Voci della Sanità 25 Luglio 2017 11:32

A Roma è emergenza acqua, Acea ipotizza un razionamento idrico anche per ospedali e vigili del fuoco

Nei giorni scorsi la Regione Lazio ha ordinato lo stop ai prelievi idrici dal lago di Bracciano per preservarne il bacino già provato dalla lunga siccità entro le ore 24 del 28 luglio 2017. Di conseguenza, Acea sta valutando un razionamento idrico per un terzo della capitale che, a turni alterni ma continuativi, sia diurni […]

Nei giorni scorsi la Regione Lazio ha ordinato lo stop ai prelievi idrici dal lago di Bracciano per preservarne il bacino già provato dalla lunga siccità entro le ore 24 del 28 luglio 2017. Di conseguenza, Acea sta valutando un razionamento idrico per un terzo della capitale che, a turni alterni ma continuativi, sia diurni che notturni della durata di 8 ore, resterà senza acqua. Non sarebbero esclusi ospedali e pompieri.

La siccità che sta colpendo Roma – nei prossimi giorni è prevista pioggia-  e le aree vicine alla capitale ha portato anche il Vaticano ad intraprendere misure volte al risparmio dell’acqua e ad evitare lo spreco.

Per questo motivo, il Governatorato dello Stato della Città del Vaticano ha deciso di chiudere tutte le fontane, sia quelle esterne ubicate in Piazza San Pietro, sia quelle interne dislocate nei Giardini Vaticani e nel territorio dello Stato. Lo rende noto la Radio Vaticana: “La scelta – riferisce l’emittente – vuole essere in sintonia con gli insegnamenti di Papa Francesco che nell’Enciclica Laudato si’ ricorda come “l’abitudine di sprecare e buttare via” abbia raggiunto “livelli inauditi”, mentre “l’acqua potabile e pulita rappresenta una questione di primaria importanza”.

In queste ore il Comune, la Regione ed Acea stanno discutendo e lavorando ad un piano alternativo: lo scopo è quello di trovare una soluzione che impedisca il razionamento d’acqua per oltre 1 milione di cittadini ed il blocco della fornitura idrica per ben 8 ore al giorno. Il gran caldo di questi mesi e l’assenza di pioggia – secondo quanto attesta il dossier di Coldiretti – avrebbero comunque causato già 2 miliardi di euro di danni e l’andamento climatico del 2017 è definito del tutto anomalo, tanto da esser classificato ai primi posti dei più caldi e siccitosi da oltre 200 anni.

Diversamente dal passato, la siccità sta riguardando in qualche modo tutta l’Italia:

il Lago di Garda che è appena al 34,4% di riempimento del suo volume, mentre il Po è circa 3,5 metri sotto lo zero idrometrico, in Liguria il gran caldo sta mettendo a dura prova le coltivazioni di basilico e olive.

Il Veneto attraverso tre ordinanze ha dichiarato lo stato di crisi per siccità per contingentare l’erogazione dell’acqua cosi come le province di Parma e Piacenza.

E mentre il Lazio è in allarme per la carenza di risorse idriche, caldo siccità stanno provocando anche, incendi senza tregua da nord a sud. I dati della protezione civile: da gennaio più di 700 interventi aerei sollecitati contro i 447 del 2007. Dal 15 giugno 2017 sono state 432 le richieste d’intervento finora ricevute, contro le 308 del  2007 e le 261 del 2012.

Articoli correlati
Laila Perciballi è il primo Garante dei diritti delle persone anziane di Roma
Selezionata tra diversi candidati, l'avvocato Laila Perciballi è stata nominata Garante dei diritti delle persone anziane di Roma. Il suo compito sarà quello di affiancare l'amministrazione capitolina nella promozione di interventi di invecchiamento attivo, di assistenza e cura, di domiciliarità e di prossimità, vigilando sui servizi erogati a tutela del benessere delle persone anziane e nel rispetto dei loro diritti
In Italia non si muore di sete, ma nel mondo sì: tutelare la riserva idrica è un dovere di tutti
Miani, presidente SIMA: «Per risolvere l’emergenza siccità occorre partire dalle abitudini quotidiane dei cittadini. L’Italia è il Paese dalle grandi risorse idriche, ma anche tra i primi al mondo per spreco di acqua: il consumo pro capite quotidiano è di circa 245 litri»
Emergenza peste suina, l’esperto: «Nessun rischio per l’uomo, ma salto di specie imprevedibile»
È stato individuato il primo caso di peste suina africana a Roma su un cinghiale morto. Marco Melosi, presidente Associazione nazionale medici veterinari italiani: «il virus non colpisce l'uomo, ma con mutazioni genetiche possibile spillover»
Le proposte della Cisl Medici Lazio per «un sistema di salute che punti all’eccellenza»
Ai lavori, introdotti dal segretario Cisl Usr Enrico Coppotelli, hanno partecipato Alessio D’Amato, Assessore alla sanità della regione Lazio, Rodolfo Lena, Presidente della commissione sanità del consiglio regionale e Giuseppe Simeone, Componente la commissione sanità regionale
Rifiuti a Roma, Magi (OMCeO): «Si verifichino rischi». L’igienista Fara: «Attenzione agli animali e ai roghi»
Non accenna a risolversi l’emergenza rifiuti che attanaglia la Capitale. Un problema di decoro ma anche di salute. Magi: «Serve piano strutturale per evitare che riaccada in futuro». Gaetano Maria Fara (professore di Igiene): «Se prendono fuoco rifiuti speciali pericoli per la salute»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Patologie dei polmoni, ‘Respiriamo Insieme’: “Una legge ad hoc per il riconoscimento dell’asma grave”

La Presidente Barbaglia: "Necessario assegnare un codice specifico e riconoscere numerose prestazioni fondamentali, al fine di garantire a tutti i pazienti una tempestiva e corretta diagnosi, follow-u...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...