Voci della Sanità 5 Febbraio 2021 16:57

Da UGL Sanità e Medici nasce UGL Salute. Capone: «Alle porte grande sfide»

Gianluca Giuliano nominato Segretario Nazionale della nuova Ugl Salute: «Continueremo a lavorare per un nuovo SSN, per l’adeguamento degli stipendi alla media europea e per la sicurezza sui luoghi di lavoro»

Da oggi nasce la UGL Salute. «È un passo fondamentale» dichiara Francesco Paolo Capone, Segretario Generale della Ugl «perché l’unione della due Federazioni, Sanità  e Medici, darà forza e slancio a un settore messo a dura prova da questi mesi di emergenza ma che nonostante le  condizioni proibitive in cui ha operato ha mostrato,  per mezzo di tutti gli operatori sanitari, la sua faccia migliore fatta di professionalità, generosità, senso di appartenenza alla Nazione».

Il Segretario Generale Capone prosegue: «Alle porte ci sono grandi sfide che vanno affrontate con una comunità di intenti assoluta. Auguro a tutta la UGL Salute di ottenere sempre maggiori risultati, nel solco della tradizione del nostro sindacato sempre e comunque dalla parte dei lavoratori».

Alle parole del Segretario Generale si è unito Gianluca Giuliano nominato Segretario Nazionale della nuova Ugl Salute. Il sindacalista da anni in prima linea al fianco degli operatori della Sanità ringrazia il Segretario Generale per la fiducia e così commenta: «Questo passaggio è fondamentale per la crescita della nostra organizzazione. L’interazione tra i medici e gli altri professionisti, nell’ottica di un lavoro di squadra, contribuirà sicuramente a sconfiggere la pandemia e a far crescere la nostra organizzazione. Continueremo a lavorare per un nuovo SSN, per l’adeguamento degli stipendi alla media europea e per la sicurezza sui luoghi di lavoro. Continueremo la nostra lotta per lo sblocco del turn over e per nuove assunzioni con forme di contratto a tempo indeterminato per fronteggiare le carenze strutturali degli organici. La pandemia ha messo a nudo il fallimento del SSN così come è stato pensato. Noi siamo pronti a fornire il nostro contributo per rilanciarlo partendo da fondamenta solide rappresentate dai lavoratori».

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
SSN, Camera approva mozioni. Quartini (M5S): «Investire almeno il 10% della spesa sanitaria in prevenzione»
Il capogruppo pentastellato in commissione Affari sociali boccia le politiche sulla sanità del governo Meloni: «Continua definanziamento, almeno 8% del PIL vada a spesa sanitaria». E contesta il numero chiuso a Medicina
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...