Salute 28 Gennaio 2019

Usa, salute dei medici a rischio. Report Medscape: un medico su due colpito da burnout. Il 14% ha pensato al suicidio

Stress, stanchezza, ansia e depressione possono nascondersi sotto il camice bianco. Quasi un medico su due è infatti colpito dalla ‘sindrome del burnout‘, un esaurimento fisico e psicologico che può mettere a rischio la salute del professionista e non solo. È quanto rivela una nuova indagine, ‘Medscape National Physician Burnout, Depression & Suicide Report 2019’, […]

Stress, stanchezza, ansia e depressione possono nascondersi sotto il camice bianco. Quasi un medico su due è infatti colpito dalla ‘sindrome del burnout‘, un esaurimento fisico e psicologico che può mettere a rischio la salute del professionista e non solo.

È quanto rivela una nuova indagine, ‘Medscape National Physician Burnout, Depression & Suicide Report 2019’, realizzata del portale scientifico online ‘Medscape’ su un campione di 15.069 dottori di 29 specialità diverse tra fine luglio e metà ottobre 2018. “Il 44% degli intervistati ha avuto a che fare con i sintomi del ‘burnout’, in aumento rispetto al dato della precedente analisi (42%)”, sottolineano i curatori. Il 53% ha confessato che questo stato “ha influito sull’assistenza del paziente”, il 26% ha dichiarato “di essere meno motivato” e il 14% “ha detto di aver commesso errori che non avrebbe fatto se non fosse stato così stanco”.

I più colpiti sono risultati gli urologi (54%) seguiti dai neurologi (53%), mentre chi si occupa di sanità pubblica e medicina preventiva è risultato meno coinvolto (28%). Mentre ad essere quasi ‘immuni’ sono i chirurghi plastici (41%) e gli oculisti (39%). Nella precedente ricerca erano risultati più colpiti, con elevati tassi di esaurimento nervoso, i medici di emergenza e i neurologi (48% entrambi le specialità).

Secondo il sondaggio le dottoresse hanno tassi di ‘burnout’ molto più alti (50%) rispetto ai colleghi (39%). Dal report è emerso inoltre che “l’11% dei medici dice di sentirsi di pessimo umore e triste, il 4% risulta clinicamente depresso. Inoltre, il 14% ha pensato al suicidio e l’1% ha tentato di togliersi la vita”. Quando i ricercatori hanno chiesto quali fossero le principali cause del ‘burnout’, il 59% degli intervistati ha risposto “l’enome mole di lavoro amministrativo”, in particolare anche “l’uso delle cartelle cliniche elettroniche” (32%).

Dal report è emerso che i numeri del ‘burnout’ “erano simili in tutti i contesti: dagli ospedali, alle cliniche, agli ambulatori fino agli ambienti accademici”. Ma come affrontano lo stress e la stanchezza i medici a rischio? “L’esercizio (48%), seguito dal parlare con i familiari e gli amici (43%) e l’isolamento (41%)”, sono le state le risposte più comuni. Tra gli specialisti che hanno meno probabilità di chiedere aiuto ci sono i chirurghi (17%), i nefrologi (19%) e gli urologi (20)

Articoli correlati
«La legge sulle 11 ore di riposo degli ospedalieri non viene applicata. A rischio la sicurezza dei pazienti»
di Luciano Cifaldi, Segretario Generale Cisl Medici Lazio e componente Esecutivo nazionale
Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»
Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronuncia della Corte di Giustizia europea che faccia giurisprudenza»
Depressione, è il medico di famiglia il punto di riferimento dei pazienti. Ma spesso non basta
Siracusano (Tor Vergata): «Il medico di famiglia è la prima frontiera, il primo sportello a venir contattato dalla persona che sta male, ma deve subito interfacciarsi con uno specialista, perché il grande problema, oggi, sono le depressioni non trattate e cresciute in recidiva»
di Tommaso Caldarelli
«Il riposo deve essere di 11 ore e continuativo anche dopo la reperibilità». Anaao ricorre alla Commissione Europea
Per gli operatori sanitari del Ssn sarebbe stato violato il sistema minimo di tutele della salute e della sicurezza dei lavoratori
“Dimissioni” medici in Francia, Anelli (FNOMCeO): «Soffia un vento nuovo in Europa»
Il presidente della Fnomceo Filippo Anelli, su Facebook, manifesta vicinanza ai colleghi francesi che si sono ‘dimessi’ in massa dalle loro funzioni amministrative e traccia un parallelo con gli Stati Generali avviati in Italia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano