Stop Ingiustizie Bancarie 15 Giugno 2016 17:35

Anatocismo, mutui usurari e pubblicità ingannevole: raddoppiano i contenziosi

Raddoppiato nell’arco di un triennio il numero di contenziosi tra i cittadini e le banche. È quanto emerge da un’inchiesta del quotidiano “La Stampa” che, citando come fonte il ministero della Giustizia, parla di 37.197 procedimenti iscritti nei tribunali ordinari “in materia di contratti bancari” nel 2015 a fronte dei 18.328 del 2012. Famiglie e aziende hanno insomma preso la consapevolezza di poter sfidare gli istituti di credito, chiedendo ai giudici di verificare se sul proprio conto corrente sia stato praticato l’ anatocismo o se su mutui, leasing e prestiti siano stati applicati tassi usurari e nei contratti di stipula si ravvisi pubblicità ingannevole.

Una lunga lista di irregolarità che sta generando un numero sempre maggiore di controversie alle quali vanno aggiunte tantissime altre che non arrivano nelle aule dei Tribunali. La stessa inchiesta rivela, infatti, che nell’arco dello stesso triennio ci sono stati ottantamila tentativi di conciliazione e di questi il 50% sono andati a buon fine. Le banche, spesso, preferiscono raggiungere un accordo stragiudiziale. Una soluzione utile anche per evitare rischiose ripercussioni sul piano mediatico anche alla luce della sempre maggiore attenzione dei media al caso soprattutto dopo gli effetti del “decreto Salvabanche” che ha costretto il governo a trovare una soluzione tampone in extremis per rimborsare migliaia di obbligazionisti che da un giorno all’altro avevano perso i risparmi di una vita e, dopo esser scesi in piazza (sfilando a Montecitorio e sotto le sedi di Consob e Bankitalia), si stavano già tutelando, passando attraverso le vie legali.

 

Sempre nelle scorse settimane il governo ha però aperto nuovi fronti caldi con alcuni decreti legge fortemente discussi. Per primo quello sull’anatocismo bancario: alle banche viene vietato il calcolo trimestrale, ma resta la possibilità di capitalizzare gli interessi negativi a fine anno, chiedendo al cliente di pagarli entro il marzo successivo. A quel punto il problema ricade sui correntisti “più deboli” perché, se non possono corrispondere la cifra richiesta, generano un debito sul quale la banca può applicare interessi (negativi su negativi… e dunque di nuovo anatocismo). Altra fonte di malcontento sono i decreti sui mutui: saltando 18 rate la casa diventa di proprietà della banca e per i costruttori è ancora peggio: basta mancare tre rate per perdere il palazzo.

Articoli correlati
Cellule staminali promettenti contro Covid-19. Futura: «Italia non perda l’occasione di cogliere questa opportunità»
L'appello lanciato da Pierangela Totta, direttore scientifico di Futura Stem Cells: «Per essere competitivi è fondamentale ripensare all'intero sistema di conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale»
Contenziosi, Magi (Omceo Roma): «Vietare patto quota-lite e spot che spingono a chiedere risarcimenti infondati»
Intervenuto ad un Convegno sulla Legge Gelli e parlando di pubblicità ingannevoli nei casi di malasanità, il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi ricordando le iniziative messe in campo dalla Federazione e dagli Ordini dei medici ha chiesto alla politica norme in grado di disincentivare il fenomeno delle cause temerarie
Staminali cordonali, le novità della ricerca. Kurtzberg: «Risultati incoraggianti su bambini con paralisi celebrale»
Tra i temi che accendono il dibattito sulle staminali cordonali c’è anche la loro conservazione. La proposta di Pierangela Totta (Futura Stem Cells): «Avviare collaborazione banche pubbliche e private»
Malpractice, i chirurghi scrivono al Ministro Grillo: «Basta pubblicità ingannevole. Ridurre contezioso medico-paziente»
Una lettera aperta del Collegio Italiano dei Chirurghi indirizzata la Ministro della Salute, Giulia Grillo riporta di nuovo l'attenzione sulle pubblicità che promuovono azioni legali temerarie nei confronti dei medici italiani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...