Salute 12 Dicembre 2017

Donna caregiver della famiglia: ma chi pensa alla sua salute? L’intervista al Presidente Consiglio Superiore Sanità

«Ѐ importante promuovere iniziative di sensibilizzazione sul tema della salute della donna rilevando la specificità di genere attraverso campagne e politiche ad hoc». L’intervista alla Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, intervistata a margine del convegno INMP

Donna caregiver della famiglia: ma chi pensa alla sua salute? L’intervista al Presidente Consiglio Superiore Sanità

«I dati sono molto chiari: in qualunque fascia sociale la donna è sempre un gradino più in basso dell’uomo. Questo dipende da moltissimi fattori, non ultimo anche una propensione del genere femminile a mettersi un po’ indietro, a fare il caregiver della proprio famiglia e non occuparsi troppo della propria salute». Con queste parole Roberta Siliquini, Presidente Consiglio Superiore di Sanità, sostiene l’adozione di campagne e strategie specifiche per tutelare la salute delle donne e di tutti i soggetti più vulnerabili che necessitano attività di prevenzione e sostegno sociale.

Intervenuta a margine del convegno promosso dall’INMP: “L’Italia per l’equità nella salute”, il Presidente Siliquini spiega ai nostri microfoni che il Consiglio Superiore di Sanità in ogni decisione «persegue sempre il valore dell’equità e della lotta alle disuguaglianze. È doveroso prendere decisioni in sanità tenendo in considerazione i diversi bisogni di salute della popolazione e dunque anche della fascia femminile, in troppi casi messa da parte» sottolinea.

Su questo tema, il 46° Rapporto del Censis  sulla situazione sociale dell’Italia, conferma le parole della presidente Siliquini e mette in evidenza un dato interessante: nel 70% dei casi, sono le donne a ricoprire il ruolo di caregiver familiare, facendosi carico della salute di tutta la famiglia senza salvaguardare la propria e trovare degli spazi per se stesse. «Sistemi di welfare come il nostro devono tenere in assoluta considerazione questi fenomeni per tentare di contrastarli. Un approccio più approfondito sul benessere delle donne, anche per quanto riguarda la loro disponibilità a prendersi cura di sé, è d’obbligo: campagne di sensibilizzazione ad hoc per il genere femminile e servizi sanitari idonei e specifici, diversi dal resto della popolazione» propone il Presidente.

Anche Concetta Mirisola – Direttore generale dell’Istituto Nazionale Salute Migrazione e Povertà (INMP) – ha illustrato le attività realizzate dall’Istituto che dirige a sostegno delle fasce più deboli della popolazione e dei migranti, al fine di contrastare le disuguaglianze ed assicurare una maggiore equità nella salute: «L’Istituto rappresenta un ente di contrasto alle disparità, laddove le fasce sono più fragili e c’è una difficoltà nell’accesso alle cure siamo noi che ci muoviamo. Abbiamo messo in campo strategie condivise che possono essere modelli operativi sul territorio nazionale» sostiene il Direttore. In relazione alla formazione e alle competenze richieste oggi a medici, operatori socio-sanitari e mediatori culturali, suggerisce: «L’università dovrebbe attivare crediti formativi che riguardano proprio la cultura dell’altro e occuparsi di migrazione. Queste figure sono fondamentali nel primo accesso alle cure e la conoscenza delle culture ti permette di arrivare meglio al disagio e affrontare le malattia» conclude.

Articoli correlati
Demenze, con lockdown situazione peggiorata. Guidolin (M5S): «Sanità frammentata, rendere operativo piano nazionale»
Al webinar "Le demenze e l'incidenza dell'emergenza Covid-19: scenari attuali e prospettive future" hanno partecipato anche laceo di Alzheimer's Disease International Paola Barbarino, la presidente della Sindem Amalia Cecilia Bruni, lo scrittore Flavio Pagano e il segretario generale della Federazione Alzheimer Italia Mario Possenti
Denatalità record in Italia, Istat: «Causa Covid-19 ulteriore crollo nascite di oltre 10 mila unità»
Il 2019 conferma il trend negativo degli ultimi anni: la popolazione italiana continua a invecchiare e fa sempre meno figli. Aumenta l’età delle donne al parto, mentre il numero di figli medio per donna si attesta a 1,29. Alcuni degli aspetti emersi nel corso della presentazione del Libro bianco realizzato da Fondazione Onda
Manovra 2021, Nocerino (M5S): «75 milioni a fondo caregiver, prossimo step è legge»
«In sede di conversione in Parlamento della manovra, presenteremo degli emendamenti per chiedere al governo di aumentare ulteriormente le risorse del fondo per il Caregiver familiare» annuncia la senatrice del Movimento Cinque Stelle Simona Nocerino
Disabile e caregiver durante il lockdown, la storia di Leda e i consigli dello psicologo per superare l’isolamento
Leda, disabile e caregiver per sua madre con demenza senile, ha affrontato un'esperienza durissima durante il lockdown e ora teme di ripeterla. Lo psicoterapeuta Biella spiega cosa si può fare
di Federica Bosco
Colpisce 3 donne su 10 ma non ci sono cure. Cos’è l’endometriosi e perché se ne parla troppo poco
In Italia ne soffrono 3 milioni di donne, in occidente circa 200. Signorile (Presidente della Fondazione Italiana Endometriosi): «Patologia dagli effetti invalidanti, come danni seri all’apparato renale o intestinale, dolori cronici, problemi di fertilità e pesanti risvolti personali, sociali e lavorativi». Il racconto di una ragazza che ne soffre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli