Salute 12 Marzo 2020

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche che le sintomatiche: avendole isolate, il tasso di infezione è calato di circa 12 volte». Poi sottolinea: «Bene le zone rosse ma serve sorveglianza attiva altrimenti diventano grandi incubatori»

Immagine articolo

«Uno dei cardini del controllo delle epidemie è la sorveglianza attiva. Io sono stato in Africa e per 25 anni mi sono occupato di controllo di malaria. In tutti i casi in cui ha funzionato bisognava andare casa per casa. Non ci sono alternative». Ha le idee chiare Andrea Crisanti, docente di Microbiologia e virologia e direttore dell’Unità complessa diagnostica di microbiologia della Asl di Padova, in prima linea in Veneto nella guerra al coronavirus.

L’idea dei “tamponi di massa”, attuata nel comune di Vo’ Euganeo, sarà presto operativa in tutto il Veneto e si preannuncia come l’unica vera arma al momento per contrastare l’epidemia. Sorprendenti i risultati ottenuti nel comune del padovano: oggi nel paese ci sono solo persone positive asintomatiche in rigido isolamento. «A Vo’ abbiamo testato due volte tutta la popolazione – spiega Crisanti a Sanità Informazione -. I dati di Vo’ indicano senza dubbio che aver fatto i tamponi a tutti ha permesso di identificare fin dall’inizio sia le persone asintomatiche che le sintomatiche: avendole isolate, il tasso di infezione è calato di circa 12 volte. Nella prima analisi c’era un tasso di infezione del 3%, nella seconda era calato al 2,5 per mille, più di dieci volte. Questo dimostra che aver eseguito screening su tutta la popolazione ha avuto un impatto importante. È come se potessimo festeggiare in Italia un calo di dieci volte dei positivi».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, A PADOVA TEST CHE DÀ RISULTATO IN TRE ORE. CRISANTI: «RAPIDITÀ FONDAMENTALE. AI RICERCATORI DICO: NON PIANGIAMOCI ADDOSSO»

Risulta evidente dunque da questo studio che un ruolo decisivo nella propagazione dell’epidemia lo giocano le persone asintomatiche, contrariamente a quello che si pensava all’inizio. «Adesso a Vo’ sappiamo quanti sono gli asintomatici, perché nel secondo campionamento questo 2,5 per mille è tutto composto da asintomatici. Li abbiamo messi in isolamento e ora teoricamente Vo’ dovrebbe essere in sicurezza – continua Crisanti, che vanta un passato da ricercatore all’Imperial College di Londra -. Sicuramente gli asintomatici giocano un ruolo importante. Identificare i contatti positivi e gli asintomatici è una cosa fondamentale. È l’architrave di tutte le azioni che adesso vogliamo fare. Il Veneto sta per potenziare moltissimo la capacità di fare tamponi in tutta la regione. Faremo in primis il tampone a tutte le categorie a rischio, tutte quelle più esposte al pubblico: carabinieri, polizia, cassieri, operatori che stanno a contatto col pubblico, personale sanitario. Dopo andremo a casa di tutti quelli che lamentano sintomi: li testeremo, se sono positivi li mettiamo in isolamento e mettiamo in isolamento tutti i contatti, oltre a testare tutti quelli nel raggio di 100 metri».

Quello che Crisanti racconta è una parte essenziale del cosiddetto modello Veneto: nell’ultimo periodo, mentre in Lombardia i casi sono aumentati di sette volte, in Veneto sono triplicati. Quando però a Crisanti viene chiesto come mai le indicazioni a livello nazionale sono state, al contrario di quanto da lui sostenuto, di ridurre i tamponi, lui preferisce non rispondere: «Le polemiche le lasciamo alla fine di questa storia. Adesso la cosa più importante è risolvere uniti il problema, una volta risolto il problema avremo modo di approfondire. Ma quello che è successo a Vo’ è emblematico. Una volta fatto il test a tutti e messi tutti in isolamento non ci sono stati più casi gravi. Là poteva scoppiare un focolaio come quello di Codogno».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, CONTE: «SERVE ULTERIORE STRETTA, CHIUSI NEGOZI, BAR E RISTORANTI. ARCURI COMMISSARIO»

Crisanti approva le misure di contenimento adottate dal governo «purché si usino i tamponi», altrimenti non servono a niente e «rischiamo la creazione di grossi incubatori. Le faccio un esempio analogo al caso di Vo’ che è la nave Diamond Prince. Hanno fatto il contrario di quello che abbiamo fatto a Vo’. Via via che le persone manifestavano sintomi, le testavano, se risultavano positive le portavano fuori. Hanno trasformato la nave in un incubatore. Quello che bisognava fare era testare tutti il primo giorno, testare tutti tre giorni dopo ed eliminare i positivi dalla nave: certamente non si sarebbe arrivati a 700 casi. Se lei tiene le zone rosse e non fa una azione di sorveglianza attiva è inutile, diventa solo una trappola e le persone una dopo l’altra si ammalano».

Dunque per il professore di virologia è positivo tutto ciò che può aiutare al contenimento dei contatti: «Sono misure senz’altro necessarie. Il virus per espandersi sfrutta la socialità dell’uomo. Qualsiasi azione che la riduce avrà sicuramente un impatto sulla trasmissione. Il problema è che ci sono tante persone asintomatiche che però non sono confinate e hanno ancora, sebbene ridotta, una capacità di socializzare e quindi di trasmettere il virus». Ma perché in alcune persone si manifestano sintomi e in altre no? «Ancora non si sa. Potrebbe essere una differente suscettibilità genetica, una differente carica virale all’inizio, mille cose. Ancora è presto per saperlo».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus in Calabria, Cimo: «Poco personale e strutture inadeguate, se numeri aumentano sarà crisi»
Il Segretario del sindacato Giorgio Ferrara: «Mancano anche tamponi e dispositivi di protezione individuale. Per ora sopravviviamo, ma se dovessero verificarsi picchi come successo al Nord, non riusciremmo a reggere»
Covid-19, i sindacati della dirigenza medica e sanitaria proclamano lo stato di agitazione
I sindacati non escludono una giornata di protesta 'virtuale' se le loro richieste non verranno accolte: DPI per tutto il personale sanitario, quarantena con sorveglianza attiva per chi ha avuto contatti stretti con positivi, limiti alla responsabilità civile, penale e erariale, riconoscimento premiale, aumento dei contratti di formazione e assunzioni a tempo indeterminato. Fp Cgil Medici e Uil Fpl Medici non aderiscono
Dall’intervista a Sanità Informazione a Mosca, l’ex direttore sanitario dell’Ats di Bergamo è ora consulente alla corte di Putin
Giuseppe Imbalzano: «Mi hanno chiesto come organizzare l’attività e ridurre il rischio. Prossimo appuntamento con i direttori degli ospedali, nel frattempo sto preparando un documento per i cittadini»
di Federica Bosco
Mascherine, foulard ed il principio di precauzione
Come evidenziato dagli organi di informazione, da domenica 5 aprile in Lombardia è in vigore, verso tutti i cittadini che, nel rispetto delle precedenti misure di contenimento (il c.d. “distanziamento sociale”), si spostino per giusta causa, l’obbligo, fino al 13 aprile, di indossare una protezione su naso e bocca – adesso è sufficiente il foulard […]
di Calogero Spada, Specialista TSRM in Neuroradiologia
Dall’indennità di Coronavirus alla limitazione della responsabilità delle strutture: polemica sugli emendamenti al Cura Italia
Dopo i contrasti sulla proposta di limitare la responsabilità civile, penale ed erariale non solo degli operatori ma anche delle strutture sanitarie, Salvini ritira emendamento, ma resta in campo quello del Pd. Duro Filippo Anelli: «La misura è colma». In campo anche proposte per MMG e per remunerazione aggiuntiva dei sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 aprile, sono 1.275.856 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 69.514 i decessi e 262.999 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...