Voci della Sanità 29 Marzo 2019

Da Senior Italia FederAnziani il database nazionale di canili e gattili di tutta Italia: censite 949 strutture

Adottare un animale da compagnia è una buona ricetta per vivere in salute e più a lungo facendo risparmiare il Servizio Sanitario Nazionale, ed è un atto di generosità che consente di dare una famiglia a tanti pet abbandonati in canili e gattili, liberando al contempo risorse economiche per i comuni, da investire in servizi per la popolazione più bisognosa.

Per questo Senior Italia FederAnziani lancia un’iniziativa indirizzata alle persone anziane ma non solo che intendano adottare un animale da compagnia. Si tratta del progetto “Insieme è meglio”, nato da una collaborazione tra Senior Italia FederAnziani e Federchimica AISA (Associazione Nazionale Imprese Salute Animale), che ha portato alla mappatura dei canili e gattili d’Italia e alla realizzazione di un database che consentirà a chiunque lo desideri di ricercare la struttura per animali più vicina a casa propria. Il database, ora disponibile in rete sul sito di Senior Italia FederAnziani consente di effettuare una ricerca per Comune. Attraverso il portale è possibile trovare il nome del rifugio, del canile rifugio o canile sanitario, gattile, colonia felina, centro cinofilo, oasi canina o qualsiasi altra struttura sul territorio nazionale all’interno del proprio comune, se ve ne sono, accedendo anche all’indirizzo, al numero di telefono e alla mail.

Il censimento ha portato all’individuazione di 949 strutture. La maggiore concentrazione in Lombardia, con 128 strutture, seguita da Piemonte e Campania (99 strutture), Lazio (87), Emilia Romagna (73), Marche (64), Sicilia (59), Toscana (58), Puglia (57), Veneto (33) Abruzzo, Sardegna e Calabria (31), Liguria (28), Friuli Venezia Giulia (20), Umbria (15), Trentino Alto Adige (14), Basilicata (12), Molise (9), Val D’Aosta (1). Nelle grandi città il primato delle strutture spetta a Roma (24), mentre Palermo conta 11 strutture, Napoli 10, Milano 7, Torino 6.

Sappiamo che gli over 65 sono molto affezionati agli animali da compagnia, infatti oltre un anziano su due ne possiede almeno uno e il trend è in continua crescita. Secondo il rapporto Senior Italia FederAnziani su “Over 65 e Animali da Compagnia”, infatti, la percentuale di proprietari di animali tra i senior è salita dal 39% al 55% tra il 2015 e il 2017. Inoltre ben il 68% degli intervistati afferma che la compagnia del proprio animale influenza molto il proprio benessere fisico e mentale. (Si legga il rapporto di seguito: https://bit.ly/2Heo404)

«Ci auguriamo che questo progetto possa rappresentare un punto di partenza per un lavoro congiunto tra Ministero della Salute, Regioni e mondo dell’associazionismo – dichiara il Presidente di Senior Italia FederAnziani Roberto Messina – per promuovere l’adozione degli animali da compagnia da parte della popolazione, specialmente quella anziana, e per rendere sostenibile il possesso di un pet anche per quei pensionati che hanno difficoltà ad arrivare alla fine del mese e per i quali la compagnia di un animale diventa un bene ancora più prezioso, un modo per sconfiggere l’isolamento, un pretesto per uscire di casa, coltivare relazioni, mantenersi attivi. Chiediamo l’istituzione di un tavolo congiunto fra i principali attori coinvolti (Istituzioni, veterinari, associazioni, mondo dell’impresa) per mettere a punto iniziative e soluzioni e proponiamo di introdurre incentivi per chi adotta un animale da compagnia, sotto forma di detrazioni fiscali, e rimodulazione delle aliquote IVA: esentare alcune prestazioni veterinarie di rilevanza pubblica (es. sterilizzazioni, visita veterinaria di adozione, profilassi anti-zoonosi) e portare in fascia IVA agevolata, al pari dei farmaci veterinari, le cure veterinarie. Inoltre, alcuni enti locali virtuosi hanno ricompensato le adozioni da canili e gattili alleggerendo la tassazione locale (es. tagli alle tasse sui rifiuti)».

