Salute 23 Aprile 2020

A Vo’ Euganeo test sierologici anche sui gatti. L’esperto: «Gli animali domestici non sono diffusori di contagio, anzi vanno difesi»

Massimo Castagnaro, ordinario di Patologia generale veterinaria all’università di Padova: «Il virus potrebbe diffondersi dall’uomo ai gatti; per questo il paziente positivo che vive con un gatto o un cane deve restare lontano da lui come dagli altri familiari»

Immagine articolo

Dopo i 3mila abitanti, tutti sottoposti per due volte al tampone per la ricerca del SARS-CoV-2, ora tocca ai gatti. Siamo a Vo’ Euganeo, in provincia di Padova, tra i primi focolai italiani dell’epidemia dopo Codogno. Qui, in Veneto, la Regione ha scelto la linea “controcorrente” del campionamento a tappeto, grazie anche alla convinzione del professor Andrea Crisanti, direttore del laboratorio di microbiologia e virologia dell’azienda ospedaliera di Padova. E adesso, un’equipe composta da ricercatori di due dipartimenti dell’area veterinaria dell’Università di Padova ha progettato di effettuare test sierologici sul sangue dei gatti domestici avvalendosi della collaborazione dell’Istituto Zooprofilattico delle Venezie e dei Servizi Veterinari della Regione. Lo scopo? «Capire che tipo di malattia l’uomo potrebbe passare all’animale, per la sua tutela e il suo benessere» spiega a Sanità Informazione il professor Massimo Castagnaro, ordinario di Patologia generale veterinaria e coordinatore della ricerca.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, IL CONTRIBUTO DEI MEDICI VETERINARI. LETTERA AL MINISTRO

«Lo studio sierologico sui gatti fa parte di un ampio e complesso progetto che mira ad affrontare le problematiche gestionali degli animali da compagnia durante l’epidemia di Covid-19» spiega il professore. Tante le domande, infatti, che sono emerse dai territori, dai colloqui con veterinari e proprietari. Le più frequenti sono state: “Cosa fare di un cane e un gatto il cui proprietario, a causa dell’infezione non è più in grado di accudire?”. “Chi può occuparsi correttamente dell’animale in modo da garantirne il benessere?”. “Se il proprietario è positivo, chi può prendersi cura dell’animale e con quali precauzioni?”.

Per rispondere a queste domande e pianificare una strategia condivisa anche in vista della Fase 2 dell’epidemia, è nata l’idea di uno studio unico. La malattia da SARS-CoV-2, come è noto, si trasmette da uomo a uomo e prevalentemente per via respiratoria, ma gli esperti vogliono comprendere il potenziale ruolo del gatto: se, e in che misura, può essere contagiato dal padrone, se è in grado di infettare altri gatti e, in generale, come risponde all’infezione. «Nella prima parte, lavoreremo all’elaborazione di indicazioni pratiche per la gestione degli animali di proprietà in relazione all’emergenza da Covid-19 partendo dalle linee guida predisposte dal Ministero della Salute. E lo faremo proprio per evitare allarmismi ingiustificati e potenziali spiacevoli fenomeni di abbandono. Di recente – specifica il professor Castagnaro – sono emersi alcuni casi nel mondo di infezione nei felidi (gatti, leoni e tigri) che hanno chiaramente evidenziato la possibilità che l’uomo possa trasmettere la malattia all’animale e non viceversa. Non sono certo gli animali a contagiare l’uomo, sia ben chiaro: i gatti – e i cani – non sono veicolo di Coronavirus. Al contrario, se c’è qualcuno che si deve difendere dall’infezione questi sono i gatti. Per questo, andremo a fare i prelievi anche lì dove ci sono infezioni in atto nell’uomo ed è per questo – sottolinea – che il paziente positivo che vive con un gatto o un cane deve restare lontano da lui come dagli altri familiari».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS E ANIMALI DOMESTICI, C’È DA PREOCCUPARSI? PENOCCHIO (FNOVI): «IL CASO DI HONG KONG NON PROVA NULLA»

Nonostante al centro della pandemia ci sia l’uomo «il nostro obiettivo è capire che tipo di malattia l’uomo passi all’animale e com’è la malattia nel gatto. I dati che abbiamo indicano che l’animale sviluppa una sintomatologia lieve, una blanda sintomatologia respiratoria, tuttalpiù gastroenterica. Niente a che vedere con la malattia dell’uomo».

