Salute 8 Novembre 2019 19:44

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività lavorativa a vantaggio dei pazienti. Come il lavoro in equipe»

Giovani, donne e ospedalieri. È l’identikit dell’endocrinologo colpito da burnout. Questi i risultati principali emersi da una survey condotta dall’Associazione Medici Endocrinologi e presentati nel corso del congresso in corso a Roma.

LEGGI ANCHE: CONGRESSO AME, IL PRESIDENTE GUASTAMACCHIA: «I GIOVANI LA NOSTRA PIU’ GRANDE RISORSA. PUNTARE SU INNOVAZIONE DIGITALE»

Tre i parametri utilizzati per misurare il burnout, ovvero quella sindrome psicologica causata da eventi di disagio e stress in ambito lavorativo: esaurimento emotivo, depersonalizzazione e scarsa realizzazione professionale. Dalla survey, l’endocrinologo ospedaliero, seguito dall’ambulatoriale, risulta con il più alto esaurimento emotivo, cioè si sente emotivamente svuotato e annullato dal proprio lavoro e prova un inaridimento emotivo nel rapporto con gli altri. Per quanto riguarda la realizzazione personale, questa risulta maggiore nei liberi professionisti, poi al secondo posto negli ambulatoriali e infine, i meno realizzati appaiono gli ospedalieri. Maglia nera per gli ospedalieri pure per la depersonalizzazione, sintomo che si manifesta con un atteggiamento di allontanamento e di rifiuto nei confronti dei pazienti.

«Ma il primo grande risultato che abbiamo ottenuto – commenta Simonetta Marucci, endocrinologa e coordinatrice della survey AME – è la straordinaria adesione registrata tra i colleghi. Su 1200 questionari inviati abbiamo ricevuto 813 risposte. È un dato significativo, che indica come questo argomento abbia suscitato l’interesse degli endocrinologi italiani e quanto sia particolarmente sentito, anche se troppo spesso sottovalutato».

LEGGI ANCHE: USA, SALUTE DEI MEDICI A RISCHIO. REPORT MEDSCAPE: UN MEDICO SU DUE COLPITO DA BURNOUT. IL 14% HA PENSATO AL SUICIDIO

Un lavoro che quindi l’Associazione intende proseguire: «Approfondiremo la situazione con altri questionari per capire meglio le ragioni di questi risultati, per capire quali sono i fattori che rendono giovani, donne e ospedalieri più toccati dal burnout – prosegue la dottoressa Marucci -. Poi cercheremo di elaborare delle strategie e delle soluzioni. Ad esempio sappiamo che il lavoro in equipe e la condivisione delle scelte aiutano molto, perché fanno fronte a quell’incertezza che è spesso alla base dello stress. E poi è importante tutelare la vita al di fuori del lavoro, cercando di non farsi assorbire completamente dalla carriera».

Ma l’obiettivo, come puntualizza Marucci, è proteggere sia i medici che i pazienti: «Il rischio di burnout è associato ad un maggiore errore medico. E se il medico sbaglia, è vero che il paziente subisce l’errore, ma è proprio il medico la seconda vittima di quell’errore. Va incontro a uno stress incredibile e a una crisi personale e professionale che può anche sfociare in gesti tragici. Non è un caso che in America ci sia un alto tasso di suicidi tra i medici».

«Quindi il nostro obiettivo è quello di avere una fotografia della situazione – conclude la dottoressa -. Una volta fatta la diagnosi, potremo pensare alla terapia, e quindi ad elaborare risposte adeguate che possano migliorare la nostra attività lavorativa a vantaggio dei pazienti».

Articoli correlati
Terapie intensive sempre più piene. Quici (Cimo-Fesmed): «Il personale è poco e spesso in burnout. Serve lockdown con massiccia campagna vaccinale»
Terapie intensive a tre punti percentuali dalla soglia critica. «Nei mesi post-lockdown ospedali avrebbero dovuto prevedere un piano b». E sul piano vaccinale: «Inutili nuove strutture in cui fare le vaccinazioni se manca il personale sanitario che deve farle»
Vaccini e Covid, AME rassicura: «Astrazeneca efficace per Tiroidite di Hashimoto»
«A seguito delle recenti disposizioni ministeriali sulla campagna vaccinale anti Covid-19, l’Associazione Medici Endocrinologi (AME) ritiene importante fare alcune precisazioni relative alle endocrinopatie, in particolare sulla Tiroidite di Hashimoto e sul conseguente allarme generatosi tra gli operatori sanitari e tra le persone affette sul vaccino Astrazeneca». Così l’Associazione in una nota. La campagna vaccinale del […]
Covid-19, medici in burnout. Nardone (psicoterapeuta): «Creare rete di sostegno negli ospedali»
Al via da Consulcesi il primo corso di formazione ECM per gestire e superare il burnout
Malattie rare: per il rachitismo ereditario oggi esiste una speranza di cura
Il 28 febbraio si celebra la Giornata mondiale delle malattie rare. De Geronimo (AME): «Su circa 6mila malattie rare attualmente riconosciute, oltre 400 sono di interesse endocrino-metabolico, quindi il 7% e almeno il 20% dei pazienti affetti sono bambini»
Diabete e Covid, ecco perché si tratta di uno dei binomi più pericolosi
Disoteo (AME): «Mantenere una corretta aderenza terapeutica è fondamentale per limitare i rischi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 marzo, sono 115.199.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.560.287 i decessi. Ad oggi, oltre 268,57 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...