Salute 31 Gennaio 2019

“Uno Sguardo Raro”, il festival di cinema sulle malattie rare che agita le coscienze e regala emozioni

800 opere da 83 paesi del mondo che raccontano com’è vivere con una malattia rara o una disabilità. La quarta edizione del Festival vuole regalare al pubblico sensazioni intense trasformando l’invisibilità dei malati rari in visibilità, per far riflettere sull’importanza della comprensione, dell’inclusione e della gentilezza

Un’intera settimana di cortometraggi nazionali, internazionali, documentari, spot e corti d’animazione. Storie coraggiose e toccanti del “vivere diverso” che rivelano come e quanto si possono superare i propri limiti fisici. La quarta edizione di “Uno Sguardo Raro”, il Festival di cinema internazionale sul tema delle malattie rare organizzato e promosso da NOVE PRODUZIONI, associazione culturale senza scopo di lucro, con il patrocinio e la collaborazione di molti enti pubblici e privati e con media partner OMAR, avrà luogo a Roma dal 28 gennaio al 3 febbraio 2019 presso Regione Lazio, Biblioteche, Istituto Roberto Rossellini e le due serate finali presso la Casa del Cinema.

«L’obiettivo è quello di promuovere le migliori opere video sulle malattie rare per creare un punto d’incontro solidale con il mondo del cinema – sottolinea la direzione artistica -. Il fine è dare un impulso alla produzione di nuovi registri di comunicazione visiva sul tema. Un punto di partenza per raccontare come l’esperienza di chi ha già lottato e magari raggiunto qualche vittoria, sia una ricchezza da condividere». Il tema dell’edizione 2019 è, infatti, “raro ma non solo”perché scambiarsi esperienze attraverso i racconti di paesi e culture diverse, aiuta a vedere le cose da altre angolazioni e «infrange il senso di isolamento che è uno dei problemi più sentiti dalle persone giovani affette da queste patologie».

Si calcola che in Europa gli affetti da una patologia rara siano circa 30 milioni. In Italia sono 670mila le persone ufficialmente registrate come “malate rare”, ma si stima che siano circa un milione e mezzo, a cui si devono aggiungere anche i familiari coinvolti nell’assistenza. Parliamo di malattie complesse, gravi, degenerative e invalidanti; alcune, però, con una diagnosi precoce e specifiche terapie, consentono una buona qualità di vita.

Il Festival anticipa la celebrazione della Giornata delle Malattie Rare del 28 febbraio prossimo e vede la direzione artistica dell’attrice e autrice Claudia Crisafio: il progetto culturale nasce dal suo incontro con Serena Bartezzati, malata rara.

In gara 800 opere da 83 paesi: dalla Norvegia al Ghana, dall’Uzbekistan agli Stati Uniti. Ventuno, quelli selezionati per la fase finale da una giuria presieduta da Gianmarco Tognazzi che saranno proiettati alla Casa del Cinema il 2 febbraio e premiati il 3 febbraio.

A giudicare insieme all’attore Tognazzi saranno: Irene Ferri, Bruno Oliviero, Fabrizio Zappi, Domenica Taruscio, Carlo Calcagni, Diana Daneluz, Giulio D’Ercole, Stefania Collet, Michelangelo Gratton, Simona Bellagambi e Guglielmo Lorenzo.

PROGRAMMA 

FINALISTI 

Articoli correlati
Chi è Je.suis.doc, medico su TikTok da 40mila follower: «Così ho avvicinato i giovani alla medicina»
Clip mimate e sequenze musicali per interagire con gli adolescenti e parlare di salute. Carlo Esposito: «TikTok mi ha permesso di catturare l’attenzione dei giovanissimi in modo semplice e immediato»
Bambino Gesù, scoperta nuova malattia rara che ha colpito 7 bambini nel mondo. Intervista al dottor Tartaglia
Con il dottor Tartaglia (Bambino Gesù) parliamo della scoperta fatta grazie al gene MAPK1. Era l'ultimo a non essere associato a una malattia genetica. Due dei sette bambini colpiti nel mondo sono italiani
Recovery Fund, Fnopo: «Evento storico. Implementare ostetrica di famiglia e di comunità»
«D’ora in poi non sarà più possibile, né credibile, rimandare la realizzazione di progetti di riforma della rete assistenziale portando a motivazione la mancanza di fondi adeguati» precisa la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO)
Le Supposte Di Carmelo, la prima “Sit down comedy” italiana per raccontare la quarantena di un disabile
Carmelo Comisi a 14 anni è stato vittima di un incidente stradale che gli ha causato una gravissima disabilità. Già ideatore del Disability Pride Italia, durante l’emergenza Covid ha realizzato una web-serie: «I normodotati ci presentano come un caso umano o come un supereroe sportivo. E invece noi non siamo nulla di tutto questo»
di Isabella Faggiano
Lo screening neonatale per la SMA ha cambiato la vita di sei bambini
I risultati del progetto nel Lazio e in Toscana. Il genetista: «Diagnosticare la malattia nella fase pre-sintomatica permette alla maggior parte dei bambini di compiere tutte le tappe motorie»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...