Salute 10 Ottobre 2019

Disuguaglianze in salute, Giuseppe Costa (UniTorino): «Vivere nelle zone più povere delle città fa la differenza»

«In Italia chi è più povero e ha meno risorse e competenze, è più esposto a fattori di rischio per la salute, si ammala prima, più spesso e muore prima». L’intervista al professor Giuseppe Costa, Docente di Salute pubblica all’Università di Torino

Dall’ambiente in cui viviamo dipende il rischio di sviluppare malattie. Le circostanze sociali e ambientali fanno la differenza, sono fattori che influenzano positivamente o negativamente la nostra salute. Ne abbiamo parlato con il professore di Sanità pubblica all’Università di Torino Giuseppe Costa, in occasione della conferenza Big Data in Health 2019 di cui Sanità Informazione è stata media partner. Dai suoi studi e dalle sue ricerche, infatti, emerge che quanto più si è benestanti, istruiti, residenti in aree più ricche e in buone condizioni socioeconomiche, tanto più si ha un profilo di salute più sano.

Professore parliamo di diseguaglianze di salute. Vivere in città e nelle zone più periferiche espone a rischi maggiori per la salute. Quali sono i risultati delle sue analisi?

«Dalle ricerche emerge un fatto molto chiaro: non è tanto vivere in città o nelle zone più periferiche ma vivere nelle zone più povere rispetto a quelle più ricche che fa la differenza. La città, spesso, è portatrice di salute perché fornisce maggiori possibilità e accesso ai servizi. Sono le differenze dentro le città a mostrare divari profondi, tra quartieri poveri e ricchi, tra classi povere e ricche, ancora presenti al giorno d’oggi. Chi ha meno risorse e competenze per stare sulla scena della vita può sviluppare disabilità, si ammala prima, più spesso e muore prima. Su queste divisioni e diseguaglianze, il SSN può fare qualcosa, soprattutto il nostro che è un sistema pubblico su base universalistica, ma non può cambiare il modo differente con cui ci si ammala. Per questo, sono necessari programmi di prevenzione, responsabilità di tutta la politica: politiche sociali, del lavoro, della casa, ambientali. È uno sforzo dell’intera società che ha alla sua portata la possibilità di rendere più uguali le opportunità di salute della popolazione. Questo ha ricadute importanti sul piano economico, perché un capitale umano più sano produce di più e sta meglio. Su queste differenze, integrare dati ambientali, sociali e sanitari è fondamentale per mettere in luce tutte le differenze».

Partendo dall’emergenza rifiuti che c’è a Roma per arrivare alle gravi situazioni di inquinamento ambientale come l’Ilva e la Terra dei fuochi, si parla di class action legali da parte dei cittadini per violazione della Convenzione Europea dei Diritti Umani e risarcimento del danno. Cosa ne pensa?

«Dove c’è chiaramente un nesso causale tra l’esposizione e le conseguenze sulla salute è molto ragionevole che si cerchi un risarcimento. Non vincolerei l’iniziativa politica di azione di risanamento al fatto di scoprire che ci sono danni sulla salute. Alcuni danni ambientali sono già più che sufficienti a giustificare l’intervento di bonifica: guai a attendere che si manifestino o siano misurati in modo chiaro gli effetti sulla salute che spesso richiedono tempi lunghi. Sarebbe una scusa molto grave dietro cui nascondere la non volontà di agire e investire per bonificare i nostri ambienti».

Articoli correlati
Fadoi: «Un paziente covid su quattro è diabetico ed ha una prognosi peggiore»
Gli esperti: «Al momento del ricovero fondamentale stratificare il rischio cardiovascolare». Da Easd e Fadoi le raccomandazioni per le cure in ospedale
Medici in mobilitazione permanente: «Il 29 maggio grande atto di resistenza»
Così in una nota Il Coordinamento promotore della mobilitazione nazionale
Covid-19: nasce Rescop, task force internazionale dei “guardiani dell’ambiente e della salute”
Scienziati e ricercatori hanno risposto positivamente all'appello della Sima e verificheranno la presenza del coronavirus sul particolato atmosferico delle città più colpite
“Donne e Covid-19”: Onda premia le professioniste impegnate in prima linea nell’emergenza
Il riconoscimento speciale è per le donne che si sono particolarmente distinte nello svolgimento del loro prezioso lavoro durante l’emergenza sanitaria. Gli ospedali, con i Bollini Rosa e non, potranno proporre la candidatura delle figure sanitarie prescelte entro il 31 luglio 2020 tramite il sito www.bollinirosa.it.
Decreto rilancio, Anaao Assomed: «Bene iniezione di risorse, ma lavoriamo per superare criticità»
«Prima il DL “Cura Italia” con 1,410 mld e ora il DL “Rilancio” con un ulteriore incremento di 3,250 mld del finanziamento del sistema sanitario, affrontano le problematiche emerse dalla pandemia. Ora è fondamentale vigilare per la sua conversione in legge e superare le criticità ancora persistenti con giuste proposte emendative» precisa il segretario Palermo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco