Salute 8 Novembre 2019

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività lavorativa a vantaggio dei pazienti. Come il lavoro in equipe»

Giovani, donne e ospedalieri. È l’identikit dell’endocrinologo colpito da burnout. Questi i risultati principali emersi da una survey condotta dall’Associazione Medici Endocrinologi e presentati nel corso del congresso in corso a Roma.

LEGGI ANCHE: CONGRESSO AME, IL PRESIDENTE GUASTAMACCHIA: «I GIOVANI LA NOSTRA PIU’ GRANDE RISORSA. PUNTARE SU INNOVAZIONE DIGITALE»

Tre i parametri utilizzati per misurare il burnout, ovvero quella sindrome psicologica causata da eventi di disagio e stress in ambito lavorativo: esaurimento emotivo, depersonalizzazione e scarsa realizzazione professionale. Dalla survey, l’endocrinologo ospedaliero, seguito dall’ambulatoriale, risulta con il più alto esaurimento emotivo, cioè si sente emotivamente svuotato e annullato dal proprio lavoro e prova un inaridimento emotivo nel rapporto con gli altri. Per quanto riguarda la realizzazione personale, questa risulta maggiore nei liberi professionisti, poi al secondo posto negli ambulatoriali e infine, i meno realizzati appaiono gli ospedalieri. Maglia nera per gli ospedalieri pure per la depersonalizzazione, sintomo che si manifesta con un atteggiamento di allontanamento e di rifiuto nei confronti dei pazienti.

«Ma il primo grande risultato che abbiamo ottenuto – commenta Simonetta Marucci, endocrinologa e coordinatrice della survey AME – è la straordinaria adesione registrata tra i colleghi. Su 1200 questionari inviati abbiamo ricevuto 813 risposte. È un dato significativo, che indica come questo argomento abbia suscitato l’interesse degli endocrinologi italiani e quanto sia particolarmente sentito, anche se troppo spesso sottovalutato».

LEGGI ANCHE: USA, SALUTE DEI MEDICI A RISCHIO. REPORT MEDSCAPE: UN MEDICO SU DUE COLPITO DA BURNOUT. IL 14% HA PENSATO AL SUICIDIO

Un lavoro che quindi l’Associazione intende proseguire: «Approfondiremo la situazione con altri questionari per capire meglio le ragioni di questi risultati, per capire quali sono i fattori che rendono giovani, donne e ospedalieri più toccati dal burnout – prosegue la dottoressa Marucci -. Poi cercheremo di elaborare delle strategie e delle soluzioni. Ad esempio sappiamo che il lavoro in equipe e la condivisione delle scelte aiutano molto, perché fanno fronte a quell’incertezza che è spesso alla base dello stress. E poi è importante tutelare la vita al di fuori del lavoro, cercando di non farsi assorbire completamente dalla carriera».

Ma l’obiettivo, come puntualizza Marucci, è proteggere sia i medici che i pazienti: «Il rischio di burnout è associato ad un maggiore errore medico. E se il medico sbaglia, è vero che il paziente subisce l’errore, ma è proprio il medico la seconda vittima di quell’errore. Va incontro a uno stress incredibile e a una crisi personale e professionale che può anche sfociare in gesti tragici. Non è un caso che in America ci sia un alto tasso di suicidi tra i medici».

«Quindi il nostro obiettivo è quello di avere una fotografia della situazione – conclude la dottoressa -. Una volta fatta la diagnosi, potremo pensare alla terapia, e quindi ad elaborare risposte adeguate che possano migliorare la nostra attività lavorativa a vantaggio dei pazienti».

Articoli correlati
Burnout da Covid tra i sanitari, la psicologa: «Ora che ne conosciamo gli effetti possiamo prevenirlo»
«Le emozioni provate da chi ha lottato in prima linea contro il Covid sono state talmente forti da riversarsi sul corpo, sotto forma di numerosi disturbi: cefalee e dolori addominali i più diffusi»
di Isabella Faggiano
Stop ai convegni tradizionali: da oggi gli endocrinologi dell’AME si formano online
Il Convegno G·AME del 10 ottobre diventa virtuale. Ipofisi, tiroide e metabolismo osseo al centro di ‘This year in’, il primo incontro interattivo, digitale e peer to peer
Bonus tiroide, Toscano (Ame): «Consultare endocrinologi, patologie troppo diverse»
Per ottenere il bonus tiroide bisognerà passare una visita della commissione sanitaria Inps. Per il professore ci sono troppe differenze tra le patologie e dare a tutti l'indennizzo non avrebbe senso
Menopausa: sì a terapia ormonale sostitutiva, ma non per tutte
Da AME una guida in 7 punti per una gestione "personalizzata" della menopausa con particolare riferimento alla terapia ormonale sostitutiva
Quando il medico è anche caregiver. Boschero (Cisl Medici): «Le aspettative sono maggiori, rischio burnout»
«I medici genitori di figli disabili o figli di persone anziane con malattie degenerative vengono caricati di responsabilità. I possibili peggioramenti o non miglioramenti del familiare si possono riflettere sulla sua autostima»
di Vanessa Seffer
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...