Voci della Sanità 18 Marzo 2022 19:20

Covid, Medici a Mani Nude: «Non basta una data per onorare sacrificio. Ora subito ristori alle famiglie dei medici deceduti»

L’associazione che riunisce i famigliari dei medici di medicina generale e pediatri di libera scelta deceduti nel corso della pandemia chiede il varo del decreto attuativo del fondo per i ristori varato in Consiglio dei ministri

«Non basta una data sul calendario per onorare la memoria dei nostri familiari, medici caduti nella lotta al virus del covid-19», è quanto afferma Gennaro Avano, Presidente dell’Associazione Medici a Mani nude, che riunisce i famigliari dei medici di medicina generale e pediatri di libera scelta deceduti nel corso della pandemia.

«Oggi, come tutti i giorni, il nostro pensiero va ai medici deceduti in pandemia, i nostri padri e alle nostre madri che hanno lottato per salvare vite umane fino all’ultimo lavorando notte e giorno, andando incontro alla morte con spirito di abnegazione ed enorme sacrificio. Le forze politiche li chiamano eroi e lo sono, ma sono anche e soprattutto martiri», prosegue Avano.

«Dopo l’annuncio dei ministri Speranza e Bonetti e l’approvazione del fondo aggiuntivo di 15 milioni per ristorare le famiglie dei medici di famiglia deceduti causa Covid, ci aspettiamo nel giro di qualche settimana il decreto attuativo che possa trasformare le parole in fatti concreti e riconoscimenti tangibili nei confronti di coniugi e figli indistintamente che hanno subito una perdita irreparabile», conclude Gennaro Avano.

Articoli correlati
Ristori a medici colpiti da Covid, Avano (Ass. Medici a mani nude): «Vadano a figli e coniugi senza distinzioni»
«Ora ci auguriamo si vada avanti con accordo di tutte le forze politiche nel più veloce tempo possibile per erogare ristori equi a figli, mogli e mariti e riconoscere il valore dei medici deceduti come vittime del dovere» afferma il Presidente dell'associazione che riunisce i familiari di MMG e pediatri di libera scelta deceduti per Covid
“Medici a mani nude”, i familiari dei MMG deceduti per Covid si uniscono: «Lo Stato garantisca le giuste tutele»
A differenza dei medici ospedalieri, ai MMG e ai pediatri di libera scelta il Covid non viene riconosciuto come infortunio sul lavoro. Il presidente Avano: «Alle istituzioni chiediamo di tutelare questa categoria di medici che durante la pandemia ha avuto un ruolo importante». A loro la solidarietà del presidente FNOMCeO Anelli
di Francesco Torre
“Medici a mani nude”: nasce l’associazione che unisce familiari di MMG e pediatri di libera scelta deceduti per Covid-19
L'associazione nei prossimi giorni si interfaccerà con tutte le forze politiche per richiedere tavoli di discussione sugli emendamenti al Disegno di legge 2350 su “Interventi finalizzati a garantire un giusto ristoro in favore dei medici deceduti o che hanno riportato lesioni o infermità di tipo irreversibile a causa dell’infezione da SARS-CoV-2”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...