Voci della Sanità 4 Novembre 2019 19:43

Fisioterapia, le nuove linee di indirizzo in riabilitazione non soddisfano i professionisti

«Mercoledì 30 ottobre, i rappresentanti dell’AIFI Piemonte e Valle d’Aosta (la sezione regionale dell’Associazione Italiana Fisioterapisti) hanno incontrato l’Assessore alla Sanità della Valle d’Aosta Mauro Baccega per affrontare il tema delle linee di indirizzo in riabilitazione, recentemente aggiornate dal Ministero della Salute e attualmente in discussione presso la Conferenza Stato-Regioni e Province Autonome di Trento […]

«Mercoledì 30 ottobre, i rappresentanti dell’AIFI Piemonte e Valle d’Aosta (la sezione regionale dell’Associazione Italiana Fisioterapisti) hanno incontrato l’Assessore alla Sanità della Valle d’Aosta Mauro Baccega per affrontare il tema delle linee di indirizzo in riabilitazione, recentemente aggiornate dal Ministero della Salute e attualmente in discussione presso la Conferenza Stato-Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano». È quanto si legge in un comunicato.

«L’AIFI – prosegue -, non soddisfatta dalla posizione assunta dal Ministero, sottolinea che le linee di indirizzo non risolvono i problemi che affliggono la riabilitazione in Italia; in particolare, l’AIFI rileva che le attività riabilitative continuano a far capo all’ospedale, amplificando la spesa sanitaria a carico dei contribuenti, anziché potenziare la rete delle cure primarie e territoriali (che fanno capo al medico di base), specie per quanto concerne le patologie croniche».

LEGGI ANCHE: FISIOTERAPISTI, TAVARNELLI (AIFI): «GIÀ PIU’ DI 50MILA ISCRITTI ALL’ORDINE TSRM PSTRP, CI SONO I PRESUPPOSTI PER AVVIARE LE PROCEDURE PER UN NUOVO ORDINE»

«L’Assessore Mauro Baccega si è detto d’accordo con i rilievi posti dai fisioterapisti, sottolineando come da tempo la regione Valle d’Aosta adotti modelli virtuosi di presa in carico dei pazienti soprattutto in regime ambulatoriale, valorizzando così negli ultimi anni lo sviluppo delle professioni sanitarie».

«In tutte le Regioni italiane si stanno svolgendo incontri analoghi tra le sezioni territoriali AIFI e gli Assessorati alla Sanità; per quanto riguarda il Piemonte, è in programma un colloquio con l’Assessore Luigi Icardi, coordinatore del Tavolo Sanità della Conferenza Stato-Regioni e Province Autonome».

«La situazione della riabilitazione attualmente è in sofferenza – prosegue il comunicato -, come tutti i settori della Sanità; in particolare si lamentano forti problemi legati alle liste di attesa e, di conseguenza, alla tempestività degli interventi sanitari».

«La situazione di compartimentazione della sanità è il nocciolo del problema – spiega Giuseppe Tedesco, presidente di AIFI Piemonte e Valle d’Aosta – ed è alla base dell’eccessivo sovraccarico dei punti di snodo. Sottolineiamo che il medico fisiatra, stando alle linee di indirizzo in discussione, deve visitare tutti i pazienti in attesa di riabilitazione un passaggio che diventa un collo di bottiglia che blocca il sistema. Proponiamo quindi di valorizzare l’autonomia dei professionisti sanitari (fisioterapisti, logopedisti, terapisti occupazionali, ecc) attualmente sottoutilizzati perché considerati esecutori anziché professionisti autonomi come previsto dalle normative vigenti; questa soluzione permetterebbe inoltre di liberare i medici fisiatri dal giogo della prescrizione a catena di montaggio, affinché possano esprimersi come clinici a tutto tondo».

Articoli correlati
«Fisioterapia essenziale nella prevenzione, ma da valorizzare di più nel DM71». Parla Simone Cecchetto (AIFI)
Ad Exposanità AIFI (Associazione italiana di Fisioterapia) ha presentato alcune best practice di fisioterapia territoriale. E nelle scuole è successo per la campagna “la schiena va a scuola”, portata in 400 classi. Cecchetto: «Prossima giornata mondiale della Fisioterapia dedicata all’artrite e alle malattie reumatiche»
di Francesco Torre
World Physical Therapy Day, Ferrante (CDAN): «Fisioterapia migliora qualità della vita e autonomia dei malati cronici»
Il presidente della Commissione d’Albo Nazionale dei Fisioterapisti: «L’Ordine autonomo è un traguardo sempre più vicino. Puntiamo ad inaugurarlo all’arrivo del nuovo anno»
di Isabella Faggiano
Giornata Mondiale Sindrome di Sjögren, corsi formativi per farmacisti e fisioterapisti
A.N.I.Ma.S.S. ODV organizza la settimana di celebrazione della Giornata Mondiale della Sindrome di Sjögren Primaria Sistemica dal 19 al 23 luglio 2021 per accendere i riflettori su una malattia rara non ancora inserita come rara nei LEA e che viene celebrata in tutto il Mondo il 23 luglio. Sono tre gli eventi della Settimana di […]
Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata
La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su 'Physical Therapy': «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»
AIFI, il nuovo presidente Cecchetto: «Alcuni interventi chirurgici evitabili con la fisioterapia»
Nel programma del neo eletto Cecchetto focus su formazione di qualità per tutti i fisioterapisti, collaborazione con il mondo accademico e risposte tempestive ai bisogni dei cittadini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali