Salute 18 Novembre 2019

Rapporto OSSFOR, Berni (Rete Toscana): «Assistenza farmaceutica e ricoveri ospedalieri maggior spesa per malati rari»

«Il Dpcm sui nuovi Lea non ci ha colto impreparati: la maggior parte dei nuovi codici di esenzione erano già entrati nei nostri Lea aggiuntivi regionali. Un vantaggio per i pazienti e la programmazione sanitaria» così la Responsabile della Rete Malattie Rare Toscana Cecilia Berni a Sanità Informazione

Il Terzo Rapporto OSSFOR sui Farmaci Orfani 2019, presentato di recente a Roma, ha delineato il quadro effettivo e aggiornato dei consumi e dei costi per il SSN.

Dopo aver studiato, nelle prime due edizioni, i dati di Lombardia, Campania e Puglia, l’analisi si è estesa anche alla Regione Toscana mediante l’interconnessione e lo studio dei database amministrativi regionali.

La dottoressa Cecilia Berni – Responsabile della programmazione monitoraggio della Rete Toscana delle malattie rare e dei difetti congeniti e della rete della pediatria specialistica e dei punti nascita – ha fatto il punto della situazione sulla presa in carico dei malati rari in Toscana a Sanità Informazione, tra criticità e virtuosismi.

Dottoressa, in questo terzo anno di lavoro è stata ampliata l’indagine alla regione Toscana. Che cosa è emerso?

«È stato un lavoro molto interessante perché, effettivamente, anche per noi ha significato porre l’attenzione su alcuni aspetti sui quali potevamo soffermarci meglio nella nostra programmazione e sui quali non avevamo fatto un confronto anche con le altre regioni. Poter entrare in una dinamica di raffronto nazionale anche sui flussi correnti – non solo nell’ambito del registro delle malattie rare – è un arricchimento anche per noi dell’analisi. Quello che abbiamo potuto vedere, di fatto in comune con tutte le altre regioni, è che la spesa maggiormente dedicata ai malati rari è quella nell’ambito dell’assistenza farmaceutica e dei ricoveri ospedalieri. Questo è un trend che ci accomuna agli altri. Abbiamo però, di fatto, una piccola differenza rispetto agli altri, non di poco conto. Nel 2009, come regione Toscana, noi abbiamo anticipato buona parte dei nuovi Lea e la maggior parte dei nuovi codici di esenzione erano entrati dentro i Lea aggiuntivi regionali. Questo ci ha permesso di non subire un incremento repentino dell’assistenza dovuta al nuovo riconoscimento di nuove esenzioni nel 2017, a sei mesi dell’approvazione del Dpcm sui nuovi Lea. Ci ha permesso, anzi, di partire con più gradualità e anche di capire come meglio accordare i percorsi per queste nuove patologie rare. Questo sicuramente è stato un vantaggio per i pazienti e un vantaggio per la programmazione regionale; ci ha permesso anche di testare nuovi sistemi anche per la certificazione e la predisposizione del piano terapeutico online.

Come è organizzato il piano terapeutico online per le malattie rare della regione Toscana?

«Il nostro piano si interfaccia anche con il nostro magazzino regionale per i farmaci. I nostri professionisti, in tempo reale, sanno se il farmaco che stanno prescrivendo è già disponibile nel magazzino o no. Questo è un grosso vantaggio in termini di programmazione per gli acquisti e per il percorso del paziente che viene avvisato nel momento stesso della redazione del piano terapeutico. Effettivamente, l’avvio dei nuovi Lea ci ha visto già in parte preparati ala nuova ondata dei nuovi codici di esenzione. Dall’altra parte, ci ha visto impreparati al fatto che alcuni codici erano cambiati per cui abbiamo dovuto rimappare tutta l’anagrafe sanitaria ma questa è stata per noi anche l’occasione per ritirare tutti i sistemi dei nostri database regionali sul nuovo Dpcm e soprattutto sui nuovi sistemi per monitore tutti gli altri flussi correnti. Ben vengano le criticità perché ci aiutano a migliorare il sistema, l’analisi dei dati e a programmare meglio i percorsi».

Articoli correlati
Coronavirus, Magi (OMCeO Roma): «Nella Capitale situazione stabile. Partito il camper per assicurare l’assistenza sul territorio»
«Con l'unità mobile dell'Ordine dei medici cerchiamo di non ripetere l'errore che è stato fatto al Nord. A Nerola, centro focolaio, facciamo tamponi e test rapidi e se coincidono possiamo estenderli a tutti». Così il presidente Magi, che aggiunge: «Accelerare i tamponi ai medici per lavorare in sicurezza»
Coronavirus, il vademecum di SIMG, ISS e OMS per trattare i pazienti positivi a domicilio
La Società Italiana di Medicina Generale pubblica un vademecum dettagliato condiviso con ISS e OMS su come debba essere seguita l’assistenza domiciliare per i pazienti infetti da SARS-CoV-2. «Con l’aumentare della diffusione di Covid-19 si assisterà ad una crescita dei pazienti con pochi sintomi che potranno essere curati a casa. Seguiremo a distanza tutti i pazienti» assicura il Presidente SIMG Claudio Cricelli
Codici: «Chiediamo al Ministero di fare chiarezza sulle ricerche cliniche all’Ospedale Niguarda di Milano»
Prima l’inserimento del paziente in uno studio clinico senza consenso informato specifico e senza autorizzazione del comitato etico, poi l’intervento eseguito con protesi che hanno avuto effetti avversi non segnalati al Ministero, che non è stato informato nemmeno sulla consegna delle protesi alla ditta, di cui non sono stati registrati i lotti utilizzati. È quanto […]
Pazienti rari in cerca d’autore: Vanessa Scalera con Linfa nella lotta contro le neurofibromatosi
Per la Giornata delle Malattie Rare, sabato 22 febbraio l’attrice Vanessa Scalera incontra al MUSME, il Museo della Medicina di Padova, i pazienti affetti dalle varie forme di neurofibromatosi, i loro cari, i medici e gli scienziati che lavorano senza sosta alla ricerca di terapie efficaci. L’incontro, unico nel suo genere, si chiama Pazienti rari […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 31 marzo, sono 786.291 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 37.820 i decessi e 166.088 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...