di danni».

Il Tribunale civile di Bari si è espresso dopo che la Corte di Cassazione aveva nei mesi scorsi già detto la sua, assolvendo i dirigenti implicati da alcune ipotesi di reato.

Articoli correlati
Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali
La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per avere giustizia». La sua storia
Cellule staminali promettenti contro Covid-19. Futura: «Italia non perda l’occasione di cogliere questa opportunità»
L'appello lanciato da Pierangela Totta, direttore scientifico di Futura Stem Cells: «Per essere competitivi è fondamentale ripensare all'intero sistema di conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale»
Staminali cordonali, le novità della ricerca. Kurtzberg: «Risultati incoraggianti su bambini con paralisi celebrale»
Tra i temi che accendono il dibattito sulle staminali cordonali c’è anche la loro conservazione. La proposta di Pierangela Totta (Futura Stem Cells): «Avviare collaborazione banche pubbliche e private»
Ex specializzandi 1993-2006, ecco come le ultime sentenze hanno cambiato la giurisprudenza
La vicenda dei camici bianchi che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico per gli anni di scuola post-laurea è costata finora centinaia di milioni alle casse dello Stato. I Tribunali continuano ad emanare sentenze di condanna nei confronti della Presidenza del Consiglio. Ecco qual è la situazione alla luce delle pronunce più recenti
Tassi Usurari, Corte d’Appello di Roma condanna banca. Clienti potranno chiedere risarcimento
Nuova sentenza di condanna verso una banca per tassi usurari. I giudici della Corte d’Appello di Roma hanno bocciato l’istanza presentata dalla difesa di un noto Istituto di Credito, confermando in sostanza la sentenza emessa in primo grado dal Tribunale Civile di Terracina. Il problema tra banca e i correntisti che hanno intentato la causa […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...