Salute 23 novembre 2018

Violenza donne, OMCeO Roma celebra giornata contro il femminicidio. Scalise: «Riconoscere comportamento a rischio all’interno della coppia»

Tra gli ospiti del workshop il Magistrato del Tribunale di Roma Antonio Calaresu: «La violenza di genere è frutto del pregiudizio di genere; ha radici educative gravi e profonde. Ricordiamoci, noi genitori, di non fare distinzioni “di genere” nell’educazione dei figli»

Testimonianze di donne che hanno subìto violenze, letture di poesie, interventi. L’Ordine dei Medici di Roma ha dedicato un grande evento al tema della violenza sulle donne, una conferenza che ha avuto luogo presso la sala conferenze Roberto Lala della sede dell’OMCeO Roma.

La dottoressa Cristina Patrizi (Consigliere OMCeO Roma e medico di medicina generale) e la dottoressa Maria Rosaria Scalise hanno coordinato l’evento che si è aperto con la lettura di poesie e le proiezioni di toccanti testimonianze di donne che hanno subìto varie forme di violenza. Tra i vari relatori che si sono succeduti nel corso della giornata, spicca l’intervento del Magistrato del Tribunale di Roma Antonio Calaresu: «La violenza di genere è frutto del pregiudizio di genere; ha radici educative gravi e profonde. Ricordiamoci, noi genitori, di non fare distinzioni “di genere” nell’educazione dei figli e che le donne non sono soggetti deboli, semmai, più vulnerabili. È un errore etimologico che contiene il pregiudizio. Come si previene? Indagini brevi e misure cautelari».

Un workshop in cui era inevitabile parlare anche del tema delle aggressioni agli operatori sanitari, fenomeno che sempre più spesso coinvolge anche le donne dato che secondo i dati Inail sono coinvolte nel 70% delle aggressioni. Un evento che spinge molti camici bianchi oggetto di violenza a cercare giustizia in tribunale per ottenere risarcimento del danno biologico, morale e professionale.

Tutte le manifestazioni di violenza – fisiche e psicologiche – danneggiano le vittime e non tutte trovano la forza di denunciare gli aggressori e lasciare partner pericolosi. «Cercare di capire come possiamo aiutarle non è semplice» rivela la dottoressa Maria Rosaria Scalise nell’intervista a Sanità Informazione, in qualità di coordinatrice della Commissione Pari Opportunità dell’OMCeO di Roma. La dottoressa Scalise, medico psichiatra, indica i segnali d’allarme a cui tutte le donne devono prestare attenzione. Negli anni, le istituzioni sono state allertate e sensibilizzate su un fenomeno preoccupante e di difficile valutazione; ciononostante, c’è ancora tantissimo da fare».

LEGGI ANCHE: A BARI GIORNATA CONTRO VIOLENZA OPERATORI SANITARI. QUESTIONARIO FNOMCeO: 50% MEDICI AGGREDITO IN ULTIMO ANNO

Dottoressa Scalise, il 25 novembre è stata istituita la giornata mondiale contro il femminicidio. Quali sono gli obiettivi dell’iniziativa organizzata dall’Ordine dei medici di Roma per arginare questo fenomeno anche dal punto di vista sanitario?

«Innanzitutto, bisogna fare in modo che il fenomeno venga conosciuto da tutti e indistintamente. Nel corso di questi sette anni in cui l’abbiamo sempre celebrato, noi abbiamo parlato sempre della prevenzione, di come riconoscere i comportamenti a rischio all’interno della coppia. La donna che si trova vicino ad una persona estremamente gelosa che la segue dappertutto, che le controlla tutto, è più facile che subisca una violenza. Succede molto spesso che si scambia la gelosia per un sentimento normale, ma a volte si tratta di persecutorietà, di una relazione fatta di interdipendenza – ambedue le persone sono imbrigliate in una gabbia in cui uno esercita la violenza e l’altro la subisce».

Quanto è importante stanziare risorse per progetti ed iniziative per combattere questo vergognoso fenomeno che ormai fa parte della nostra società?

«È importantissimo: troppe morti, quante ne fa una guerra. È un fenomeno in crescendo. Già due ne sono morte questo mese. Oggi abbiamo ribadito il nostro “no” anche alla violenza contro gli operatori sanitari. Credo che sia qualcosa che attraversa tutti, non ci sono figure professionali che possono dire di essere indenni da violenza e ingiurie verbali: dal signore che risponde al telefono, passando per chi è dietro ad un vetro fino ad arrivare agli insegnanti che sono derisi in classe e poi sui social. Le violenze, al giorno d’oggi, fanno parte della nostra quotidianità. Ed è su questo che dobbiamo soffermarci. Ognuno ha la sua professione ma la violenza riguarda tutti, è come l’acqua quando inizia a defluire ed infilarsi dappertutto».

Articoli correlati
Ripartire dopo il cancro, il make up artist Pablo Gil Gagnè: «Così aiuto le donne a ritrovare la propria femminilità dopo la malattia»
«Innanzitutto, do indicazioni sulla cura della pelle che, a causa delle pesanti cure, risulta spenta e inspessita; quindi mi dedico allo sguardo. Per chi non ha manualità, insegno, con l’ausilio dello stencil, a disegnare le sopracciglia, a scegliere la tonalità di colore giusto per la propria fisionomia e per i propri colori», racconta a Sanità Informazione il famoso truccatore allievo di Gil Cagnè
di Federica Bosco
Aggressioni ai medici, Nursing Up : «Ora basta, chiediamo presidi h24». Appello a Salvini: «Tuteli ordine pubblico»
Il sindacato degli infermieri Nursing Up ha espresso la sua opinione sulle violenze avvenute ieri all’ospedale di Boscotrecase, in provincia di Napoli, ai danni del personale sanitario da parte di alcuni familiari di una paziente deceduta nel nosocomio. «L’aggressione ai sanitari nell’ospedale di Boscotrecase, accompagnata dalle scene di devastazione del Pronto Soccorso, è un episodio gravissimo che condanniamo […]
Foad Aodi (Co-mai): «Visita storica di Papa Francesco, urge un accordo di reciprocità con il mondo musulmano»
Le comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e la Confederazione Internazionale laica interreligiosa (Cili-italia) e il Movimento internazionale Uniti per Unire con tutte le relative associazioni e comunità aderenti manifestano il proprio apprezzamento per la visita storica, coraggiosa, tempestiva e piena di messaggi di dialogo e di speranza di Papa Francesco che si svolgerà […]
Tivoli, Regione Lazio: «Ottimi risultati dal centro antiviolenza grazie al lavoro di squadra»
«Prima accoglienza a 60 donne vittime di violenza maschile, 8 delle quali già inserite in Case rifugio, 185 colloqui, 65 consulenze legali effettuate e 6 misure cautelari emesse». Sono i numeri del Centro antiviolenza di Tivoli, a soli 6 mesi dall’avvio delle attività sul territorio, comunicati in una nota dalla Regione Lazio. «Un risultato straordinario che è […]
Patologie cardiache femminili: il 1 febbraio vestiti di rosso per la salute del cuore
Ogni anno, in Italia, 124.000 donne vengono colpite da un infarto o da un problema cardiovascolare, 70.000 subiscono un ictus, mentre l’arresto cardiaco improvviso affligge complessivamente fra 50.000 e 60.000 persone, con un tasso di mortalità di sette volte superiore a quello degli incidenti stradali. Se, poi, guardiamo all’Europa, si può osservare come l’arresto cardiaco […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...