Salute 15 Ottobre 2019 16:10

Fisioterapisti, Tavarnelli (AIFI): «Già più di 50mila iscritti all’Ordine TSRM PSTRP, ci sono i presupposti per avviare le procedure per un nuovo Ordine»

Il Presidente dell’Associazione Italiana Fisioterapisti esprime la sua soddisfazione per il primo Congresso nazionale del maxi Ordine TSRM e PSTRP: «Ci sentiamo parte di questa famiglia»

Fisioterapisti, Tavarnelli (AIFI): «Già più di 50mila iscritti all’Ordine TSRM PSTRP, ci sono i presupposti per avviare le procedure per un nuovo Ordine»

«Facciamo parte di questa famiglia e vogliamo dare il nostro contributo al neonato Ordine delle professioni sanitarie». Il Presidente dell’Associazione Italiana Fisioterapisti – AIFI Mauro Tavarnelli esprime tutta la sua soddisfazione per il primo Congresso nazionale dell’Ordine TSRM PSTRP che si è svolto a Rimini dall’11 al 13 ottobre. I fisioterapisti sono una delle componenti più numerose del nuovo Ordine, tanto numerosa che Tavarnelli non esclude in futuro si attivino le procedure per la costituzione di un Ordine autonomo: «La legge prevede che all’iscritto 50mila e uno il futuro presidente della Federazione nazionale delle Commissioni d’Albo dei fisioterapisti potrà chiedere al Ministero di avere un Ordine proprio» sottolinea Tavarnelli a Sanità Informazione che è intervenuto anche sul tema degli elenchi speciali, varati da un decreto attuativo a giugno: «Abbiamo fatto di tutto affinchè questa situazione prendesse una strada contraria alla sanatoria».

Presidente, per voi fisioterapisti questo primo Congresso è una grande soddisfazione, perché con la legge 3 del 2018 siete confluiti in questo Ordine. Che sensazioni avete?

«Sensazioni molto belle e positive. Tra l’altro c’è una pattuglia molto importante di fisioterapisti. Noi ci sentiamo parte di questa famiglia. Ci siamo perché vogliamo testimoniare la presenza attiva e il fatto che ci crediamo e soprattutto crediamo all’utilità di questo Ordine».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, A RIMINI IL PRIMO CONGRESSO. BEUX: «MODELLO OSPEDALIERO VA SUPERATO, TUTTI POSSIAMO DARE CONTRIBUTO A SALUTE»

C’è la questione dell’elenco speciale. Vi piace la struttura normativa che è stata data al decreto ministeriale?

«Ci piace è una parola forte. Noi siamo stati chiari: non l’abbiamo né chiesta né voluta. Quindi abbiamo fatto di tutto affinchè questa situazione prendesse una strada contraria alla sanatoria. Al momento attuale quello che secondo noi è comunque positivo è che la condizione di chi ha praticato, come dice la norma, e non aveva i titoli ma era stato assunto con concorsi pubblici ha comunque una strada di certificazione, quindi entrerà solamente chi potrà dimostrare. Per quello che riguarda i massofisioterapisti, lo abbiamo detto e lo conferma il decreto attuativo, non sono fisioterapisti, non sono una professione sanitaria, quindi hanno questo elenco speciale che di fatto è un elenco in cui il cittadino può comunque vedere se la persona che la segue è o no un massofisioterapista. Sinceramente credo che meglio di così poteva andare solamente non facendo la legge».

Voi siete una componente importante di questo Ordine, forse siete in un numero tale da potervi voi stessi costituirvi in Ordine…

«La legge prevede che all’iscritto 50mila e uno il futuro presidente della Federazione nazionale delle Commissioni d’Albo dei fisioterapisti potrà chiedere al Ministero di avere un Ordine proprio. Attualmente siamo già più di 50mila iscritti ma non abbiamo ancora quel presidente. Entro il 31 dicembre ci saranno tutte le elezioni delle Commissioni d’Albo territoriali, poi manca il decreto attuativo per le Commissioni nazionali, ma dovrebbe arrivare, il ministro ha dato una certa garanzia e con le elezioni che dovrebbero avvenire grosso modo intorno ad aprile-maggio il presidente, chiunque sarà, potrà chiedere questo. Noi come AIFI siamo sempre stati per questa direzione, non l’abbiamo mai nascosto, ma non siamo noi che gestiamo questa situazione».

Qual è lo stato di salute dei fisioterapisti e dell’AIFI oggi?

«Lo stato di salute è ottimo. I fisioterapisti sempre di più dimostrano di essere una professione socialmente indispensabile. L’AIFI ha raggiunto i 13mila associati superando una quota storica. C’è libertà di associazione, quindi nessuno è costretto. Se 13mila persone si iscrivono alla propria associazione professionale è un ottimo risultato. L’associazione si sta trasformando sempre di più in associazione tecnico-scientifica. Nuovi programmi, nuovi obiettivi, non ci annoieremo».

Articoli correlati
Fisioterapisti, Ferrante (CDAN): «Verso un Ordine autonomo»
Il presidente della Commissione Nazionale d’Albo dei fisioterapisti: «La pandemia ha dimostrato che accanto alla necessaria risposta in acuzie, assicurata dall’ospedale, è fondamentale strutturare una rete territoriale. Possiamo contribuire a migliorare le condizioni delle persone che richiedono assistenza e cure a lungo termine»
di Isabella Faggiano
Fisioterapista di famiglia, SPIF AR replica ad AIFI: «Nessuno ha proposto modello in convenzione»
Il Segretario Generale del Sindacato dei Fisioterapisti difende il ddl presentato alla camera sul tema: «Nessuno vuole allontanarsi dalla costruzione del team territoriale multiprofessionale, testo potrà essere emendato»
Fisioterapista di famiglia, Bracciantini (AIFI): «Serve quello di Comunità, no al rapporto in convenzione»
L’Associazione italiana Fisioterapisti non è convinta del Ddl depositato in Commissione Affari Sociali: «Rapporto in convenzione non funziona. Per noi sarà la figura professionale che opererà all’interno e al servizio delle Reti Territoriali e non un professionista a sé stante che valuta e agisce isolatamente sui bisogni del paziente»
AIFI: «Dopo il caso Zaniolo la tutela degli atleti passa da una nuova alleanza»
Dall’Associazione Italiana Fisioterapisti una lettera aperta ai media, agli sportivi ed alle società
Giornata Mondiale Fisioterapia dedicata al Covid. Cecchetto (AIFI): «Nostro ruolo decisivo in tante patologie. Ecco i luoghi comuni da sfatare»
In un video pubblicato su AIFI Channel tanti pazienti hanno scelto di raccontare il loro percorso di guarigione accanto al proprio fisioterapista
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 gennaio, sono 95.077.677 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.031.599 i decessi. Ad oggi, oltre 39,47 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...