Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

infanzia 16 Settembre 2022

Scuola e autunno: rischio nuove epidemie da virus respiratorio sinciziale (RSV)

Il virus respiratorio sinciziale (RSV) è tra le principali cause di malattie respiratorie tra i più piccoli

Immagine articolo

Con il ritorno a scuola e alla normalità, senza mascherine e distanziamento tra i banchi, altre malattie infettive emergenti potrebbero diffondersi tra i giovanissimi. È il caso dell’infezione da Virus Respiratorio Sinciziale (RSV) la principale causa di bronchiolite e polmonite nei bambini.

L’allarme di pediatri e infettivologi: «Il virus respiratorio sinciziale potrebbe diffondersi con più forza»

Esperti pediatri e infettivologi presenti al IV Congresso WAidid World Association for Infectious Diseases and Immunological Disorders si dicono preoccupati. Con la fine delle restrizioni da Covid, inevitabilmente alcuni agenti patogeni finora tenuti a bada, potrebbero trovare una nuova diffusione grazie alla mancata azione di contrasto negli ultimi due anni.

Esposito (WAidid): «Restrizioni efficaci anche contro altri agenti patogeni come l’RSV»

«Non c’è dubbio che le restrizioni a cui sono stati sottoposti bambini e piccoli studenti abbiano avuto un impatto efficace anche contro altri agenti patogeni come l’RSV, del quale abbiamo riscontrato un calo complessivo dei casi negli ultimi due anni». A spiegarlo è la prof. Susanna Esposito, professore Ordinario di Pediatria all’Università di Parma e presidente WAidid. «Ecco perché, con la ripresa della normalità di cui siamo tutti contenti, siamo esposti ad un rischio concreto di nuove epidemie che potrebbero mettere a rischio la salute dei più piccoli».

Cos’è il virus respiratorio sinciziale (RSV)?

L’RSV è, durante l’infanzia, la principale causa di malattie respiratorie che richiedono il ricovero in ospedale. A livello globale si registrano ogni anno 33,1 milioni di casi e 3,2 milioni di ospedalizzazioni. Il virus, che rispetto agli altri agenti patogeni causa da solo il 40% delle polmoniti gravi, è responsabile ogni anno di oltre 118.000 decessi tra la popolazione di età pediatrica.

In Europa l’incidenza è tra 10 e 28 casi su 1.000 nei bambini di età inferiore a 1 anno; tuttavia, i tassi di incidenza degli studi possono essere sottostimati. L’RSV è la causa più significativa di morte correlata a infezione delle basse vie respiratorie nel primo anno di vita.

RSV, non esiste una profilassi

L’impatto del virus, in termini di incidenza e gravità, varia notevolmente con l’età: l’RSV causa un notevole carico ambulatoriale tra i bambini di età inferiore ai 5 anni, ma è causa di una morbilità significativa anche nell’anziano e nel paziente di qualsiasi età immunocompromesso. Tuttavia, le conseguenze più gravi sono predominanti tra i bambini di età inferiore ad un anno.

Per i bambini con infezione da RSV grave è disponibile solo una terapia di supporto (ossigeno supplementare, liquidi per via endovenosa e ventilazione meccanica). La profilassi disponibile con l’anticorpo monoclonale palivizumab è limitata ai bambini nati prima delle 29 settimane di gestazione o con comorbidità specifiche, circa il 4-6% dei bambini da 1 a 3 anni.

La prevenzione: vaccini e anticorpi monoclonali

«I potenziali approcci preventivi per neonati e bambini piccoli attualmente in fase di studio – spiega la prof.ssa Esposito –. Includono la vaccinazione delle donne in gravidanza, che può avere però un’efficacia limitata al brevissimo periodo e alla stagionalità. L’utilizzo di anticorpi monoclonali nel neonato e lo sviluppo di un vaccino da impiegare nei primi mesi di vita, che però è reso estremamente complicato dalla possibilità di indurre una risposta immunitaria protettiva».

Si rischia una nuova diffusione del virus RSV, frenata dal Covid

La pandemia da Covid-19 ha avuto un impatto significativo sulla diffusione dell’RSV.  L’attuazione delle misure restrittive ha favorito una drastica riduzione della diffusione del virus che, tuttavia potrebbe avere una nuova diffusione. Questo è dovuto, principalmente, all’aumento di bambini che non hanno acquisito l’infezione nelle scorse stagioni.

«È fondamentale – conclude la Esposito – recuperare il terreno perso, ripristinare un’adeguata sorveglianza dell’RSV per evitare gravi conseguenze. Le attuali opzioni di profilassi sono, oltre che costose, limitate a categorie a rischio. E richiedono la somministrazione di dosi multiple durante il periodo di circolazione dell’RSV che, nel nostro emisfero, inizia in ottobre e termina a fine aprile. Fortunatamente in futuro le strategie includeranno l’impiego di nuovi anticorpi monoclonali in stato avanzato di sperimentazione, i cui risultati si annunciano incoraggianti, sia in termini di efficacia sia di sicurezza e di rapporto di costo-beneficio».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi