Salute 8 Novembre 2019

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività lavorativa a vantaggio dei pazienti. Come il lavoro in equipe»

Giovani, donne e ospedalieri. È l’identikit dell’endocrinologo colpito da burnout. Questi i risultati principali emersi da una survey condotta dall’Associazione Medici Endocrinologi e presentati nel corso del congresso in corso a Roma.

LEGGI ANCHE: CONGRESSO AME, IL PRESIDENTE GUASTAMACCHIA: «I GIOVANI LA NOSTRA PIU’ GRANDE RISORSA. PUNTARE SU INNOVAZIONE DIGITALE»

Tre i parametri utilizzati per misurare il burnout, ovvero quella sindrome psicologica causata da eventi di disagio e stress in ambito lavorativo: esaurimento emotivo, depersonalizzazione e scarsa realizzazione professionale. Dalla survey, l’endocrinologo ospedaliero, seguito dall’ambulatoriale, risulta con il più alto esaurimento emotivo, cioè si sente emotivamente svuotato e annullato dal proprio lavoro e prova un inaridimento emotivo nel rapporto con gli altri. Per quanto riguarda la realizzazione personale, questa risulta maggiore nei liberi professionisti, poi al secondo posto negli ambulatoriali e infine, i meno realizzati appaiono gli ospedalieri. Maglia nera per gli ospedalieri pure per la depersonalizzazione, sintomo che si manifesta con un atteggiamento di allontanamento e di rifiuto nei confronti dei pazienti.

«Ma il primo grande risultato che abbiamo ottenuto – commenta Simonetta Marucci, endocrinologa e coordinatrice della survey AME – è la straordinaria adesione registrata tra i colleghi. Su 1200 questionari inviati abbiamo ricevuto 813 risposte. È un dato significativo, che indica come questo argomento abbia suscitato l’interesse degli endocrinologi italiani e quanto sia particolarmente sentito, anche se troppo spesso sottovalutato».

LEGGI ANCHE: USA, SALUTE DEI MEDICI A RISCHIO. REPORT MEDSCAPE: UN MEDICO SU DUE COLPITO DA BURNOUT. IL 14% HA PENSATO AL SUICIDIO

Un lavoro che quindi l’Associazione intende proseguire: «Approfondiremo la situazione con altri questionari per capire meglio le ragioni di questi risultati, per capire quali sono i fattori che rendono giovani, donne e ospedalieri più toccati dal burnout – prosegue la dottoressa Marucci -. Poi cercheremo di elaborare delle strategie e delle soluzioni. Ad esempio sappiamo che il lavoro in equipe e la condivisione delle scelte aiutano molto, perché fanno fronte a quell’incertezza che è spesso alla base dello stress. E poi è importante tutelare la vita al di fuori del lavoro, cercando di non farsi assorbire completamente dalla carriera».

Ma l’obiettivo, come puntualizza Marucci, è proteggere sia i medici che i pazienti: «Il rischio di burnout è associato ad un maggiore errore medico. E se il medico sbaglia, è vero che il paziente subisce l’errore, ma è proprio il medico la seconda vittima di quell’errore. Va incontro a uno stress incredibile e a una crisi personale e professionale che può anche sfociare in gesti tragici. Non è un caso che in America ci sia un alto tasso di suicidi tra i medici».

«Quindi il nostro obiettivo è quello di avere una fotografia della situazione – conclude la dottoressa -. Una volta fatta la diagnosi, potremo pensare alla terapia, e quindi ad elaborare risposte adeguate che possano migliorare la nostra attività lavorativa a vantaggio dei pazienti».

Articoli correlati
Fase 2, Guastamacchia (AME): «Dal 20 al 50% dei pazienti contagiati dal Covid-19 sono diabetici»
Gli endocrinologi: «Per diabetici fondamentale controllo glicemia e rispetto norme sicurezza»
Mind-Vr, la realtà virtuale che aiuterà i sanitari a superare il disturbo post-traumatico da stress
Parla l'ideatrice, Federica Pallavicini, ricercatrice all'Università Bicocca di Milano: «Necessario dare supporto emotivo a chi ne ha più bisogno». Nel visore l'operatore troverà educazione alla patologia, esperienza del trauma e infine un ambiente rilassante
di Gloria Frezza
#RestoacasaconAME, da domani diretta Facebook per rispondere ai dubbi su tiroide, osteoporosi, diabete e obesità
Primo live il 24 aprile su menopausa. Guastamacchia, Presidente AME: «In un momento delicato come quello che stiamo vivendo ancora una volta AME vuole essere vicina ai propri pazienti
Covid-19, da AME le indicazioni per i pazienti endocrinopatici
Tra i casi mortali di Wuhan in Cina le comorbilità più frequenti: ipertensione, diabete, cardiopatia e ictus pregressi
Coronavirus, lo psicologo: «L’incubo peggiore di chi lavora in ospedale è contagiare i propri cari»
Piero Gaspa cura il progetto di sostegno psicologico per il personale sanitario in prima linea nell'emergenza al San Giovanni Addolorata di Roma: «Non c’è stato sentore di una crisi, ma serve a prevenire e ovviare al sovraccarico emotivo. Medici e professionisti sanitari soffrono un accumulo di tensione, lavoriamo per evitare che diventi patologico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco