Voci della Sanità 4 Novembre 2019 19:43

Fisioterapia, le nuove linee di indirizzo in riabilitazione non soddisfano i professionisti

«Mercoledì 30 ottobre, i rappresentanti dell’AIFI Piemonte e Valle d’Aosta (la sezione regionale dell’Associazione Italiana Fisioterapisti) hanno incontrato l’Assessore alla Sanità della Valle d’Aosta Mauro Baccega per affrontare il tema delle linee di indirizzo in riabilitazione, recentemente aggiornate dal Ministero della Salute e attualmente in discussione presso la Conferenza Stato-Regioni e Province Autonome di Trento […]

«Mercoledì 30 ottobre, i rappresentanti dell’AIFI Piemonte e Valle d’Aosta (la sezione regionale dell’Associazione Italiana Fisioterapisti) hanno incontrato l’Assessore alla Sanità della Valle d’Aosta Mauro Baccega per affrontare il tema delle linee di indirizzo in riabilitazione, recentemente aggiornate dal Ministero della Salute e attualmente in discussione presso la Conferenza Stato-Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano». È quanto si legge in un comunicato.

«L’AIFI – prosegue -, non soddisfatta dalla posizione assunta dal Ministero, sottolinea che le linee di indirizzo non risolvono i problemi che affliggono la riabilitazione in Italia; in particolare, l’AIFI rileva che le attività riabilitative continuano a far capo all’ospedale, amplificando la spesa sanitaria a carico dei contribuenti, anziché potenziare la rete delle cure primarie e territoriali (che fanno capo al medico di base), specie per quanto concerne le patologie croniche».

LEGGI ANCHE: FISIOTERAPISTI, TAVARNELLI (AIFI): «GIÀ PIU’ DI 50MILA ISCRITTI ALL’ORDINE TSRM PSTRP, CI SONO I PRESUPPOSTI PER AVVIARE LE PROCEDURE PER UN NUOVO ORDINE»

«L’Assessore Mauro Baccega si è detto d’accordo con i rilievi posti dai fisioterapisti, sottolineando come da tempo la regione Valle d’Aosta adotti modelli virtuosi di presa in carico dei pazienti soprattutto in regime ambulatoriale, valorizzando così negli ultimi anni lo sviluppo delle professioni sanitarie».

«In tutte le Regioni italiane si stanno svolgendo incontri analoghi tra le sezioni territoriali AIFI e gli Assessorati alla Sanità; per quanto riguarda il Piemonte, è in programma un colloquio con l’Assessore Luigi Icardi, coordinatore del Tavolo Sanità della Conferenza Stato-Regioni e Province Autonome».

«La situazione della riabilitazione attualmente è in sofferenza – prosegue il comunicato -, come tutti i settori della Sanità; in particolare si lamentano forti problemi legati alle liste di attesa e, di conseguenza, alla tempestività degli interventi sanitari».

«La situazione di compartimentazione della sanità è il nocciolo del problema – spiega Giuseppe Tedesco, presidente di AIFI Piemonte e Valle d’Aosta – ed è alla base dell’eccessivo sovraccarico dei punti di snodo. Sottolineiamo che il medico fisiatra, stando alle linee di indirizzo in discussione, deve visitare tutti i pazienti in attesa di riabilitazione un passaggio che diventa un collo di bottiglia che blocca il sistema. Proponiamo quindi di valorizzare l’autonomia dei professionisti sanitari (fisioterapisti, logopedisti, terapisti occupazionali, ecc) attualmente sottoutilizzati perché considerati esecutori anziché professionisti autonomi come previsto dalle normative vigenti; questa soluzione permetterebbe inoltre di liberare i medici fisiatri dal giogo della prescrizione a catena di montaggio, affinché possano esprimersi come clinici a tutto tondo».

Articoli correlati
Fisioterapisti, Ferrante (CDAN): «Verso un Ordine autonomo»
Il presidente della Commissione Nazionale d’Albo dei fisioterapisti: «La pandemia ha dimostrato che accanto alla necessaria risposta in acuzie, assicurata dall’ospedale, è fondamentale strutturare una rete territoriale. Possiamo contribuire a migliorare le condizioni delle persone che richiedono assistenza e cure a lungo termine»
di Isabella Faggiano
Fisioterapista di famiglia, SPIF AR replica ad AIFI: «Nessuno ha proposto modello in convenzione»
Il Segretario Generale del Sindacato dei Fisioterapisti difende il ddl presentato alla camera sul tema: «Nessuno vuole allontanarsi dalla costruzione del team territoriale multiprofessionale, testo potrà essere emendato»
Fisioterapista di famiglia, Bracciantini (AIFI): «Serve quello di Comunità, no al rapporto in convenzione»
L’Associazione italiana Fisioterapisti non è convinta del Ddl depositato in Commissione Affari Sociali: «Rapporto in convenzione non funziona. Per noi sarà la figura professionale che opererà all’interno e al servizio delle Reti Territoriali e non un professionista a sé stante che valuta e agisce isolatamente sui bisogni del paziente»
AIFI: «Dopo il caso Zaniolo la tutela degli atleti passa da una nuova alleanza»
Dall’Associazione Italiana Fisioterapisti una lettera aperta ai media, agli sportivi ed alle società
Giornata Mondiale Fisioterapia dedicata al Covid. Cecchetto (AIFI): «Nostro ruolo decisivo in tante patologie. Ecco i luoghi comuni da sfatare»
In un video pubblicato su AIFI Channel tanti pazienti hanno scelto di raccontare il loro percorso di guarigione accanto al proprio fisioterapista
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 marzo, sono 114.461.199 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.539.235 i decessi. Ad oggi, oltre 244,27 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...