Animali e benessere psico-fisico dei senior

Avere un pet «costringe» i senior al movimento e incide quindi positivamente sulla loro salute fisica. Infatti oltre l’89% porta fuori il cane, il 78,7% dei rispondenti lo fa ogni giorno. Per la maggior parte dei senior la presenza di un pet incide positivamente anche sulla salute psichica poiché li mantiene attivi mentalmente. Le attività da svolgere in compagnia del pet sono quelle che vengono svolte più volentieri, seguite dal leggere un libro o ascoltare musica. Per il 68% dei rispondenti la compagnia del proprio pet influenza molto il benessere fisico e mentale.

Da un’analisi della letteratura scientifica internazionale condotta dal Centro Studi Senior Italia emerge che i possessori di cani hanno il 57% di probabilità in più di svolgere attività fisica rispetto a chi non ne ha. I senior >65 anni che possiedono un cane sono più in forma, tanto da dimostrare biologicamente 10 anni di meno. (Zhiqiang Feng et al. della University of St Andrew).

Si pensi che camminare in media 1,4h a giorno avrebbe le seguenti implicazioni:

    • 432.000 diabetici con meno complicanze, con risparmi pari a circa 1,2 miliardi di euro
    • riduzione dell’incidenza di patologie cardiovascolari (-7%) con risparmi pari a circa 1,3 miliardi di euro
    • maggior stima di se stessi (+6%), più alti livelli di esercizio fisico svolto (+10,5%) e minor incidenza di depressione (-5,73%) rispetto a coloro che non possedevano animali domestici con risparmi pari a circa 252 mila euro l’anno

Ai risparmi legati al diverso stile di vita degli anziani che adottino un animale da compagnia si affiancano quelli determinati dalla riduzione degli animali ospitati nei canili e nei rifugi: un cane in canile, costa mediamente 1.277,50 € all’anno; se moltiplichiamo questa cifra per i cani presenti nei canili rifugio delle Regioni, raggiungiamo la cifra di 161.044.205€ che moltiplicata per sette anni (tempo medio della permanenza in canile di un cane in assenza di adozione) raggiunge la cifra stimata di euro 1.127.309.435€. (Elaborazione Centro Studi Senior Italia FederAnziani). Secondo l’Osservatorio di Senior Italia FederAnziani, i proprietari ‘over 65’ sono possessori responsabili: attenti alle cure veterinarie (l’85% di loro porta regolarmente il proprio animale dal veterinario) e all’accudimento costante del loro mantenimento in salute e benessere.

Articoli correlati
Coronavirus, Senior Italia FederAnziani: «Lockdown per fasce d’età»
Messina: «Il 95,4% di tutti i decessi Covid è over 60. Non isolare, ma proteggere, concentrando tutte le risorse su over 65 con patologie»
FederAnziani: «8 contagi su 10 in famiglia. Indossare la mascherina per evitare strage dei nonni»
«Non uscire se non è strettamente necessario, fare attenzione ai contatti con i figli e i nipoti». E ai giovani: «Proteggete i vostri nonni, stategli vicini più che potete ma a distanza, fate la spesa per conto loro»
Covid-19, Senior Italia: «Anziani terrorizzati. Dilagano ansia e depressione. E il 55,7% ha problemi di accesso alle cure»
Anziani in auto lockdown. Le più grandi paure? Contagiare o essere contagiati dai propri cari e morire da soli. Ma il 72,4% ripone fiducia nelle scelte delle Istituzioni. TV e carta stampata le principali fonti per i comportamenti da adottare rispetto al Covid, e il 7,9% va a caccia di informazioni online
Psoriasi e stili di vita: la battaglia per una pelle sana inizia a tavola
L’APIAFCO presenta la collana di libri sulla corretta alimentazione per chi soffre di malattie infiammatorie della pelle: otto volumi e oltre 900 pagine di consigli e articoli scientifici con ricette dei migliori chef
Dalla cottura dei cibi a come affrontare i disturbi del sonno, il vademecum FIMMG per i corretti stili di vita
Marrocco (FIMMG): «I comportamenti quotidiani 'arma' importante per superare problematiche»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 novembre, sono 60.420.355 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.421.650 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli