Salute 3 Marzo 2020

Coronavirus e animali domestici, c’è da preoccuparsi? Penocchio (FNOVI): «Il caso di Hong Kong non prova nulla»

Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Veterinari chiarisce: «Non vi è nessuna evidenza scientifica di un trasferimento dell’infezione da uomo a cane, men che meno da cane a uomo. Ma le persone contagiate limitino contatti con gli animali». Anche sugli alimenti al momento non ci sono evidenze

Immagine articolo

La notizia aveva fatto il giro del mondo: ad Hong Kong un cane, pur non manifestando sintomi, è risultato positivo al coronavirus. All’inizio in molti avevano pensato ad una fake news, ma poi è arrivata la conferma dell’Organizzazione mondiale della sanità. Nonostante questo, al momento non c’è nulla di cui preoccuparsi: i nostri animali domestici sono al sicuro e il caso di Hong Kong potrebbe derivare semplicemente dal contatto dell’animale con la padrona affetta da coronavirus, una banale contaminazione ambientale. Lo conferma a Sanità Informazione il Presidente della Federazione degli Ordini dei Veterinari Gaetano Penocchio.

LEGGI ANCHE: LA COMUNICAZIONE AI TEMPI DEL CORONAVIRUS: DALLE INCOERENZE DEI POLITICI ALLE DISCUSSIONI TRA ESPERTI (NON PROPRIO RASSICURANTI)

«Il ritrovamento di tracce di virus in un tampone effettuato su cavità nasali e orali di un cane convivente con il proprietario infetto da coronavirus non significa assolutamente nulla in termini di diagnostica virologica – chiarisce Penocchio -. Non vi è nessuna evidenza scientifica di un trasferimento dell’infezione da uomo a cane, men che meno da cane a uomo. La presenza di tracce di virus nell’animale potrebbe essere del tutto casuale e dovuta al suo semplice contatto con il proprietario».

Tuttavia, considerando che ancora non tutto è noto del COVID-19, la prudenza non è mai troppa ed è bene, anche nei confronti dei nostri animali da compagnia, adottare delle misure precauzionali: «Il Centro per il controllo delle malattie degli Stati Uniti suggerisce alle persone contagiate di limitare il contatto con gli animali, analogamente a quanto si fa con le altre persone del nucleo familiare, evitando, ad esempio baci o condivisione del cibo» spiega ancora il Presidente FNOVI.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, ECCO COME FARE IN CASA GLI IGIENIZZANTI. ORLANDI (FNCF): «BASTANO POCHI PASSAGGI, MA ATTENZIONE AI RISCHI»

Nessuna paranoia, almeno per il momento, va adottata anche verso gli alimenti dato che allo stato attuale «non risulta alcuna evidenza scientifica della trasmissione del virus SARS-CoV-2, agente eziologico della malattia denominata COVID-19, attraverso gli alimenti».

I veterinari sono tra le professioni sanitarie meno coinvolte dall’esplodere dell’epidemia e, ricorda Penocchio, che il loro ruolo non è cambiato: «Continuiamo a perseguire con la salute degli animali e dei prodotti che originano dagli animali, la salute dell’uomo». Come tanti italiani nelle zone rosse o gialle, anche i veterinari vivono i disagi delle misure restrittive: «Non abbiamo evidenza di medici veterinari colpiti dal virus o in quarantena – chiarisce Penocchio -. Il lavoro prosegue con molta difficoltà sia nel settore zootecnico che in quello degli animali da compagnia. In particolare nel settore produttivo il ministero della Salute ha fornito indicazioni in merito alla gestione dell’emergenza, rimarcando aspetti delle attività dei Servizi veterinari a tutela degli allevatori, degli operatori e dei medici veterinari stessi, collegati all’esigenza di garantire l’approvvigionamento di derrate alimentari nonché la movimentazione degli animali nei territori sottoposti a restrizione».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus e influenza, la sfida della diagnosi differenziale fra urgenze e necessità di precisione
Cauda (Gemelli): «Secondo uno studio il 25% dei francesi non ha alcuna intenzione di sottoporsi alla vaccinazione contro il coronavirus. Servirà uno sforzo importante da parte di infettivologi e medici di famiglia»
di Tommaso Caldarelli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 647.674 (31.084 in più rispetto a ieri). 215.085 i […]
Dieta mediterranea per combattere la psoriasi: frutta, verdura, pesce e legumi
I consigli per una corretta alimentazione e una pelle più sana, anche nella nuova ondata di Covid-19, presentati da APIAFCO in occasione della Giornata Mondiale della Psoriasi del 29 ottobre
Identificato e colpito il tallone di Achille del SARS-CoV-2. Lo studio della Sapienza
I risultati del lavoro, in pubblicazione sulla rivista Pharmacological Research, aprono la strada a strategie innovative per la terapia medica di questo tipo di infezioni virali
Coronavirus, Oms: «Crescita record, 2,2 milioni di nuovi casi in una settimana»
Dal 30 dicembre 2019 all'11 ottobre, inoltre, sono stati segnalati oltre 37 milioni di casi di Covid-19 e 1 milione di decessi in tutto il mondo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...