Voci della Sanità 9 Luglio 2020

Ddl aggressioni, UGL Sanità: «Soddisfatti ma non abbassare la guardia. Occorre rafforzare i controlli»

«Si vigili perché, dopo l’approvazione, venga applicata con il massimo della severità e in ogni occasione. Proteggere gli operatori della sanità è compito imprescindibile delle istituzioni di una Nazione civile» sottolinea Gianluca Giuliano, Segretario UGL Sanità

Circa 1.338 aggressioni ai danni di operatori sanitari dipendenti del SSN, una media di circa 4 al giorno. È il drammatico quadro per l’anno 2019, certificato dalle denunce dell’Inail, che disegna i rischi sempre maggiori per i lavoratori e professionisti impegnati a garantire servizi di cura e accoglienza per i propri concittadini.

«Di fronte a questi numeri – dichiara Gianluca Giuliano, Segretario Nazionale della Ugl Sanità – accogliamo con soddisfazione il via libera in commissione Igiene e Sanità del Senato al Ddl contenente disposizioni per la tutela della sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie. Manca ancora l’approvazione definitiva di Palazzo Madama, per la conversione in legge, e l’augurio è che questo accada al più presto senza perdere ulteriore tempo. Pene di reclusione fino a 16 anni e multe saranno certamente un deterrente ma non bisogna abbassare la guardia. C’è bisogno che nelle strutture sanitarie venga rafforzato il controllo, con uomini e mezzi tecnologici, per mettere in sicurezza i lavoratori. Sono loro il vero fronte su cui poggia la struttura del SSN eppure spesso, lo dimostrano i tanti fatti di cronaca che li hanno visti coinvolti da incolpevoli vittime, sono stati abbandonati. Bisogna educare i cittadini al rispetto di chi ha scelto la strada di una professione al servizio degli altri. Sarebbe utile portare all’esterno, oltre alle belle parole di encomio per il sacrificio degli operatori sanitari, anche le storie di generosità e professionalità che li contraddistinguono da Nord a Sud dell’Italia. Bene dunque per il percorso che la legge Antiviolenza sta facendo. Ma si vigili perché, dopo l’approvazione, venga applicata con il massimo della severità e in ogni occasione. Proteggere gli operatori della sanità è compito imprescindibile delle istituzioni di una Nazione civile». 

Articoli correlati
Il Ddl aggressioni è legge. Cosa prevede il testo approvato all’unanimità dal Senato
Sanzioni da 500 a 5mila euro e dai 4 ai 16 anni di reclusione per chi aggredisce gli operatori della sanità. Le reazioni
Sanità privata, UGL: «Non disperdere gli accordi della pre-intesa. Ora responsabilità»
In base alla pre-intesa siglata il 10 giugno il contratto doveva essere stipulato entro il 30 luglio. «Noi come sindacato saremo garanti dei diritti degli operatori coinvolti, che attendono questa firma da 14 lunghissimi anni. Per tale ragione ci riserviamo, qualora in tempi brevi non si arrivi all’auspicata soluzione, di intraprendere qualunque iniziativa a tutela dei lavoratori» spiega il Segretario UGL Sanità Gianluca Giuliano
Sanità privata, accordo tra UGL e Regione Lazio per salvaguardia occupazionale
Il protocollo prevede l’insediamento di una Cabina di Regia, con gli Assessorati alla Salute e al Lavoro. Valiani e Giuliano (UGL): «Revochiamo presidio al Consiglio regionale ma non abbassiamo la guardia»
Dati Inail, Giuliano (UGL Sanità): «Non sia vano il sacrificio del personale sanitario»
«L’assenza di un piano pandemico aggiornato nella prima fase dell'emergenza di dispositivi di protezione ha fatto sì che il personale sanitario abbia pagato a caro prezzo e sulla propria pelle la lotta al virus» sottolinea il Segretario UGL Sanità Gianluca Giuliano
Covid-19, Ugl sanità plaude a monumento S. Croce. Giuliano: «Tributo dovuto a lavoratori sanità deceduti»
Il Segretario della UGL Sanità chiede di tutelare gli operatori sanitari in prima linea durante l'emergenza con lo «scudo penale perché nel futuro prossimo le aule dei tribunali non li vedano attori contro la loro volontà»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...