Salute 14 Aprile 2022 15:13

Veneto “primo della classe” per il contrasto alla violenza sulle donne e i servizi della salute mentale

La regione guidata dal Governatore Luca Zaia investe 3 milioni per sostegno economico alle donne vittime di violenza, educazione nelle scuole e corsi di recupero per uomini violenti. Mentre inaugura un nuovo modello organizzativo e gestionale territoriale e ospedaliero per la cura della salute mentale con un’area di transizione per i ragazzi tra i 12 e i 24 anni

Veneto “primo della classe” per il contrasto alla violenza sulle donne e i servizi della salute mentale

Una regione sempre un passo avanti. Il Veneto, ancora una volta, conferma di essere un modello di efficienza e innovazione, puntando su un’azione di contrasto alla violenza sulle donne e ad una riorganizzazione e ad un potenziamento dei servizi della salute mentale. Due ambiti che più di altri hanno subito gli effetti devastanti della pandemia e del lockdown. I dati lo confermano.

Infatti, proprio negli ultimi due anni il numero degli atti di violenza sulle donne sono aumentati in modo significativo. Il 15.22 ha fatto registrare un incremento di chiamate superiore al 70% ed il Veneto risulta essere tra le regioni più interessate dal fenomeno con Lazio, Sicilia, Sardegna e Lombardia. Tutti segnali pericolosi che hanno spinto il governatore Luca Zaia a correre ai ripari. E così la giunta regionale ha deciso di investire 3 milioni e 355 mila euro nel 2022 per interventi di prevenzione e contrasto alla violenza contro le donne, di cui un milione di euro stanziati direttamente dalla regione e il restante dal Dpcm nazionale del 29 dicembre 2021. «È stato fatto un lavoro approfondito per destinare i fondi della Regione e dello Stato ad azioni che possano incidere profondamente sul presente e sul futuro delle donne e che permettano di ricostruire la cultura del rispetto e dell’amore che si è perduta», ha dichiarato Zaia.

Sostegno economico alle donne, educazione nelle scuole e corsi di recupero per uomini violenti

Sostengo alle donne, in questa direzione sono stati fatti importanti investimenti nei 26 centri antiviolenza, 27 case rifugio e 37 sportelli antiviolenza, ma non solo. Infatti, sono stati investiti 210 mila euro in corsi di recupero rivolti a uomini violenti e realizzati progetti di formazione, informazione e comunicazione con percorsi di educazione alla pari dignità, al riconoscimento e rispetto dei diritti della donna nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado della regione. Un ambito, quest’ultimo, a cui sono stati destinati 48 mila euro.

«Occorre formare una cultura del rispetto della donna partendo dai ragazzi delle scuole – ha aggiunto Manuela Lanzarin assessore alla Sanità del Veneto -, ma nel frattempo è necessario garantire un porto sicure alle ragazze, alle madri vittime di violenza e ai loro figli, perché troppo spesso gli episodi accadono tra le mura domestiche». Il programma del Veneto prevede molteplici linee di intervento per aiutare le donne a superare le difficoltà connesse all’emergenza Covid che ha aggravato ancor più la loro situazione: sostegno e ripartenza sociale ed economica, interventi per il sostegno abitativo, reinserimento lavorativo, presa in carico di donne migranti anche di seconda generazione vittime di violenza, progetti per minorenni vittime di violenza o di violenza assistita, formazione, comunicazione e informazione nelle scuole e programmi rivolti a uomini maltrattanti.

Riorganizzazione e potenziamento dei servizi per la salute mentale

Altrettanto incisivo l’impegno del Veneto nella riorganizzazione e nel potenziamento dei servizi per la salute mentale che negli ultimi anni, a causa del Covid, hanno evidenziato una crescita delle problematiche da affrontare. «È stato attuato un nuovo modello organizzativo e gestionale territoriale e ospedaliero – ha spiegato l’assessore Lanzarin – con una forte integrazione tra l’area delle cure sanitarie e l’area degli interventi socio relazionali».

Gli obiettivi fissati nel prossimo triennio mirano a rafforzare l’organizzazione sanitaria nell’ambito di un progetto terapeutico personalizzato finalizzato al miglioramento della vita del paziente con disturbi mentali.  In questa direzione verrà potenziata l’assistenza territoriale aumentando le risorse dei Centri di Salute Mentale e implementando una rete capillare di primo livello nelle strutture di prossimità e potenziando le cure domiciliari. «Ci aspettiamo risultati significativi – ha dichiarato l’assessore alla Sanità – migliorando e rafforzando le attività già in essere e potenziando l’assistenza territoriale, superando le frammentazioni organizzative dove sono presenti e valorizzando le competenze degli operatori. Sempre tenendo come punto di riferimento il benessere dei pazienti e delle famiglie».

In questa direzione vengono definite delle équipe multifunzionali operative presso le Case di Comunità, viene implementata la figura dello psicologo psicoterapeuta e istituito l’albo di residenzialità leggera con un coordinamento infermieristico. È previsto inoltre un incremento della telemedicina e la definizione di una nuova unità operativa per l’area della salute mentale nell’età della cosiddetta transizione tra i 12 e i 24 anni con lo scopo di garantire governance sanitaria e raccordo operativo per la gestione della psicopatologia dell’adolescente.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Veneto, 40 milioni per le liste d’attesa e sì all’assunzione di specializzandi
La Regione guidata da Luca Zaia nel dopo Covid fa scuola: con la sentenza 36 del 2022 la Consulta respinge il ricorso di Anaao e Assomed e apre ad una possibile revisione della norma a livello nazionale, mentre sceglie di investire quaranta milioni di euro per recuperare il tempo perduto durante la pandemia
Lea, Veneto sul podio. Lanzarin: «Puntiamo al massimo dei voti. Cesarei e vaccino influenza le criticità su cui investire»
Pubblicata dal Ministero della Salute la griglia di valutazione dei Livelli essenziali di assistenza del 2019. Al top con il Veneto, Toscana ed Emilia-Romagna. Insufficienti Bolzano, Molise, Calabria e Sardegna
di Isabella Faggiano
«Green pass per bar e ristoranti significa rendere obbligatorio il vaccino». Intervista al Presidente del Veneto Luca Zaia
Il Governatore punta su un monitoraggio di massa e offre tamponi gratis a tutti: «Una campagna aggressiva ci serve per avere sempre sottomano l’evoluzione della pandemia. Obiettivo 30 mila al giorno»
di Federica Bosco
Il “caso Veneto”: da modello virtuoso a maglia nera, ecco cosa è cambiato dalla prima ondata
Da regione presa ad esempio durante la prima ondata, ora il Veneto attraversa una crisi e registra cifre record di nuovi contagi. Con Giovanni Leoni, presidente OMCeO Venezia, abbiamo analizzato le possibili cause di questo mutamento
Covid, arriva ordinanza per Emilia-Romagna, Friuli e Veneto. Le nuove misure per chi vive nella “fascia gialla plus”
Un accordo tra i governatori di Emilia, Friuli e Veneto ha portato all'adozione di una nuova ordinanza. Mercati chiusi, nei negozi uno per famiglia, sport solo nei parchi e consumazione vietata ovunque nei luoghi pubblici. Quali sono le altre restrizioni?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali