Salute 31 Gennaio 2019

“Uno Sguardo Raro”, il festival di cinema sulle malattie rare che agita le coscienze e regala emozioni

800 opere da 83 paesi del mondo che raccontano com’è vivere con una malattia rara o una disabilità. La quarta edizione del Festival vuole regalare al pubblico sensazioni intense trasformando l’invisibilità dei malati rari in visibilità, per far riflettere sull’importanza della comprensione, dell’inclusione e della gentilezza

Un’intera settimana di cortometraggi nazionali, internazionali, documentari, spot e corti d’animazione. Storie coraggiose e toccanti del “vivere diverso” che rivelano come e quanto si possono superare i propri limiti fisici. La quarta edizione di “Uno Sguardo Raro”, il Festival di cinema internazionale sul tema delle malattie rare organizzato e promosso da NOVE PRODUZIONI, associazione culturale senza scopo di lucro, con il patrocinio e la collaborazione di molti enti pubblici e privati e con media partner OMAR, avrà luogo a Roma dal 28 gennaio al 3 febbraio 2019 presso Regione Lazio, Biblioteche, Istituto Roberto Rossellini e le due serate finali presso la Casa del Cinema.

«L’obiettivo è quello di promuovere le migliori opere video sulle malattie rare per creare un punto d’incontro solidale con il mondo del cinema – sottolinea la direzione artistica -. Il fine è dare un impulso alla produzione di nuovi registri di comunicazione visiva sul tema. Un punto di partenza per raccontare come l’esperienza di chi ha già lottato e magari raggiunto qualche vittoria, sia una ricchezza da condividere». Il tema dell’edizione 2019 è, infatti, “raro ma non solo”perché scambiarsi esperienze attraverso i racconti di paesi e culture diverse, aiuta a vedere le cose da altre angolazioni e «infrange il senso di isolamento che è uno dei problemi più sentiti dalle persone giovani affette da queste patologie».

Si calcola che in Europa gli affetti da una patologia rara siano circa 30 milioni. In Italia sono 670mila le persone ufficialmente registrate come “malate rare”, ma si stima che siano circa un milione e mezzo, a cui si devono aggiungere anche i familiari coinvolti nell’assistenza. Parliamo di malattie complesse, gravi, degenerative e invalidanti; alcune, però, con una diagnosi precoce e specifiche terapie, consentono una buona qualità di vita.

Il Festival anticipa la celebrazione della Giornata delle Malattie Rare del 28 febbraio prossimo e vede la direzione artistica dell’attrice e autrice Claudia Crisafio: il progetto culturale nasce dal suo incontro con Serena Bartezzati, malata rara.

In gara 800 opere da 83 paesi: dalla Norvegia al Ghana, dall’Uzbekistan agli Stati Uniti. Ventuno, quelli selezionati per la fase finale da una giuria presieduta da Gianmarco Tognazzi che saranno proiettati alla Casa del Cinema il 2 febbraio e premiati il 3 febbraio.

A giudicare insieme all’attore Tognazzi saranno: Irene Ferri, Bruno Oliviero, Fabrizio Zappi, Domenica Taruscio, Carlo Calcagni, Diana Daneluz, Giulio D’Ercole, Stefania Collet, Michelangelo Gratton, Simona Bellagambi e Guglielmo Lorenzo.

PROGRAMMA 

FINALISTI 

Articoli correlati
Meeting Salute 2019, a Rimini gli infermieri insegnano la buona salute alle famiglie
«La buona salute infatti si fa curando e assistendo i malati», si legge nel comunicato diffuso dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI)
LA STORIA | «Ho perso la vista a venti anni e ho deciso di diventare psicologa. Ora la mia forza è al servizio degli altri»
Katia Caravello: «Essere una psicologa con disabilità è un’arma a doppio taglio. È un valore aggiunto che ti consente di comprendere meglio l’altro, il suo vissuto e le sue sofferenze. Ma la disabilità altrui può riattivare nel terapeuta ferite ancora aperte»
di Isabella Faggiano
Anoressia, Sinuc: «La perdita di appetito accomuna frequentemente malattie acute, croniche e oncologiche
Una “mancanza di appetito patologica che non è rifiuto consapevole del cibo ma la perdita del senso di fame e del desiderio di mangiare con un persistente senso di pienezza” è la definizione della 17ma edizione dal prestigioso testo Principles of Internal Medicine di Harrison’s. La malnutrizione calorico proteica (MCP) è una condizione che caratterizza […]
Telemedicina e cooperazione: la sfida, vinta, dalla Onlus GHT di Michelangelo Bartolo
GHT è un servizio di teleconsulto multi-specialistico e gratuito attivo in 15 paesi, curato da un pool di specialisti europei che nasce per rispondere ai quesiti medici che arrivano dai luoghi più disagiati del mondo. Ci spiega tutto il medico fondatore Bartolo
Fondazione TIM: con “TIMPEOPLE for Good” dona 200 mila euro a sostegno dei migliori progetti per il sociale
È BOT-TOM il vincitore dell’edizione 2019 di TIMPEOPLE for Good, l’iniziativa di Fondazione TIM finalizzata a dare spazio all’impegno delle persone del Gruppo TIM nel campo del sociale e alle loro esperienze di solidarietà. Il premio del valore di 100 mila euro, è stato consegnato a Roma dal Presidente TIM Fulvio Conti. Il progetto, nato […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone