Salute 8 Febbraio 2019

Neuropatie disimmuni acquisite, Marra (CIDP): «Chiediamo di portare la cura nell’ospedale più vicino al paziente»

Se diagnosticate precocemente, queste malattie rare che colpiscono il sistema nervoso periferico possono essere affrontate con una terapia efficace per nove pazienti su dieci: «Fondamentale la formazione dei medici di famiglia»

di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

Sono circa 10mila gli italiani che soffrono di una forma di neuropatia disimmune acquisita. Si tratta di un gruppo di malattie neuromuscolari rare che colpiscono il sistema nervoso periferico, portando, se non curate, a disabilità anche gravi. Questi 10mila pazienti «ricevono il miglior trattamento offerto in Europa», spiega Massimo Marra, presidente di CIDP Italia Onlus, che li rappresenta. Il nostro Paese è infatti all’avanguardia, e le neuropatie disimmuni acquisite sono «un esempio di buona sanità nelle malattie rare», come recita il titolo del convegno organizzato in Senato insieme a RARELAB per fare il punto della situazione e lanciare la campagna di sensibilizzazione #lenostrestorie.

LEGGI ANCHE: “UNO SGUARDO RARO”, IL FESTIVAL DI CINEMA SULLE MALATTIE RARE CHE AGITA LE COSCIENZE E REGALA EMOZIONI

Ma il nostro Paese è a macchia di leopardo, come spiega Marra: «C’è un’Italia in cui tutto funziona bene, e un’Italia in cui c’è ancora qualcosina da migliorare. Quello che noi chiediamo è portare la fruizione della cura negli ospedali più vicini alla residenza del paziente, che gli consenta di conciliare il trattamento con la vita lavorativa e familiare».

Trattamento che, tra l’altro, sebbene non risolutivo, risulta efficace per nove pazienti su dieci. Ma come per tutte le malattie rare, può essere più complesso arrivare ad una diagnosi: «Quando si lamentano formicolio, stanchezza, difficoltà a salire le scale o a tenere degli oggetti in mano, il problema viene spesso ricondotto all’ortopedia – prosegue il presidente di CIDP -. Invece bisognerebbe avviare i pazienti ad un consulto neurologico quanto prima, in modo da riuscire a prendere la malattia subito dopo la sua comparsa ed evitare al paziente quella crisi di identità rappresentata dal dover dipendere dagli altri anche per le azioni più elementari».

Per questo, come precisato da Marra, la formazione e l’aggiornamento anche dei medici di famiglia sono fondamentali, in quanto primo camice bianco a cui i pazienti si rivolgono. Perché poi, invece, «quasi tutte le neurologie d’Italia sono in grado di fare diagnosi e anche piuttosto tempestivamente». Bisogna solo che il paziente venga indirizzato verso lo specialista giusto.

«Addirittura – racconta ancora il presidente di CIDP – ad alcune persone la diagnosi è stata fatta in pronto soccorso, quindi appena entrate in ospedale». Affrontare le neuropatie disimmuni acquisite, quindi, oggi si può: «L’importante – conclude Marra – è arrivare precocemente alla diagnosi, e consentire quindi ai malati di vivere la loro vita in autonomia».

LEGGI ANCHE: MALATTIE RARE, VOLPI (M5S): «ORA SCREENING NEONATALE ANCHE PER PATOLOGIE NEUROMUSCOLARI GENETICHE, IMMUNODEFICIENZE COMBINATE SEVERE E MALATTIE DA ACCUMULO LISOSOMIALE»

Articoli correlati
Bambino Gesù, scoperta nuova malattia rara che ha colpito 7 bambini nel mondo. Intervista al dottor Tartaglia
Con il dottor Tartaglia (Bambino Gesù) parliamo della scoperta fatta grazie al gene MAPK1. Era l'ultimo a non essere associato a una malattia genetica. Due dei sette bambini colpiti nel mondo sono italiani
Lo screening neonatale per la SMA ha cambiato la vita di sei bambini
I risultati del progetto nel Lazio e in Toscana. Il genetista: «Diagnosticare la malattia nella fase pre-sintomatica permette alla maggior parte dei bambini di compiere tutte le tappe motorie»
di Isabella Faggiano
Emofilia, presentato il Rapporto di Omar nell’ottica del ‘Value Based Health Care’
Binetti: «Sia finanziato il nuovo piano delle malattie rare». E le associazioni dei malati chiedono che i pazienti vengano messi al centro
Emofilia, un nuovo modello di sanità nel Rapporto di OMAR
Nel Rapporto “Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia”, le problematiche legate alla patologia e il ruolo chiave della Value Based Health Care (VBHC)
Malattie rare nell’adulto, resta cruciale la formazione dei medici di base
Ecco come è andato il webinar promosso da European House Ambrosetti: molti i fronti di emergenza, il ritardo diagnostico è il problema n.1. Paola Binetti: «Misure specifiche nel Ddl Semplificazioni»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...