Salute 29 Ottobre 2019 09:30

«Eliminare il superticket e abbattere la ‘barriera economica’ in Sanità». Aceti (FNOPI) commenta le diseguaglianze regionali

Disparità che dividono anche le Regioni commissariate da quelle con i conti in ordine. Il portavoce della Federazione degli Ordini delle Professioni infermieristiche (FNOPI): «La spesa pro capite per tutte le prestazioni sanitarie è più alta nelle Regioni del Nord e non in piano di rientro, più bassa invece nelle Regioni in piano di rientro»

«Eliminare il superticket e abbattere la ‘barriera economica’ in Sanità». Aceti (FNOPI) commenta le diseguaglianze regionali

Lotta alle diseguaglianze e valorizzazione del servizio pubblico, che si traducono in eliminazione del superticket e rimodulazione di tutta la normativa vigente. Tonino Aceti, portavoce della Federazione degli Ordini delle Professioni infermieristiche (FNOPI) sposa la causa del ministro della Salute, Roberto Speranza. In un’intervista ai microfoni di Sanità Informazione, il portavoce FNOPI commenta i dati diffusi nei giorni scorsi che dimostrano l’estrema frammentazione dell’applicazione della sovrattassa sui ticket sanitari.

«Già soltanto eliminando il superticket, obiettivo del ministro Speranza, una parte importante delle disuguaglianze che oggi ci sono nell’ambito dei ticket sanitari verrebbe meno», spiega Tonino Aceti dagli uffici della Federazione. «Ma questo non basta, bisogna anche mettere mano a tutto quello che è la normativa che disciplina le esenzioni e le modalità di compartecipazione, perché anche sulla farmaceutica ci sono molte differenze da regione a regione».

L’applicazione della quota fissa sulle prestazioni della specialistica, il cosiddetto superticket sono infatti molto diversificate. L’Emilia Romagna, ad esempio lo ha eliminato a partire dal 1 gennaio 2019 per le fasce di reddito sino a 100 mila euro; nelle Marche non lo si paga per i redditi Isee sotto i 10 mila euro; in Veneto dal 1 gennaio 2020 non lo pagheranno più tutte le persone economicamente vulnerabili, con un reddito inferiore a 29 mila euro annui; in Liguria invece è prevista l’applicazione secca dei 10 euro; nessuna quota fissa da pagare in Sardegna, Basilicata, P.A. Bolzano.

LEGGI ANCHE: LISTE DI ATTESA, OLTRE IL 50% DEI CITTADINI DENUNCIA DIFFICOLTA’ DI ACCESSO. I DATI DEL VII REPORT CITTADINANZATTIVA

Ancora più accentuate le differenze in materia di ticket farmaceutici. Zero ticket in Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Marche, Sardegna; 1 euro a ricetta per la P.A. Trento; 2 euro a confezione (max 4 euro a ricetta) in Liguria; 4 euro a confezione (max 8 euro a ricetta) in Toscana; 2 euro a confezione (max 4 euro a ricetta) + 1 euro a ricetta in Calabria. Altrettante differenze anche per la compartecipazione a carico degli assistiti esenti in funzione dei codici esenzione e fascia di reddito.

«Le differenze ci sono anche rispetto alla spesa pro capite. La Corte dei Conti – spiega ancora Aceti – ci dice ad esempio che la spesa pro capite per tutte le prestazioni sanitarie, quindi pronto soccorso, specialistica, altri tipi di prestazioni e la farmaceutica, complessivamente è più alta nelle Regioni del Nord e non in piano di rientro, più bassa invece nelle Regioni in piano di rientro». Una situazione probabilmente frutto delle maggiori capacità di spesa delle Regioni con i conti in ordine. «Diversa la situazione per i ticket farmaceutici – continua – dove invece la situazione si capovolge. Abbiamo una spesa pro capite più alta nelle Regioni in piano di rientro e una spesa pro capite più bassa nelle Regioni non in piano di rientro, soprattutto quelle del Nord». I motivi? «Intanto le regioni commissariate hanno dovuto mettere mano ad un aumento anche sulla parte dei ticket, – ci risponde Aceti – quindi di pressione fiscale nei confronti dei cittadini. L’altra motivazione che potrebbe essere alla base delle differenze, potrebbe essere un aspetto di appropriatezza prescrittiva sulla quale sappiamo c’è da fare molto. Poi, ci sono anche la diffusione delle patologie croniche che hanno un’incidenza sul livello di spesa».

Per la Federazione degli Ordini delle Professioni infermieristiche, il punto su cui intervenire rimane l’abbattimento della «barriera economica». «Bisogna ridurre il livello di pressione dei ticket sui redditi delle famiglie. L’Istat ci dice – ribadisce ancora una volta Tonino Aceti – che sono 4 milioni le persone che rinunciano a curarsi per motivi economici mentre 2 milioni sono il numero di chi rinuncia per le liste d’attesa. L’altra azione che bisogna mettere in campo è quella di garantire equità nel sistema e ridurre le diseguaglianze. Equità nel sistema garantendo comunque il giusto appeal che il Sistema sanitario nazionale deve avere nei confronti dei cittadini. In pratica, a prescindere da qualsiasi tipo di rimodulazione della normativa vigente, il livello di ticket che si andrà a definire dovrà essere comunque sempre più conveniente nel pubblico rispetto al privato. Altrimenti ci sarà una fetta importante di cittadini che usciranno dal servizio pubblico, ricorreranno ancor di più al privato e questo minerà fortemente la sostenibilità del nostro servizio sanitario che si basa su una fiscalità generale di tutti, quelli più ricchi e quelli meno ricchi».

Articoli correlati
Fnopi, Barbara Mangicavalli confermata presidente fino al 2024
Confermata presidente Fnopi per il quadriennio 21-24 Barbara Mangiacavalli. Vicepresidente Cosimo Cicia. Rinnovate le Commissioni d'Albo di infermieri e infermieri pediatrici
Osservatorio assistenza pazienti: 2.118.973 di screening oncologici in meno, +40% di rinuncia alle cure nel 2020
Aceti: «Pubblicare tutti i dati aggiornati al 2020 e subito un Piano nazionale di recupero per il SSN»
Infermieri, documento Fnopi delinea quelli del futuro. Garattini: «Prescrizione di farmaci agevolerà il lavoro del medico»
Un documento della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche composto da un advisory board di esperti lancia diverse proposte: dalla formazione alla gestione dei servizi assistenziali. Il farmacologo Silvio Garattini: «Troppi pochi infermieri in Italia»
Giornata personale sanitario, Mangiacavalli (Fnopi): «Infermieri a volte unico legame tra pazienti e malati»
In occasione della Giornata dedicata al personale sanitario, assistenziale e volontario, anche Fnopi ricorda le tante perdite subite tra le fila degli infermieri. La presidente: «Ricordare che noi ci siamo sempre stati, prendendoci cura dei nostri assistiti»
Infermieri di comunità, assunto solo il 10% dei 9600 previsti dal Dl Rilancio. Regioni in ordine sparso
La Legge 77/2020 e poi la Conferenza delle Regioni hanno definiti compiti e ruolo di questa nuova figura professionale che avrebbe dovuto coprire una parte importante nella lotta al Covid. Draoli (FNOPI): «Numeri bassi. Le Regioni devono incominciare a progettare il futuro del territorio non pensando solamente al Covid»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 aprile, sono 144.767.231 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.072.522 i decessi. Ad oggi, oltre 950,65 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...