Salute 26 Novembre 2019

Rare Sibling, Gentile (psicoterapeuta): «La relazione fraterna, tra affetto e conflittualità, rimane preziosa anche nelle difficoltà»

Undici storie che fotografano la vita di fratelli e sorelle dei malati rari in Italia. Dalla survey dell’Osservatorio Malattie Rare sui sibling emerge un bagaglio emotivo caratterizzato da sentimenti a volte ambivalenti e un desiderio di confronto con gli altri molto forte

La mia storia è quella di mio fratello. Racconti di famiglie e di malattie rare”. È questo il titolo del volume realizzato da O.Ma.R. e illustrato di recente al Ministero della Salute alla presenza dei partner del progetto e delle istituzioni rappresentate dalla Senatrice Paola Binetti, Presidente Intergruppo Parlamentare Malattie Rare e neuropsichiatra infantile, e dalla Dottoressa Cristina Tamburini, Direttore dell’Ufficio del Ministero della Salute che si occupa di Tutela della salute della donna, dei soggetti vulnerabili e contrasto alle diseguaglianze.

Il questionario è rimasto aperto per 7 mesi e ha raccolto le risposte di ‘Rare sibling’ e genitori: la condizione mette a dura prova tutto il nucleo familiare, soprattutto i genitori su cui pesa anche la preoccupazione di trascorrere poco tempo con i figli sani. La survey ci consegna dati interessanti: il 67% dei sibling sa che in futuro diventerà caregiver, il 50% teme il futuro e, pur desiderando una vita autonoma, il 51,4% vorrebbe realizzarla senza allontanarsi troppo dalla famiglia d’origine per poter essere d’aiuto.

Abbiamo approfondito i risultati del sondaggio con la dottoressa Laura Gentile, Psicologa e Psicoterapeuta, responsabile scientifica del progetto Rare Sibling nonché madre di due figli, uno dei quali con una malattia rara.

Dottoressa, in cosa consiste il progetto Rare Sibling?

«Il progetto è nato un anno mezzo fa dall’esigenza di un genitore e dei fratelli di un malato raro che si erano rivolti all’Osservatorio Malattie Rare. Da qui, esplorando le nostre pregresse esperienze professionali ci siamo resi conto che, in realtà, di interventi dedicati ai sibling rari, c’era ben poco. Abbiamo strutturato una survey che è stata in rete sul sito Rare Sibling sette mesi e da questo abbiamo tratto i primi risultati. Dalle interviste vis a vis con sibling e genitori, infatti, sono venute fuori le relazioni tra fratelli e il rapporto con i genitori, i progetti di svincolo e autonomia piuttosto che l’esigenza di confronto con gli altri sibling. La cosa più evidente che è emersa, a mio parere, è che la relazione tra fratelli rimane valida e importante anche nella rarità e nella difficoltà, con tutte le caratteristiche tipiche di questo rapporto: emozioni e sentimenti ambivalenti, reciproco sostegno e supporto, a volte competizione e conflitto. La situazione di rarità si aggiunge a questo e complica un po’ le cose. Quello che ci chiedono i sibling è di essere visti nelle loro esigenze specifiche. È necessaria un po’ di attenzione in alcuni fasi dello sviluppo, soprattutto quelle che riguardano lo svincolo e l’autonomia; i dati ci dicono che quando progettano una vita autonoma e indipendente lo fanno sempre pensando di rimanere vicino alla casa genitoriale. Hanno comunque nella loro progettualità e mente l’idea che un giorno diventeranno i prestatori di cura dei fratelli, questo nel 70% dei casi. Anche se, solo nel 43% dei casi, i genitori avevano espressamente pensato o proposto al sibling di occuparsi del fratello o della sorella dopo di loro».

Il senso di responsabilità nasce da sé?

«Sì, possiamo dire questo. Molto spesso, fanno progetti per il futuro, desiderano una propria autonomia ma è un’equazione dalla quale non possono sottrarre la sorella o il fratello con la malattia».

È previsto un supposto psicologico per i sibling?

«A partire dal 2020, l’Osservatorio Malattie Rare si farà promotore dei Rare Siblings Groups, dei gruppi esperienziali, con alla base la tecnica dell’auto mutuo aiuto che saranno omogenei per età. Stiamo valutando se fare gruppi per patologia o fare dei gruppi con diverse patologie per un confronto più significativo. Questa è la terza fase del progetto che si realizzerà più avanti, stiamo definendo gli ultimi particolari».

Qual è l’approccio psicologico più idoneo per i nuclei familiari influenzati dalle malattie rare?

«Secondo me, i gruppi di auto mutuo aiuto sono una grande risorsa: se non c’è una patologia pregressa e la reazione è conseguente alla malattia – ossia parliamo di una reazione normale rispetto a una situazione di sconvolgimento – non è detto che sia necessario un sostegno psicologico o una psicoterapia, ma può essere sufficiente avere la possibilità di parlare ed esprimere le emozioni che si vivono, già questo può essere terapeutico».

Articoli correlati
Morte Anastasi, AISLA Firenze fa chiarezza sulla SLA e ricorda l’importanza delle cure palliative
Dopo la morte di Pietro Anastasi, AISLA Firenze, sezione fiorentina di AISLA Onlus, intende diffondere informazioni corrette sulla malattia. In occasione di eventi tragici come questo purtroppo si susseguono notizie sensazionalistiche, prive nella maggior parte dei casi di una adeguata conoscenza della malattia. Si ricorda che l’età media di insorgenza della SLA sporadica è di […]
Ictus cerebrale, la storia del giornalista Rai Andrea Vianello. «Non riuscivo più a parlare»
«Il 2 febbraio dello scorso anno ho avuto un ictus, ho subito un’operazione d’urgenza, e quando mi sono risvegliato non riuscivo più a parlare. Proprio io, che sapevo solo parlare: non potevo dire nemmeno i nomi dei miei figli». Ha affidato a Twitter il racconto dell’evento drammatico che lo ha colpito il giornalista Rai Andrea […]
Dalla Mesopotamia ad oggi, Gian Antonio Stella racconta “La lunga battaglia dei disabili per cambiare la storia”
Nel suo ultimo libro la firma del Corriere della Sera racconta di errori e orrori, incubi religiosi, pregiudizi. Poi sottolinea: «Presto avremo oltre 6 milioni di non autosufficienti, cosa stiamo facendo per loro?»
Disabilità, D’Arrando (M5S) lancia il ‘budget di salute’: «Così mettiamo la persona al centro di un progetto terapeutico personalizzato»
«L’obiettivo è un utilizzo virtuoso delle risorse economiche, sia pubbliche che private, affinchè la persona venga veramente sostenuta e reintegrata nella comunità», sottolinea la deputata M5S Celeste D’Arrando. Nella legge di Bilancio previsto un piano nazionale per la disabilità di 1,3 miliardi di euro
Cronicità, sette pazienti su dieci bocciano presa in carico e accesso alle cure. Aurilio (PreSa): «Offrire servizi mirati oltre a tutele economiche»
In occasione della consegna dei premi PreSa, presentata l’indagine conoscitiva "I Bisogni dei pazienti cronici”: il 60% promuove informazione e tempo dedicato dal professionista ma boccia la programmazione degli esami. Mennini (CEIS-EEHTA): «Ritardo nella presa in carico fa alzare spesa per sistema sanitario e previdenziale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...