Salute 14 Febbraio 2019

Malattie rare, la storia di Moira: «Per 20 anni mi sono sentita una X File, poi la diagnosi di CIDP»

STORIE RARE | «I primi sintomi sono comparsi a 18 anni: avevo difficoltà a parlare. Poi ho perso l’uso delle gambe e delle braccia, ma per fortuna grazie alle immunoglobuline ho recuperato l’autonomia. Ora le diagnosi sono più veloci». Così Moira Bressan, tra i protagonisti della campagna #lenostrestorie. Ilaria Ciancaleoni Bartoli (OMAR): «Le storie dei malati rari sono utili a pazienti e medici»

di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio

«Un giorno, durante un’interrogazione a scuola, ho iniziato ad avere difficoltà a pronunciare le parole con la lettera R. Avevo 18 anni. Poi ho iniziato ad avere sintomi infiammatori, per cui un semplice raffreddore o una febbre diventavano un problema grave. Braccia e gambe mi formicolavano, ma poi i sintomi regredivano da soli. Quando andavo dal medico di famiglia mi diceva che si trattava di stress, di un problema di natura psicologica. Ho seguito una terapia a base di vitamina E, che però non dava nessun risultato. Sono andata avanti così per 20 anni. Facevo di continuo esami e accertamenti, ma nessuno riusciva a capire cosa avessi. Per tutti quegli anni mi sono sentita una ‘X File’. Poi, nel 2012, ho perso l’uso delle gambe e delle braccia. Sono arrivata in ospedale tetraplegica, ho iniziato a prendere il cortisone ma poi, finalmente, mi hanno diagnosticato la polineuropatia cronica infiammatoria demielinizzante. Con le immunoglobuline, allora, sono riuscita a recuperare il grado di autonomia che ho adesso. Non è totale, ma almeno non ho bisogno di assistenza per vivere la mia vita».

LEGGI ANCHE: NEUROPATIE DISIMMUNI ACQUISITE, MARRA (CIDP): «CHIEDIAMO DI PORTARE LA CURA NELL’OSPEDALE PIU’ VICINO AL PAZIENTE»

È il racconto di Moira Bressan, che abbiamo incontrato al convegno organizzato in Senato dall’Associazione italiana dei pazienti di neuropatie disimmuni CIDP Italia Onlus insieme a RARELAB. La sua è una malattia rara, che colpisce circa tre persone ogni 100mila. «Il mio è stato un percorso abbastanza lungo e tortuoso – prosegue – ma fortunatamente adesso le diagnosi vengono fatte molto più velocemente. Ovviamente questo consente un accesso alle cure più veloce, e quindi la possibilità di recuperare con più facilità la propria autonomia».

In occasione dell’incontro al Senato è stata presentata la campagna di sensibilizzazione #lenostrestorie, che vede tra i protagonisti anche Moira. «Le storie dei pazienti con malattie rare possono essere utili ai medici – spiega ai nostri microfoni la direttrice dell’Osservatorio Malattie Rare Ilaria Ciancaleoni Bartoli -. Facendo vedere i sintomi e spiegando il percorso di un malato raro, possono far sorgere nel medico quel dubbio che prima non ha avuto, e aiutare quindi meglio il proprio paziente, indirizzandolo sulla strada giusta».

«Ma queste storie– prosegue la direttrice di OMAR – sono importantissime anche per gli altri malati che non riescono ad arrivare ad una diagnosi. Possono infatti indirizzarli verso un altro specialista, che magari può arrivare ad una diagnosi, ma soprattutto servono per non sentirsi soli, un numero zero in mezzo al nulla. Sapere che si è parte di un gruppo, grande o piccolo che sia, è importantissimo. La solitudine aggrava la patologia, e di certo non aiuta a reagire».

Il consiglio che Ilaria Ciancaleoni Bartoli rivolge a quei pazienti che da anni cercano una diagnosi senza risultato è quello di «cercare un’associazione di pazienti per la propria patologia o per patologie con sintomi simili, perché magari lì c’è qualcuno che può aiutarli». Questo non significa autodiagnosticare la propria malattia, che «può precludere l’incontro con un centro di riferimento serio ed essere quindi un danno per il paziente», ma farsi un’idea basandosi «sui clinici e gli esami. Informarsi – conclude – è utile per saperne di più, ma poi la parola definitiva va lasciata ai medici».

LEGGI ANCHE: MALATTIE RARE, OMAR COMPIE OTTO ANNI. LA DIRETTRICE BARTOLI: «IL FUTURO È RICERCA CLINICA E SCREENING NEONATALE»

Articoli correlati
Bambino Gesù, scoperta nuova malattia rara che ha colpito 7 bambini nel mondo. Intervista al dottor Tartaglia
Con il dottor Tartaglia (Bambino Gesù) parliamo della scoperta fatta grazie al gene MAPK1. Era l'ultimo a non essere associato a una malattia genetica. Due dei sette bambini colpiti nel mondo sono italiani
Lo screening neonatale per la SMA ha cambiato la vita di sei bambini
I risultati del progetto nel Lazio e in Toscana. Il genetista: «Diagnosticare la malattia nella fase pre-sintomatica permette alla maggior parte dei bambini di compiere tutte le tappe motorie»
di Isabella Faggiano
Emofilia, presentato il Rapporto di Omar nell’ottica del ‘Value Based Health Care’
Binetti: «Sia finanziato il nuovo piano delle malattie rare». E le associazioni dei malati chiedono che i pazienti vengano messi al centro
Emofilia, un nuovo modello di sanità nel Rapporto di OMAR
Nel Rapporto “Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia”, le problematiche legate alla patologia e il ruolo chiave della Value Based Health Care (VBHC)
Malattie rare nell’adulto, resta cruciale la formazione dei medici di base
Ecco come è andato il webinar promosso da European House Ambrosetti: molti i fronti di emergenza, il ritardo diagnostico è il problema n.1. Paola Binetti: «Misure specifiche nel Ddl Semplificazioni»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...