Voci della Sanità 9 Luglio 2020 16:44

Ddl aggressioni, UGL Sanità: «Soddisfatti ma non abbassare la guardia. Occorre rafforzare i controlli»

«Si vigili perché, dopo l’approvazione, venga applicata con il massimo della severità e in ogni occasione. Proteggere gli operatori della sanità è compito imprescindibile delle istituzioni di una Nazione civile» sottolinea Gianluca Giuliano, Segretario UGL Sanità

Circa 1.338 aggressioni ai danni di operatori sanitari dipendenti del SSN, una media di circa 4 al giorno. È il drammatico quadro per l’anno 2019, certificato dalle denunce dell’Inail, che disegna i rischi sempre maggiori per i lavoratori e professionisti impegnati a garantire servizi di cura e accoglienza per i propri concittadini.

«Di fronte a questi numeri – dichiara Gianluca Giuliano, Segretario Nazionale della Ugl Sanità – accogliamo con soddisfazione il via libera in commissione Igiene e Sanità del Senato al Ddl contenente disposizioni per la tutela della sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie. Manca ancora l’approvazione definitiva di Palazzo Madama, per la conversione in legge, e l’augurio è che questo accada al più presto senza perdere ulteriore tempo. Pene di reclusione fino a 16 anni e multe saranno certamente un deterrente ma non bisogna abbassare la guardia. C’è bisogno che nelle strutture sanitarie venga rafforzato il controllo, con uomini e mezzi tecnologici, per mettere in sicurezza i lavoratori. Sono loro il vero fronte su cui poggia la struttura del SSN eppure spesso, lo dimostrano i tanti fatti di cronaca che li hanno visti coinvolti da incolpevoli vittime, sono stati abbandonati. Bisogna educare i cittadini al rispetto di chi ha scelto la strada di una professione al servizio degli altri. Sarebbe utile portare all’esterno, oltre alle belle parole di encomio per il sacrificio degli operatori sanitari, anche le storie di generosità e professionalità che li contraddistinguono da Nord a Sud dell’Italia. Bene dunque per il percorso che la legge Antiviolenza sta facendo. Ma si vigili perché, dopo l’approvazione, venga applicata con il massimo della severità e in ogni occasione. Proteggere gli operatori della sanità è compito imprescindibile delle istituzioni di una Nazione civile». 

Articoli correlati
No vax sempre più aggressivi: nel mirino medici, giornalisti e politici
Intimidazioni, minacce e aggressioni: sale la tensione. L'assessore alla Sanità del Lazio: «Chi finisce in terapia intensiva e ha rifiutato il vaccino si paghi il ricovero»
Da UGL Sanità e Medici nasce UGL Salute. Capone: «Alle porte grande sfide»
Gianluca Giuliano nominato Segretario Nazionale della nuova Ugl Salute: «Continueremo a lavorare per un nuovo SSN, per l'adeguamento degli stipendi alla media europea e per la sicurezza sui luoghi di lavoro»
Carenza operatori, UGL: «SSN non competitivo a livello europeo. Adeguare retribuzioni»
La grande fuga dalla sanità italiana. È quella che da anni spinge medici e infermieri a accettare incarichi meglio remunerati al di fuori dei confini. Ma in questo percorso da emigranti i professionisti non sono soli, visto che anche tanti pazienti hanno deciso di rivolgersi a strutture sanitarie estere. In una nota la posizione dell’UGL […]
Recovery plan, Giuliano (UGL): «Amareggiati, solo nove miliardi su 200 alla sanità. Governo prepara la strada al MES?»
«Il ministro Speranza dovrebbe riflettere sul peso avuto dal suo dicastero nella suddivisione delle risorse presenti nella bozza» spiega Gianluca Giuliano, Segretario UGL Sanità
Covid-19, UGL Sanità: «Bene Ddl che introduce scudo penale per operatori sanitari. Sul tema politica in ritardo»
L’UGL Sanità valuta positivamente la possibilità che si dia agli operatori della sanità impegnati nella lotta al Covid-19 la tutela giuridica dello scudo penale. «Apprendiamo – dichiara Gianluca Giuliano, Segretario Nazionale della UGL Sanità – che è stato presentato un disegno di legge denominato “Disciplina temporanea della responsabilità degli esercenti le professioni e le attività […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 maggio, sono 527.393.956 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.228 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...