Salute 12 dicembre 2017

Donna caregiver della famiglia: ma chi pensa alla sua salute? L’intervista al Presidente Consiglio Superiore Sanità

«Ѐ importante promuovere iniziative di sensibilizzazione sul tema della salute della donna rilevando la specificità di genere attraverso campagne e politiche ad hoc». L’intervista alla Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, intervistata a margine del convegno INMP

Immagine articolo

«I dati sono molto chiari: in qualunque fascia sociale la donna è sempre un gradino più in basso dell’uomo. Questo dipende da moltissimi fattori, non ultimo anche una propensione del genere femminile a mettersi un po’ indietro, a fare il caregiver della proprio famiglia e non occuparsi troppo della propria salute». Con queste parole Roberta Siliquini, Presidente Consiglio Superiore di Sanità, sostiene l’adozione di campagne e strategie specifiche per tutelare la salute delle donne e di tutti i soggetti più vulnerabili che necessitano attività di prevenzione e sostegno sociale.

Intervenuta a margine del convegno promosso dall’INMP: “L’Italia per l’equità nella salute”, il Presidente Siliquini spiega ai nostri microfoni che il Consiglio Superiore di Sanità in ogni decisione «persegue sempre il valore dell’equità e della lotta alle disuguaglianze. È doveroso prendere decisioni in sanità tenendo in considerazione i diversi bisogni di salute della popolazione e dunque anche della fascia femminile, in troppi casi messa da parte» sottolinea.

Su questo tema, il 46° Rapporto del Censis  sulla situazione sociale dell’Italia, conferma le parole della presidente Siliquini e mette in evidenza un dato interessante: nel 70% dei casi, sono le donne a ricoprire il ruolo di caregiver familiare, facendosi carico della salute di tutta la famiglia senza salvaguardare la propria e trovare degli spazi per se stesse. «Sistemi di welfare come il nostro devono tenere in assoluta considerazione questi fenomeni per tentare di contrastarli. Un approccio più approfondito sul benessere delle donne, anche per quanto riguarda la loro disponibilità a prendersi cura di sé, è d’obbligo: campagne di sensibilizzazione ad hoc per il genere femminile e servizi sanitari idonei e specifici, diversi dal resto della popolazione» propone il Presidente.

Anche Concetta Mirisola – Direttore generale dell’Istituto Nazionale Salute Migrazione e Povertà (INMP) – ha illustrato le attività realizzate dall’Istituto che dirige a sostegno delle fasce più deboli della popolazione e dei migranti, al fine di contrastare le disuguaglianze ed assicurare una maggiore equità nella salute: «L’Istituto rappresenta un ente di contrasto alle disparità, laddove le fasce sono più fragili e c’è una difficoltà nell’accesso alle cure siamo noi che ci muoviamo. Abbiamo messo in campo strategie condivise che possono essere modelli operativi sul territorio nazionale» sostiene il Direttore. In relazione alla formazione e alle competenze richieste oggi a medici, operatori socio-sanitari e mediatori culturali, suggerisce: «L’università dovrebbe attivare crediti formativi che riguardano proprio la cultura dell’altro e occuparsi di migrazione. Queste figure sono fondamentali nel primo accesso alle cure e la conoscenza delle culture ti permette di arrivare meglio al disagio e affrontare le malattia» conclude.

Articoli correlati
Fatebenefratelli, la festa per i bimbi prematuri all’Isola Tiberina
Tradizionale appuntamento di informazione e di festa con grandi e piccoli, dedicato ai nati prematuri, domenica 16 dicembre, dalle 9 alle 13, al Fatebenefratelli-Isola Tiberina. L’iniziativa, giunta alla XIII edizione, è uno degli eventi principali per i nati pre-termine organizzato dalla Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale con l’Associazione di genitori “La Cicogna Frettolosa”. Da sempre, l’appuntamento […]
Milano, Onda premia le Best Practice degli ospedali per la sclerosi multipla
Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha organizzato a Milano la cerimonia di premiazione delle Best Practice degli ospedali con i Bollini Rosa per la sclerosi multipla. L’evento si svolgerà  presso la Regione Lombardia – Sala Pirelli, Via Fabio Filzi 22 – mercoledì 12 dicembre 2018 alle ore 11.30. La Sclerosi Multipla è una […]
Caregiver: ONDA e Farmindustria insieme per sostenere ‘l’esercito silenzioso’. Scaccabarozzi: «Molte sono donne, miglioriamo qualità della loro vita»
«Finalmente politica e istituzioni stanno dedicando attenzione a questa figura che ha un ruolo determinante nel welfare salute. Sono fiduciosa che si troveranno convergenze», così Rossana Boldi, vicepresidente della Commissione Affari Sociali della Camera
Violenza donne, OMCeO Roma celebra giornata contro il femminicidio. Scalise: «Riconoscere comportamento a rischio all’interno della coppia»
Tra gli ospiti del workshop il Magistrato del Tribunale di Roma Antonio Calaresu: «La violenza di genere è frutto del pregiudizio di genere; ha radici educative gravi e profonde. Ricordiamoci, noi genitori, di non fare distinzioni “di genere” nell'educazione dei figli»
“La violenza fisica e psichica sulla persona”: il convegno a Sassari
La violenza fisica e psichica sulla persona” è il titolo del convegno in programma venerdì 16 novembre, alle ore 15, nell’aula magna della Facoltà di Medicina e Chirurgia, in viale San Pietro a Sassari. L’incontro, organizzato dal Centro di vittimologia della Clinica psichiatrica dell’Aou di Sassari e dell’Università di Sassari in collaborazione con la Società, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...