Salute 10 Ottobre 2019

Disuguaglianze in salute, Giuseppe Costa (UniTorino): «Vivere nelle zone più povere delle città fa la differenza»

«In Italia chi è più povero e ha meno risorse e competenze, è più esposto a fattori di rischio per la salute, si ammala prima, più spesso e muore prima». L’intervista al professor Giuseppe Costa, Docente di Salute pubblica all’Università di Torino

Dall’ambiente in cui viviamo dipende il rischio di sviluppare malattie. Le circostanze sociali e ambientali fanno la differenza, sono fattori che influenzano positivamente o negativamente la nostra salute. Ne abbiamo parlato con il professore di Sanità pubblica all’Università di Torino Giuseppe Costa, in occasione della conferenza Big Data in Health 2019 di cui Sanità Informazione è stata media partner. Dai suoi studi e dalle sue ricerche, infatti, emerge che quanto più si è benestanti, istruiti, residenti in aree più ricche e in buone condizioni socioeconomiche, tanto più si ha un profilo di salute più sano.

Professore parliamo di diseguaglianze di salute. Vivere in città e nelle zone più periferiche espone a rischi maggiori per la salute. Quali sono i risultati delle sue analisi?

«Dalle ricerche emerge un fatto molto chiaro: non è tanto vivere in città o nelle zone più periferiche ma vivere nelle zone più povere rispetto a quelle più ricche che fa la differenza. La città, spesso, è portatrice di salute perché fornisce maggiori possibilità e accesso ai servizi. Sono le differenze dentro le città a mostrare divari profondi, tra quartieri poveri e ricchi, tra classi povere e ricche, ancora presenti al giorno d’oggi. Chi ha meno risorse e competenze per stare sulla scena della vita può sviluppare disabilità, si ammala prima, più spesso e muore prima. Su queste divisioni e diseguaglianze, il SSN può fare qualcosa, soprattutto il nostro che è un sistema pubblico su base universalistica, ma non può cambiare il modo differente con cui ci si ammala. Per questo, sono necessari programmi di prevenzione, responsabilità di tutta la politica: politiche sociali, del lavoro, della casa, ambientali. È uno sforzo dell’intera società che ha alla sua portata la possibilità di rendere più uguali le opportunità di salute della popolazione. Questo ha ricadute importanti sul piano economico, perché un capitale umano più sano produce di più e sta meglio. Su queste differenze, integrare dati ambientali, sociali e sanitari è fondamentale per mettere in luce tutte le differenze».

Partendo dall’emergenza rifiuti che c’è a Roma per arrivare alle gravi situazioni di inquinamento ambientale come l’Ilva e la Terra dei fuochi, si parla di class action legali da parte dei cittadini per violazione della Convenzione Europea dei Diritti Umani e risarcimento del danno. Cosa ne pensa?

«Dove c’è chiaramente un nesso causale tra l’esposizione e le conseguenze sulla salute è molto ragionevole che si cerchi un risarcimento. Non vincolerei l’iniziativa politica di azione di risanamento al fatto di scoprire che ci sono danni sulla salute. Alcuni danni ambientali sono già più che sufficienti a giustificare l’intervento di bonifica: guai a attendere che si manifestino o siano misurati in modo chiaro gli effetti sulla salute che spesso richiedono tempi lunghi. Sarebbe una scusa molto grave dietro cui nascondere la non volontà di agire e investire per bonificare i nostri ambienti».

Articoli correlati
Cellulare e tumore, per i giudici il nesso c’è. L’otorino: «Sicuramente causa cambiamenti fisiologici»
Accolto dalla Corte d'Appello di Torino il ricorso di un lavoratore che ha utilizzato il telefono aziendale per anni e ha sviluppato poi una forma tumorale. L’Inail dovrà corrispondere un vitalizio, ma la scienza sul tema continua ad essere divisa. Il dottor Attanasio: «È vero che non ci sono evidenze scientifiche ma non si può escludere che un’esposizione continua a radiofrequenze non faccia danni»
Vaccini, al Niguarda primo ambulatorio intra-ospedaliero per pazienti cronici, fragili e donne in gravidanza
Collaborazione tra specialisti e medici affinché le vaccinazioni siano parte del piano terapeutico dei pazienti. Orso (Responsabile del centro vaccinale): «Triplice vantaggio per i pazienti: profilassi all’interno del percorso ospedaliero, tempi rapidi di realizzazione e vaccinazione parte integrante del percorso terapeutico»
di Federica Bosco
E-cig e sigarette: sono più di 700mila gli italiani che le fumano insieme. E i rischi per i polmoni triplicano
Secondo uno studio della University of California l’abitudine, sempre più in voga, di alternare le due modalità di fumo è una pratica da abbandonare
«Il nostro SSN è il migliore, ma non lo sarà per sempre». Un libro spiega il perché
Scritto dal direttore generale della Programmazione sanitaria del ministero della Salute, Andrea Urbani, il libro si propone di fare chiarezza sui limiti dell'attuale governance e sulle sfide future
Chirurgia estetica, la denuncia di Sicpre: «Basta abusivismo categoria, danni al 30% dei pazienti»
In Italia nel settore privato chiunque sia anche solo laureato in Medicina può eseguire interventi di chirurgia plastica, anche senza specializzazione. D’Andrea: «Casi in aumento. Prima di sottoporsi ad un intervento necessario controllare se il professionista è adeguatamente formato o se millanta»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Ecm

Formazione Ecm, si cambia. Un anno per la riforma e la valorizzazione del sistema

La Commissione nazionale per l'Educazione continua in medicina ha istituito un Gruppo di lavoro che riformerà il sistema Ecm. Obiettivi: puntare sulla qualità degli eventi formativi e adeguare la fo...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...