Salute 23 Novembre 2018 17:55

Violenza donne, OMCeO Roma celebra giornata contro il femminicidio. Scalise: «Riconoscere comportamento a rischio all’interno della coppia»

Tra gli ospiti del workshop il Magistrato del Tribunale di Roma Antonio Calaresu: «La violenza di genere è frutto del pregiudizio di genere; ha radici educative gravi e profonde. Ricordiamoci, noi genitori, di non fare distinzioni “di genere” nell’educazione dei figli»

Testimonianze di donne che hanno subìto violenze, letture di poesie, interventi. L’Ordine dei Medici di Roma ha dedicato un grande evento al tema della violenza sulle donne, una conferenza che ha avuto luogo presso la sala conferenze Roberto Lala della sede dell’OMCeO Roma.

La dottoressa Cristina Patrizi (Consigliere OMCeO Roma e medico di medicina generale) e la dottoressa Maria Rosaria Scalise hanno coordinato l’evento che si è aperto con la lettura di poesie e le proiezioni di toccanti testimonianze di donne che hanno subìto varie forme di violenza. Tra i vari relatori che si sono succeduti nel corso della giornata, spicca l’intervento del Magistrato del Tribunale di Roma Antonio Calaresu: «La violenza di genere è frutto del pregiudizio di genere; ha radici educative gravi e profonde. Ricordiamoci, noi genitori, di non fare distinzioni “di genere” nell’educazione dei figli e che le donne non sono soggetti deboli, semmai, più vulnerabili. È un errore etimologico che contiene il pregiudizio. Come si previene? Indagini brevi e misure cautelari».

Un workshop in cui era inevitabile parlare anche del tema delle aggressioni agli operatori sanitari, fenomeno che sempre più spesso coinvolge anche le donne dato che secondo i dati Inail sono coinvolte nel 70% delle aggressioni. Un evento che spinge molti camici bianchi oggetto di violenza a cercare giustizia in tribunale per ottenere risarcimento del danno biologico, morale e professionale.

Tutte le manifestazioni di violenza – fisiche e psicologiche – danneggiano le vittime e non tutte trovano la forza di denunciare gli aggressori e lasciare partner pericolosi. «Cercare di capire come possiamo aiutarle non è semplice» rivela la dottoressa Maria Rosaria Scalise nell’intervista a Sanità Informazione, in qualità di coordinatrice della Commissione Pari Opportunità dell’OMCeO di Roma. La dottoressa Scalise, medico psichiatra, indica i segnali d’allarme a cui tutte le donne devono prestare attenzione. Negli anni, le istituzioni sono state allertate e sensibilizzate su un fenomeno preoccupante e di difficile valutazione; ciononostante, c’è ancora tantissimo da fare».

LEGGI ANCHE: A BARI GIORNATA CONTRO VIOLENZA OPERATORI SANITARI. QUESTIONARIO FNOMCeO: 50% MEDICI AGGREDITO IN ULTIMO ANNO

Dottoressa Scalise, il 25 novembre è stata istituita la giornata mondiale contro il femminicidio. Quali sono gli obiettivi dell’iniziativa organizzata dall’Ordine dei medici di Roma per arginare questo fenomeno anche dal punto di vista sanitario?

«Innanzitutto, bisogna fare in modo che il fenomeno venga conosciuto da tutti e indistintamente. Nel corso di questi sette anni in cui l’abbiamo sempre celebrato, noi abbiamo parlato sempre della prevenzione, di come riconoscere i comportamenti a rischio all’interno della coppia. La donna che si trova vicino ad una persona estremamente gelosa che la segue dappertutto, che le controlla tutto, è più facile che subisca una violenza. Succede molto spesso che si scambia la gelosia per un sentimento normale, ma a volte si tratta di persecutorietà, di una relazione fatta di interdipendenza – ambedue le persone sono imbrigliate in una gabbia in cui uno esercita la violenza e l’altro la subisce».

Quanto è importante stanziare risorse per progetti ed iniziative per combattere questo vergognoso fenomeno che ormai fa parte della nostra società?

«È importantissimo: troppe morti, quante ne fa una guerra. È un fenomeno in crescendo. Già due ne sono morte questo mese. Oggi abbiamo ribadito il nostro “no” anche alla violenza contro gli operatori sanitari. Credo che sia qualcosa che attraversa tutti, non ci sono figure professionali che possono dire di essere indenni da violenza e ingiurie verbali: dal signore che risponde al telefono, passando per chi è dietro ad un vetro fino ad arrivare agli insegnanti che sono derisi in classe e poi sui social. Le violenze, al giorno d’oggi, fanno parte della nostra quotidianità. Ed è su questo che dobbiamo soffermarci. Ognuno ha la sua professione ma la violenza riguarda tutti, è come l’acqua quando inizia a defluire ed infilarsi dappertutto».

Articoli correlati
Omotransfobia, la psiche del persecutore e le conseguenze su quella della vittima
La discussione sulla Legge Zan si fa sempre più accesa: la discriminazione di persone Lgbt è un fenomeno vasto e reale. Con la dottoressa Biondi, psicologa, esaminiamo le conseguenze delle violenze e la mente di chi le perpetra
Giovani violenti, Lavenia (psicoterapeuta): «Non sono “cattivi ragazzi”, ma adolescenti depressi»
Prima un sedicenne malmenato da un gruppo di coetanei per un complimento inopportuno su Facebook, poi una dodicenne disabile accerchiata e picchiata. Sono solo due degli ultimi episodi di violenza di una lunga e interminabile serie. Il presidente di Di.Te: «Dopo un anno di pandemia la salute mentale degli adolescenti è allo stremo»
di Isabella Faggiano
Donne, Fials: «Salute femminile la più penalizzata da rinuncia cure. Riavviare percorsi di prevenzione dedicati»
In occasione della Giornata della salute della donna, iniziativa promossa dal ministero della Salute per parlare di prevenzione e assistenza al femminile, celebriamo un bene ancora più prezioso e da tenere in conto dopo 14 mesi di pandemia. Proprio in un momento così particolare, le donne sono le vere protagoniste dell’emergenza, essendo la maggioranza della […]
Donne in sanità, sondaggio Fials fotografa condizione femminile nelle Aziende sanitarie
“Quale parità di genere sui luoghi di lavoro in sanità” il sondaggio di Fials
Violenza su bambine in conflitto armato, il ruolo della giustizia penale internazionale?
Ne hanno discusso Maeci, Nazioni unite, Unione Europea, Corte penale internazionale, Save the children, Global coalition to protect education from attack con il contributo di Universities network for children in armed conflict
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...