Salute 3 Marzo 2020 17:55

Coronavirus e animali domestici, c’è da preoccuparsi? Penocchio (FNOVI): «Il caso di Hong Kong non prova nulla»

Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Veterinari chiarisce: «Non vi è nessuna evidenza scientifica di un trasferimento dell’infezione da uomo a cane, men che meno da cane a uomo. Ma le persone contagiate limitino contatti con gli animali». Anche sugli alimenti al momento non ci sono evidenze

Coronavirus e animali domestici, c’è da preoccuparsi? Penocchio (FNOVI): «Il caso di Hong Kong non prova nulla»

La notizia aveva fatto il giro del mondo: ad Hong Kong un cane, pur non manifestando sintomi, è risultato positivo al coronavirus. All’inizio in molti avevano pensato ad una fake news, ma poi è arrivata la conferma dell’Organizzazione mondiale della sanità. Nonostante questo, al momento non c’è nulla di cui preoccuparsi: i nostri animali domestici sono al sicuro e il caso di Hong Kong potrebbe derivare semplicemente dal contatto dell’animale con la padrona affetta da coronavirus, una banale contaminazione ambientale. Lo conferma a Sanità Informazione il Presidente della Federazione degli Ordini dei Veterinari Gaetano Penocchio.

LEGGI ANCHE: LA COMUNICAZIONE AI TEMPI DEL CORONAVIRUS: DALLE INCOERENZE DEI POLITICI ALLE DISCUSSIONI TRA ESPERTI (NON PROPRIO RASSICURANTI)

«Il ritrovamento di tracce di virus in un tampone effettuato su cavità nasali e orali di un cane convivente con il proprietario infetto da coronavirus non significa assolutamente nulla in termini di diagnostica virologica – chiarisce Penocchio -. Non vi è nessuna evidenza scientifica di un trasferimento dell’infezione da uomo a cane, men che meno da cane a uomo. La presenza di tracce di virus nell’animale potrebbe essere del tutto casuale e dovuta al suo semplice contatto con il proprietario».

Tuttavia, considerando che ancora non tutto è noto del COVID-19, la prudenza non è mai troppa ed è bene, anche nei confronti dei nostri animali da compagnia, adottare delle misure precauzionali: «Il Centro per il controllo delle malattie degli Stati Uniti suggerisce alle persone contagiate di limitare il contatto con gli animali, analogamente a quanto si fa con le altre persone del nucleo familiare, evitando, ad esempio baci o condivisione del cibo» spiega ancora il Presidente FNOVI.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, ECCO COME FARE IN CASA GLI IGIENIZZANTI. ORLANDI (FNCF): «BASTANO POCHI PASSAGGI, MA ATTENZIONE AI RISCHI»

Nessuna paranoia, almeno per il momento, va adottata anche verso gli alimenti dato che allo stato attuale «non risulta alcuna evidenza scientifica della trasmissione del virus SARS-CoV-2, agente eziologico della malattia denominata COVID-19, attraverso gli alimenti».

I veterinari sono tra le professioni sanitarie meno coinvolte dall’esplodere dell’epidemia e, ricorda Penocchio, che il loro ruolo non è cambiato: «Continuiamo a perseguire con la salute degli animali e dei prodotti che originano dagli animali, la salute dell’uomo». Come tanti italiani nelle zone rosse o gialle, anche i veterinari vivono i disagi delle misure restrittive: «Non abbiamo evidenza di medici veterinari colpiti dal virus o in quarantena – chiarisce Penocchio -. Il lavoro prosegue con molta difficoltà sia nel settore zootecnico che in quello degli animali da compagnia. In particolare nel settore produttivo il ministero della Salute ha fornito indicazioni in merito alla gestione dell’emergenza, rimarcando aspetti delle attività dei Servizi veterinari a tutela degli allevatori, degli operatori e dei medici veterinari stessi, collegati all’esigenza di garantire l’approvvigionamento di derrate alimentari nonché la movimentazione degli animali nei territori sottoposti a restrizione».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (22 settembre): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
Emergenza blue tongue in Sardegna, l’appello di SIVeMP: «Servono più medici veterinari»
L'epidemia causata dalla scarsa disponibilità di vaccini per ovini. Vacca: «Il Covid-19 non ha determinato un cambio di mentalità dei livelli decisionali, che continuano a considerare la prevenzione primaria come il fanalino di coda della sanità»
di Federica Bosco
Veterinari, Penocchio (FNOVI): «Bene PNRR, medicina veterinaria coinvolta. Ora completare sorveglianza epidemiologica»
La Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani si appresta a celebrare il Consiglio Nazionale a Roma, dove verrà presentato l’istant book “Questione pandemia: emergenza o convivenza?”. Il Presidente chiede la riforma delle scuole di specialità e retribuzioni alla stregua dei medici specializzandi impegnati negli Ospedali
Gimbe: «Contagio rallenta, crollano tamponi. 500 mila vaccini al giorno un miraggio»
L’analisi di Gimbe riscontra una riduzione dei nuovi casi (-11,1%) sovrastimata dal crollo delle persone testate. In lieve calo decessi, casi attualmente positivi e persone in isolamento domiciliare. Resta alta l’allerta ospedali, in grave ritardo la protezione di anziani e fragili
È possibile vivere una buona vita in tempi difficili?
di Antonella Celano (presidente Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare – APMARR APS) e Andrea Tomasini (consigliere nazionale Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare – APMARR APS)  
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco