Lavoro 4 giugno 2018

Aggressioni, la reazione al post trauma è la sindrome di burnout. Langone (psicologa): «Bisogna curare i luoghi di cura»

«Occorrono presidi psicologici e soprattutto un ambiente più sicuro per poter lavorare in serenità» così la Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Basilicata

Immagine articolo

Letteralmente significa ‘bruciarsi’ e rende perfettamente l’idea di quello a cui si riferisce: si tratta della sindrome da burnout, quella condizione di esaurimento fisico e psichico – determinato dalle condizioni lavorative – che comporta un crollo emotivo nel paziente che ne soffre. Inizialmente il burnout era la patologia associata alle professioni ‘di aiuto’, ossia sanitarie, assistenziali, di sicurezza e controllo che presuppongono importanti responsabilità da gestire; oggi viene riferito a tutte le professioni che in generale implicano un grande carico di stress.

LEGGI ANCHE: «SI RISCHIA AD OGNI TURNO LA VITA, MA VOGLIO TORNARE LO STESSO A FARE IL MEDICO». PARLA LA DOTTORESSA VITTIMA DI VIOLENZA

«Si tratta di un fenomeno sempre più dilagante – osserva Luisa Langone, Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Basilicata -. È uno stato mentale e fisico direttamente collegato alla vulnerabilità dei luoghi di lavoro e allo stress che deriva da una lunga usura in ambiente professionale».

Ma cosa s’intende per ‘vulnerabilità’ dei luoghi di lavoro? «Caratteristiche fisiche e logistiche di uffici, spazi condivisi, aree in cui si trascorre la maggior parte del tempo della giornata –  spiega la Dottoressa -. Un malessere derivante da questioni logistico-lavorative è per esempio doversi recare tutti i giorni in una sede professionale molto lontana da casa. Oppure il dover passare molte ore in uno spazio angusto, senza vie di fuga e privo di condizioni di sicurezza».

Ad incorrere nella sindrome del burnout sono soprattutto gli operatori maltrattati, reduci da esperienze nefaste sul luogo di lavoro che sviluppano una reazione di autodifesa dal contesto che li ha colti alla sprovvista. È il caso di molti professionisti sanitari che, soprattutto nell’ultimo anno, sono stati vittime di violenze da parte di utenti. «Nel momento in cui la persona vive uno stato di profonda frustrazione e impotenza di fronte ad una situazione inattesa e che mette a rischio la sua incolumità – spiega Langone -, non riesce a gestire, riconoscere o contenere la reazione post traumatica ed ecco che subentra la sindrome di burnout. Anche l’aggressore in realtà vive in una dimensione di frustrazione e impotenza che deriva, in molti casi, da insicurezza e inadeguatezza».

Come possono essere arginati i fenomeni di malessere derivati proprio da ambienti di lavoro malsani? «Attraverso una formazione mirata – aggiunge la psicologa – Si inizia dagli operatori stessi che devono imparare a gestire psicologicamente certe situazioni. Inoltre fondamentale il ruolo dei presidi psicologici che forniscono degli strumenti di lettura di ciò che avviene nell’ambito della propria personalità per cercare di prevenire e contenere fenomeni di burnout o altre patologie connesse. Non meno importante, per quanto riguarda gli operatori sanitari, ‘curare i luoghi di cura’, quindi mettere in sicurezza tutti gli spazi per poter lavorare in serenità».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
D’Amato (Regione Lazio): «Prima riunione per l’Osservatorio per le aggressioni al personale sanitario»
Si riunirà oggi per la prima volta l’Osservatorio sulla sicurezza degli operatori sanitari istituito dalla Regione Lazio. Si tratta di una struttura, fortemente richiesta dagli operatori, per delineare e comprendere il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario che negli ultimi mesi ha visto aumentare a livello nazionale il numero dei casi denunciati. L’Osservatorio avrà il compito […]
Violenza di genere, Roberto Carlo Rossi (OMCeO Milano): «C’è bisogno di fatti concreti, pochi si impegnano davvero per risolvere il problema»
L’OMCeO Milano, il Comune di Milano, la Regione Lombardia, il Policlinico Ca’ Granda e Club Medici scendono in campo insieme per contrastare il fenomeno. Al via il 27 ottobre la nuova edizione del corso di formazione ECM "Violenza sulle donne, violenza di genere” di Club Medici
Liste d’attesa, violenza e autonomie: OMCeO Bari chiede convocazione urgente del Consiglio sanitario regionale
Filippo Anelli, in qualità di Presidente dell’Ordine dei medici di Bari ha inviato al Presidente Emiliano, nella sua veste di Assessore alla Sanità una richiesta di convocazione urgente del Consiglio Sanitario Regionale della Puglia. L’Omceo ha richiesto di inserire all’ordine dei giorno della seduta il tema delle liste d’attesa e delle due proposte di legge […]
Ddl antiviolenza, FNOPO: «Indispensabile essere riconosciute pubblico ufficiale per contrastare aggressioni»
«Come rappresentanti delle 22mila ostetriche italiane torniamo a chiedere con determinazione il riconoscimento di pubblico ufficiale per le professioni sanitarie, compresa la nostra Categoria». Queste le richieste delle componenti del Comitato Centrale della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica in merito al “no” della ministra della Salute, Giulia Grillo, al riconoscimento dello status […]
Reddito di Cittadinanza, Foad Aodi (Amsi): «No a cittadini di serie A e B, difendiamo l’uguaglianza e i diritti universali»
«Con la presente dichiarazione chiediamo al Governo Italiano di rivedere la sua decisione di escludere gli stranieri dal reddito di cittadinanza visto che siamo in un paese civile e democratico che difende da secoli i diritti umani e universali e l’uguaglianza. Dividere i cittadini in serie A e Serie B sicuramente non aiuta l’integrazione anzi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...