Nell’unica ricerca finora condotta sui gatti prima e dopo l’infezione scoppiata a Wuhan, i veterinari cinesi non hanno identificato il virus nei gatti ma la risposta anticorpale al virus, nel 10-15% circa dei gatti. «Questo significa che, potenzialmente, potrebbe esserci una certa diffusione dall’uomo ai gatti. La nostra idea – continua il professore – è comprendere come e quanto in Veneto si sia diffusa l’infezione nel gatto relazionandola in modo particolare con la malattia nell’uomo».

Nella seconda parte del lavoro «la ricerca si può allargare agli altri focolai in Veneto. L’intento principale è sempre garantire il benessere e la serenità degli animali, perché «è evidente che la malattia passa da uomo a uomo, lo dimostra il fatto che con il distanziamento sociale il contagio diminuisce» precisa il professor Castagnaro.

La metodica è la stessa del test sierologico a cui si sottoporranno i cittadini: «Un semplice prelievo di sangue, su base volontaria, effettuato dai veterinari, usando kit specifici per gli animali. Spieghiamo ai padroni che lo scopo principale è capire la malattia per tutelare gli animali. Sempre in relazione al loro benessere stiamo valutando – conclude il professor Castagnaro – anche di utilizzare campioni di sangue già a disposizione dei veterinari perché prelevati precedentemente per scopi di diagnosi e cura di altre malattie».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Misure anti-Covid fino al 31 luglio». Le comunicazioni del ministro Speranza in Parlamento
«Nessuna decisione presa sulla proroga dello stato di emergenza. Verrà coinvolto il Parlamento. Ora non abbassare la guardia, l'Italia ha alle spalle la tempesta ma non è ancora in un porto sicuro»
Coronavirus, l’immunità dura solo pochi mesi? I guariti di nuovo positivi
Dallo studio del King’s College di Londra emerge un calo dell'immunità con il trascorrere del tempo: il livello di anticorpi prodotti dal nostro corpo scende dopo alcuni mesi
Il ritorno alla normalità non ci sarà. Parola dell’Oms
Preoccupa più di tutto il "caso Americhe", che da sole registrano il 50% dei nuovi casi giornalieri. Vaccino e ritorno alla normalità sono ancora lontani. Per il dg Oms Ghebreyesus è l'ora dei messaggi chiari da parte dei leader mondiali
«La formazione manageriale come nudge per il SSN e per il post Covid»
Tra gli elementi che la pandemia ha sollecitato vi è anche quello della complessità dei Sistema Sanitario. L’implementazione di competenze diffuse e trasversali è stata indispensabile per proporre risposte organizzative e di gestione dei bisogni di salute anche in periodo Covid. Strumenti tecnici e human skills che sono necessarie a governare i processi verso obiettivi […]
di Marinella D’Innocenzo, Direttore Generale ASL Rieti e coordinatrice del Corso di formazione manageriale Direttori di Struttura complessa Istituto “Arturo Carlo Jemolo”
«Rischioso aderire al Mes senza un progetto per il futuro della sanità». Intervista al presidente Cimo-Fesmed Guido Quici
«Questa è una vera opportunità per riformare il SSN. Servono ospedali flessibili, continuità con il territorio e centralità della professione. Ora la politica ci strumentalizza, poi finirà tutto nel dimenticatoio. Se sono sinceri, ci convochino per il nuovo contratto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 14 luglio, sono 13.106.569 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 573.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 14 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»