Lavoro 4 Giugno 2018

Aggressioni, la reazione al post trauma è la sindrome di burnout. Langone (psicologa): «Bisogna curare i luoghi di cura»

«Occorrono presidi psicologici e soprattutto un ambiente più sicuro per poter lavorare in serenità» così la Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Basilicata

Immagine articolo

Letteralmente significa ‘bruciarsi’ e rende perfettamente l’idea di quello a cui si riferisce: si tratta della sindrome da burnout, quella condizione di esaurimento fisico e psichico – determinato dalle condizioni lavorative – che comporta un crollo emotivo nel paziente che ne soffre. Inizialmente il burnout era la patologia associata alle professioni ‘di aiuto’, ossia sanitarie, assistenziali, di sicurezza e controllo che presuppongono importanti responsabilità da gestire; oggi viene riferito a tutte le professioni che in generale implicano un grande carico di stress.

LEGGI ANCHE: «SI RISCHIA AD OGNI TURNO LA VITA, MA VOGLIO TORNARE LO STESSO A FARE IL MEDICO». PARLA LA DOTTORESSA VITTIMA DI VIOLENZA

«Si tratta di un fenomeno sempre più dilagante – osserva Luisa Langone, Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Basilicata -. È uno stato mentale e fisico direttamente collegato alla vulnerabilità dei luoghi di lavoro e allo stress che deriva da una lunga usura in ambiente professionale».

Ma cosa s’intende per ‘vulnerabilità’ dei luoghi di lavoro? «Caratteristiche fisiche e logistiche di uffici, spazi condivisi, aree in cui si trascorre la maggior parte del tempo della giornata –  spiega la Dottoressa -. Un malessere derivante da questioni logistico-lavorative è per esempio doversi recare tutti i giorni in una sede professionale molto lontana da casa. Oppure il dover passare molte ore in uno spazio angusto, senza vie di fuga e privo di condizioni di sicurezza».

Ad incorrere nella sindrome del burnout sono soprattutto gli operatori maltrattati, reduci da esperienze nefaste sul luogo di lavoro che sviluppano una reazione di autodifesa dal contesto che li ha colti alla sprovvista. È il caso di molti professionisti sanitari che, soprattutto nell’ultimo anno, sono stati vittime di violenze da parte di utenti. «Nel momento in cui la persona vive uno stato di profonda frustrazione e impotenza di fronte ad una situazione inattesa e che mette a rischio la sua incolumità – spiega Langone -, non riesce a gestire, riconoscere o contenere la reazione post traumatica ed ecco che subentra la sindrome di burnout. Anche l’aggressore in realtà vive in una dimensione di frustrazione e impotenza che deriva, in molti casi, da insicurezza e inadeguatezza».

Come possono essere arginati i fenomeni di malessere derivati proprio da ambienti di lavoro malsani? «Attraverso una formazione mirata – aggiunge la psicologa – Si inizia dagli operatori stessi che devono imparare a gestire psicologicamente certe situazioni. Inoltre fondamentale il ruolo dei presidi psicologici che forniscono degli strumenti di lettura di ciò che avviene nell’ambito della propria personalità per cercare di prevenire e contenere fenomeni di burnout o altre patologie connesse. Non meno importante, per quanto riguarda gli operatori sanitari, ‘curare i luoghi di cura’, quindi mettere in sicurezza tutti gli spazi per poter lavorare in serenità».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Formazione, Delia Epifani (Smi): «Creare percorso formativo unico MMG-specializzandi per eliminare disparità»
La coordinatrice regionale del settore formazione per il Sindacato dei Medici Italiani: «C’è una disparità retributiva contributiva e previdenziale importante. L’unica soluzione è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo»
Specialisti ambulatoriali, intesa su Acn 2016-2019. Magi (SUMAI): «Superate problematiche della medicina veterinaria»
Intesa raggiunta in merito al rinnovo dell’Acn 2016-2019. Proposto il riconoscimento delle tutele della maternità, l’applicazione completa della legge 104, non solo per i famigliari a carico ma anche per il singolo specialista
«Per i medici specialisti un contratto di formazione-lavoro». L’annuncio del ministro Giulia Grillo
«Aggiornare il Contratto di formazione specialistica» la nuova proposta del ministro Giulia Grillo che coinvolge anche il Miur. «In tanti Paesi europei è già così: per quale motivo i giovani medici italiani dovrebbero essere considerati eterni studenti?». La proposta è stata accolta positivamente dalla Federazione CIMO-FESMED, da Anaao Assomed e Anaao Giovani
Giovani medici, Emanuele Spina (Sigm): «Risolvere imbuto formativo e lavorativo con una presa in carico globale dei problemi»
«Tutti i laureati in medicina devono poter accedere alla formazione e poi al mondo del lavoro - ha dichiarato a Sanità Informazione il Presidente del Segretariato italiano giovani medici– siamo favorevoli all’apertura dei concorsi agli specializzandi all’ultimo anno»