Salute 31 Gennaio 2019

“Uno Sguardo Raro”, il festival di cinema sulle malattie rare che agita le coscienze e regala emozioni

800 opere da 83 paesi del mondo che raccontano com’è vivere con una malattia rara o una disabilità. La quarta edizione del Festival vuole regalare al pubblico sensazioni intense trasformando l’invisibilità dei malati rari in visibilità, per far riflettere sull’importanza della comprensione, dell’inclusione e della gentilezza

Un’intera settimana di cortometraggi nazionali, internazionali, documentari, spot e corti d’animazione. Storie coraggiose e toccanti del “vivere diverso” che rivelano come e quanto si possono superare i propri limiti fisici. La quarta edizione di “Uno Sguardo Raro”, il Festival di cinema internazionale sul tema delle malattie rare organizzato e promosso da NOVE PRODUZIONI, associazione culturale senza scopo di lucro, con il patrocinio e la collaborazione di molti enti pubblici e privati e con media partner OMAR, avrà luogo a Roma dal 28 gennaio al 3 febbraio 2019 presso Regione Lazio, Biblioteche, Istituto Roberto Rossellini e le due serate finali presso la Casa del Cinema.

«L’obiettivo è quello di promuovere le migliori opere video sulle malattie rare per creare un punto d’incontro solidale con il mondo del cinema – sottolinea la direzione artistica -. Il fine è dare un impulso alla produzione di nuovi registri di comunicazione visiva sul tema. Un punto di partenza per raccontare come l’esperienza di chi ha già lottato e magari raggiunto qualche vittoria, sia una ricchezza da condividere». Il tema dell’edizione 2019 è, infatti, “raro ma non solo”perché scambiarsi esperienze attraverso i racconti di paesi e culture diverse, aiuta a vedere le cose da altre angolazioni e «infrange il senso di isolamento che è uno dei problemi più sentiti dalle persone giovani affette da queste patologie».

Si calcola che in Europa gli affetti da una patologia rara siano circa 30 milioni. In Italia sono 670mila le persone ufficialmente registrate come “malate rare”, ma si stima che siano circa un milione e mezzo, a cui si devono aggiungere anche i familiari coinvolti nell’assistenza. Parliamo di malattie complesse, gravi, degenerative e invalidanti; alcune, però, con una diagnosi precoce e specifiche terapie, consentono una buona qualità di vita.

Il Festival anticipa la celebrazione della Giornata delle Malattie Rare del 28 febbraio prossimo e vede la direzione artistica dell’attrice e autrice Claudia Crisafio: il progetto culturale nasce dal suo incontro con Serena Bartezzati, malata rara.

In gara 800 opere da 83 paesi: dalla Norvegia al Ghana, dall’Uzbekistan agli Stati Uniti. Ventuno, quelli selezionati per la fase finale da una giuria presieduta da Gianmarco Tognazzi che saranno proiettati alla Casa del Cinema il 2 febbraio e premiati il 3 febbraio.

A giudicare insieme all’attore Tognazzi saranno: Irene Ferri, Bruno Oliviero, Fabrizio Zappi, Domenica Taruscio, Carlo Calcagni, Diana Daneluz, Giulio D’Ercole, Stefania Collet, Michelangelo Gratton, Simona Bellagambi e Guglielmo Lorenzo.

PROGRAMMA 

FINALISTI 

Articoli correlati
Coronavirus, il ministero della Salute: «Al via bando per la ricerca su Covid-19»
«Ciascun progetto selezionato potrà ricevere fino ad un milione di euro, dei 7 milioni complessivamente stanziati» spiega il ministero. Speranza: «Priorità alle proposte in grado di evidenziare, già nella presentazione dei dati preliminari, l’applicabilità dei risultati ai processi di cura»
Coronavirus, il vademecum di SIMG, ISS e OMS per trattare i pazienti positivi a domicilio
La Società Italiana di Medicina Generale pubblica un vademecum dettagliato condiviso con ISS e OMS su come debba essere seguita l’assistenza domiciliare per i pazienti infetti da SARS-CoV-2. «Con l’aumentare della diffusione di Covid-19 si assisterà ad una crescita dei pazienti con pochi sintomi che potranno essere curati a casa. Seguiremo a distanza tutti i pazienti» assicura il Presidente SIMG Claudio Cricelli
Coronavirus, Noja (Iv): «Misure immediate per le persone con disabilità»
La richiesta della componente della commissione Affari Sociali della
Rete 5G, lo stop delle Marche fa discutere. Il promotore rilancia: «Valga principio di precauzione. Ora cambiare legge sulle antenne»
Sandro Bisonni, consigliere regionale dei Verdi, è il promotore della mozione che impegna la Giunta ad applicare il ‘principio di precauzione’. «L’Unione europea consiglia valori cautelativi ancora più bassi di quelli esistenti in Italia. Sarebbe sbagliato alzarli per favorire il 5G» spiega il consigliere marchigiano. Plauso alla mozione da ISDE – Medici per l’Ambiente
Coronavirus, Aimo: «Presente in sacco congiuntivale anche in assenza di altra sintomatologia»
I medici oculisti di Aimo si rivolgono al ministero Speranza: «Pazienti potenzialmente contagiosi affollano nostri Pronto Soccorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 7 aprile, sono 1.348.628 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 74.834 i decessi e 285.064 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...